Perché Facebook ha bloccato l’esperimento sull’IA

Se al supermercato vi accorgeste che la bilancia con cui il salumiere vi sta pesando qualcosa fosse tarata male, che fareste? Lo fermereste e gli chiedereste di ripetere la taratura oppure comincereste ad allarmare gli altri riguardo l’inflazione improvvisa che incombe sul mercato?

La maggior parte dei nostri media sembra preferirebbero la seconda scelta, probabilmente perché fa più notizia. Alice e Bob, di cui vedete il dialogo insensato nell’immagine, sono i nomi di due intelligenze artificiali sviluppate dal team di Facebook che si occupa dell’IA.

Queste due intelligenze erano state programmate per svolgere una contrattazione, discutendo della distribuzione di alcuni oggetti. Ma erano state programmate con un errore nel codice, avendo impostato come facoltativa la capacità di mantenere il dialogo in un inglese corretto. Queste hanno allora iniziato ad utilizzare una lingua che per loro fosse più efficiente, a scapito della correttezza grammaticale e sintattica, portando al dialogo per noi no-sense che vedete in figura.

Allora gli sperimentatori hanno bloccato l’esperimento, perché avevano bisogno che il dialogo rimanesse coerente e comprensibile.

NON lo hanno fatto per paura di un futuro distopico stile “Io, Robot” o “2001: Odissea nello Spazio”, come hanno preferito dire in molti.

Condividete questo post per cercare di bilanciare un po’ l’ondata di allarmismo!

Scoperta una nuova luna nella fascia di Kuiper
2007OR10 è il nome del terzo pianeta nano in ordine grandezza nella regione transnettuniana, la regione in cui gli oggetti orbitano almeno in parte al di fuori dell'orbita
La fine di Kepler: qual è il lascito del cacciatore di esopianeti?
Dopo 9 anni a caccia di pianeti extrasolari, la missione Kepler è giunta definitivamente a compimento: finito il carburante, l'osservatorio, che già stava
Terremoti e trivelle: che legame c'è?
Tra le varie discussioni che accendono i social ce n'è una che va molto di moda in periodi in cui si verificano episodi sismici: la relazione causale tra questi episodi e la presenza
La fine programmata di Rosetta
La sonda Rosetta, in orbita attorno alla cometa 67/P Churyumov-Gerasimenko è prossima alla sua fine, con l'atterraggio sulla cometa programmato per venerdì 30 settembre alle 12:40 italiane.
La
Pint of Science 2018, ecco tutti gli appuntamenti
Anche quest'anno torna Pint of Science, l'iniziativa di comunicazione scientifica che porta i ricercatori nei locali a parlare di scienza, sorseggiando una bella birra.
Come funzionano i campi magnetici planetari

Sulla Terra permette lo sviluppo della vita, su Marte c'era ma oggi non c'è più. In che modo si possono formare i campi magnetici planetari?



Secondo i migliori modelli attualmente
L'origine del Sistema Solare
"Chi siamo?", "da dove veniamo?", "come possiamo ideare simulazioni abbastanza potenti da simulare un sistema caotico di N corpi in maniera sufficientemente dettagliata da predire la formazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: