La sonda Cassini termina la sua storica esplorazione di Saturno – Comunicato della NASA

La sonda Cassini è stata lanciata nel 1997 da Cape Canaveral ed è arrivata su Saturno nel 2004. La NASA ha esteso la sua missione due volte: prima per due anni, poi per altri 7. In particolare, la seconda di queste estensioni era pensata per eseguire una serie di flyby sulle lune ghiacciate del pianeta, usando il carburante rimanente nei motori di Cassini. Cassini ha finito il suo tour del sistema di Saturno con il Grand Finale, una serie di orbite strette che lo hanno portato ad attraversare lo spazio tra il pianeta ed i suoi anelli, fino alla distruzione controllata nell’atmosfera di nubi del pianeta. 

Cassini è ora andata, ma la sua enorme quantità di dati raccolti ci accompagneranno nei decenni a venire.

Riportiamo il comunicato della NASA riguardo la fine della missione Cassini.

 

Il 15 settembre si è chiuso un capito incredibile dell’esplorazione del nostro Sistema Solare, con la fine della sonda Cassini nell’atmosfera di Saturno, attorno al quale orbitava da 13 anni.

Questo è il capitolo finale di una missione incredibile, ma è anche un nuovo inizio,” ha detto Thomas Zurbuchen, amministratore associato per il NASA’s Science Mission Directorate al quartier generale della NASA a Washington, “la scoperta di Cassini di oceani su Titano ed Encelado ha cambiato tutto, cambiando il nostro modo di vedere il concetto di abitabilità al di fuori della nostra Terra.

La telemetria ricevuta durante l’immersione nell’atmosfera indica, come aspettato, che Cassini sia entrato nell’atmosfera di Saturno, inviando un ultimo insieme di osservazioni scientifiche. La perdita di contatto con la sonda è avvenuta alle 7:55 a.m. EDT (4.55 a.m. PDT), con l’ultimo segnale ricevuto dal complesso di antenne della NASA Deep Space Network, a Canberra, Australia.


“E’ un amaro, ma orgoglioso, addio ad una missione che ci lascia un’incredibile quantità di scoperte che hanno influenzato il nostro modo di vedere Saturno ed il Sistema Solare, e che continueranno a plasmare le missioni e ricerche future.” ha detto Michael Watkins, direttore del JPL a Pasadena, California, che gestisce la missione Cassini. Il JPL ha anche disegnato, progettato e sviluppato la sonda.

L’immersione di Cassini nell’atmosfera ha posto termine al Grand Finale, l’ultima fase della missione durata 22 settimane, in cui la sonda ha esplorato la regione di spazio situata tra gli anelli ed il pianeta, un compito mai eseguito da alcuna sonda.

“Il team di Cassini ha fatto un lavoro veramente stellare guidando la sonda fino alla sua nobile fine,” ha detto Earl Maize, il poject manager di Cassini, “Tra la progettazione della traiettoria sette anni fa, alla navigazione tra Saturno ed i suoi anelli. Un bel modo di andarsene, un vero barlume di gloria.”

Come pianificato, i dati dagli otto strumenti scientifici della sonda sono stati inviati a Terra, dove saranno analizzati dagli scienziati della missione e potranno fornirci ulteriori suggerimenti sulla formazione ed evoluzione del pianeta, oltre ai processi che avvengono nella sua atmosfera.

“Le cose non saranno mai più le stesse per coloro che hanno lavorato a questa missione, adesso che la sonda non sta più volando”, ha detto Linda Spilker, ricercatrice del JPL, “Ma ci fa stare meglio sapere che ogni volta che guardiamo Saturno nel cielo notturno, sarà lì anche parte della sonda Cassini.” 

“Cassini è andata, ma i dati raccolti ci terranno occupati per molti anni,” ha detto Spilker,“Abbiamo solo grattato la superficie di ciò che possiamo imparare dalla montagna di dati raccolti dalla sonda in questi anni.”

La sonda Cassini termina la sua storica esplorazione di Saturno - Comunicato della NASA
La sonda Cassini è stata lanciata nel 1997 da Cape Canaveral ed è arrivata su Saturno nel 2004. La NASA ha esteso la sua missione
Storia universale della natura e teoria del cielo
Immanuel Kant aveva ventisette anni  quando lesse una recensione del libro "An original Theory of the universe" dell'inglese Richard Wright. Era il 1751 e il giovane Kant,
Polaris Flare: un grattacapo cosmico fotografato da Herschel

Polaris Flare non è veramente un "flare", ma è il nome di una misteriosa regione di polveri e gas osservabile nella costellazione dell'Orsa Minore, nella
Quelle molecole organiche su Cerere
Un recente studio spettroscopico effettuato da un team italiano grazie ai dati della sonda Dawn ha rivelato la presenza di composti alifatici sulla superficie di Cerere. La natura di
Quando i marziani si innamorano della sonda
Prima è apparso come se Marte volesse congratularsi con la sonda Mars Global Surveyor (MGS) con un volto sorridente, ora sembra che il pianeta stia dimostrando il proprio amore
Dodekatheon: ecco la copertina in esclusiva del 4° capitolo dell'Onniologo
Come annunciato da qualche settimana sulla nostra pagina Facebook, Cronache dal Silenzio è stato scelto per ospitare il Cover Reveal del quarto
KELT-9b: il pianeta più caldo mai osservato
KELT-9b è il nome di un pianeta hot jupiter scoperto da poco nel sistema di KELT-9 che sfida qualunque pianeta finora osservato, avendo una temperatura di oltre 4600 K, maggiore

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *