Onde Gravitazionali: la prima volta di LIGO e VIRGO

Il 27 settembre 2017, la Collaborazione Virgo e la Collaborazione LIGO hanno annunciato la prima osservazione di onde gravitazionali ottenuta tramite il lavoro congiunto di tre interferometri laser. L’onda è stata osservata il 14 agosto 2017 ed è stata prodotta da due buchi neri di 31 e 25 masse solari.

Ormai sono passati oltre due anni dalla prima rivelazione di onde gravitazionali, avvenuta il 15 settembre 2015 ed annunciata a febbraio 2016. In quell’occasione, il primato spettava ai due osservatori americani LIGO situati a Handford (Washington) e Livingston (Louisiana). Dal primo agosto, però, è stato riattivato anche il rivelatore Virgo che, in triangolazione con gli osservatori LIGO, è in grado di ottenere informazioni molto più precise sulle sorgenti di questo tipo di onde. In futuro è previsto un ulteriore ampliamento dell’esperimento con l’avvio di due simili rivelatori in Giappone ed in India.

A pochi giorni dalla riattivazione di Virgo, gli interferometri hanno rivelato la prima onda gravitazionale: il 14 agosto 2017 alle 10:30:43 UTC è stata infatti rivelato un segnale gravitazionale generatosi dalla fusione di due buchi neri con una precisione tale da poter considerare come “falso” un segnale ogni 27000 anni. Si stima che le masse dei due buchi neri coalescenti siano di 30.5 e 25.3 masse solari, con un errore entro le 5 masse solari. La distanza delle sorgenti è a circa 210 Mpc.

Se volete approfondire il fenomeno delle onde gravitazionali, potete fare riferimento all’articolo che abbiamo scritto quando fu annunciata la prima rivelazione: Onde Gravitazionali, la scoperta del secolo, dopo un secolo oppure a questo libro.

Fonte: https://dcc.ligo.org/LIGO-P170814/public/main

Dodekatheon: ecco la copertina in esclusiva del 4° capitolo dell'Onniologo
Come annunciato da qualche settimana sulla nostra pagina Facebook, Cronache dal Silenzio è stato scelto per ospitare il Cover Reveal del quarto
William Herschel: l'uomo che contò le stelle
Sir Frederick William Herschel (Hannover, 15 Novembre 1738 - Slough, 25 Agosto 1822) è uno dei personaggi chiave dell'astronomia.

Influenzato dal padre musicista, William
L'esperimento Proto-Sphera
Vi capita mai di pensare, quando guardate le stelle o mentre vi godete il calore del sole, che state ricevendo l'energia erogata da milioni di atomi che si sono fusi nel nucleo di una stella
L'Angolo dei Paradossi: Il paradosso del barbiere
Il paradosso del barbiere è un paradosso formulato dal filosofo e logico Bertrand Russel nel 1918. Essa costituisce approssimativamente una riformulazione intuitiva, o
Un nuovo ramo delle tauridi aumenta il pericolo di impatto sulla Terra
Lo sciame meteorico delle tauridi è generato dai residui della cometa 2P/Encke, che periodicamente lascia parte dei suoi materiali durante il passaggio
Cos'è l'equinozio di Primavera
Oggi, 20 marzo 2017 alle 11:29, ricorre l'equinozio di Primavera. Ma perché esiste una data precisa che indica la variazione di stagione?
Non tutti sanno, forse, che l’inizio di una stagione
OSIRIS-REx fotografa Giove e le sue lune

La PolyCam imager a bordo della sonda NASA OSIRIS-REx ha scattato questa fotografia alle 3:34 a.m. del 12 febbraio, che ritrae Giove e 3 dei 4 satelliti medicei: Callisto, Io

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: