Onde Gravitazionali: la prima volta di LIGO e VIRGO

Il 27 settembre 2017, la Collaborazione Virgo e la Collaborazione LIGO hanno annunciato la prima osservazione di onde gravitazionali ottenuta tramite il lavoro congiunto di tre interferometri laser. L’onda è stata osservata il 14 agosto 2017 ed è stata prodotta da due buchi neri di 31 e 25 masse solari.

Ormai sono passati oltre due anni dalla prima rivelazione di onde gravitazionali, avvenuta il 15 settembre 2015 ed annunciata a febbraio 2016. In quell’occasione, il primato spettava ai due osservatori americani LIGO situati a Handford (Washington) e Livingston (Louisiana). Dal primo agosto, però, è stato riattivato anche il rivelatore Virgo che, in triangolazione con gli osservatori LIGO, è in grado di ottenere informazioni molto più precise sulle sorgenti di questo tipo di onde. In futuro è previsto un ulteriore ampliamento dell’esperimento con l’avvio di due simili rivelatori in Giappone ed in India.

A pochi giorni dalla riattivazione di Virgo, gli interferometri hanno rivelato la prima onda gravitazionale: il 14 agosto 2017 alle 10:30:43 UTC è stata infatti rivelato un segnale gravitazionale generatosi dalla fusione di due buchi neri con una precisione tale da poter considerare come “falso” un segnale ogni 27000 anni. Si stima che le masse dei due buchi neri coalescenti siano di 30.5 e 25.3 masse solari, con un errore entro le 5 masse solari. La distanza delle sorgenti è a circa 210 Mpc.

Se volete approfondire il fenomeno delle onde gravitazionali, potete fare riferimento all’articolo che abbiamo scritto quando fu annunciata la prima rivelazione: Onde Gravitazionali, la scoperta del secolo, dopo un secolo oppure a questo libro.

Fonte: https://dcc.ligo.org/LIGO-P170814/public/main

Guida ai Satelliti di Marte
Eccoci con il terzo appuntamento con le guide sui satelliti del Sistema Solare scritte dall’instancabile Alessandro Bologna, astrofilo divulgatore che si occupa della gestione della nostra
Dodekatheon: ecco la copertina in esclusiva del 4° capitolo dell'Onniologo
Come annunciato da qualche settimana sulla nostra pagina Facebook, Cronache dal Silenzio è stato scelto per ospitare il Cover Reveal del quarto
Guida ai più grandi satelliti di Saturno
Tra le più interessanti scoperte ottenute tramite la sonda Cassini, nei 20 anni che ci ha accompagnati, sicuramente molte hanno riguardato la possibilità di vedere da vicino le
Tuoni e fulmini
Vi siete mai chiesti che cosa sono i fulmini? Spesso molti fenomeni che ci circondano sono talmente comuni che ci dimentichiamo di chiederci cosa li scateni, eppure conoscerne l'origine ci permette di
Terremoti e trivelle: che legame c'è?
Tra le varie discussioni che accendono i social ce n'è una che va molto di moda in periodi in cui si verificano episodi sismici: la relazione causale tra questi episodi e la presenza
Premio Nobel per la chimica 2016
Annunciato oggi il premio Nobel per la chimica, assegnato a Sauvage, Stoddart e Feringa, per i loro studi sulle macchine molecolari. 



Jean-Pierre Sauvage, J. Fraser Stoddart e
SN 1987a, 30 anni dopo
Era il 24 febbraio del 1987 quando venne riportata la scoperta di un oggetto molto luminoso nella Grande Nube di Magellano (una galassia molto vicina alla nostra), il quale doveva aver aumentato

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *