Nakhliti e vulcani marziani: nuovi importanti indizi sulla loro storia

Un nuovo studio pubblicato su Nature a prima firma B.E. Cohen fornisce importanti ed innovativi indizi sull’evoluzione dei vulcani marziani e sull’origine delle meteoriti nakhliti, provenienti dal Pianeta Rosso.

Su Marte si trovano alcuni dei vulcani più grandi del Sistema Solare. Nonostante le loro dimensioni e la densità di crateri sulla superficie marziana indichino che la loro attività abbia proseguito per miliardi di anni, i dettagli sulla loro formazione non sono ancora del tutto chiari. Nel loro studio, Cohen et al. hanno quantificato il tasso di crescita di un vulcano marziano usando tecniche di datazione isotopica su 6 nakhliti, meteoriti che sono state espluse da Marte circa 11 milioni di anni fa. Il team ha scoperto che le nakhliti sono state prodotte durante almeno 4 eventi di eruzioni vulcaniche avvenuti  tra 93 e 1322 milioni di anni fa.

Da questi dati, Cohen et al. hanno scoperto che la sorgente di tali nakhliti è un vulcano cresciuto di circa 0.4-0.7 metri per milione di anni. Nonostante questo tasso di crescita sia circa 1000 volte di meno dei vulcani sulla Terra, per ottenerlo è necessario che Marte in passato fosse molto più attivo dal punto di vista vulcanico di quanto finora ritenuto.

Figure 7
Una potenziale sorgente di nakhliti situata nelle pianure di lava della regione Elysium.

Clicca qui per leggere l’articolo.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

3 tipi di frane sul pianeta nano Cerere
Tramite i dati della sonda Dawn della NASA è stato possibile osservare numerose frane sul pianeta nano Cerere, causate probabilmente da una significativa quantità di ghiaccio d'acqua
Un buco nero da record
Gli astronomi dell'Australian National University hanno trovato un buco nero incredibilmente rapido nell'aumentare le proprie dimensioni fagocitando materia, tanto da detenere il record di accrescimento
L'Angolo dei Paradossi: Il paradosso del barbiere
Il paradosso del barbiere è un paradosso formulato dal filosofo e logico Bertrand Russel nel 1918. Essa costituisce approssimativamente una riformulazione intuitiva, o
Le dune scure di Marte fotografate dall'MRO


Le macchie scure visibili nelle fotografie sono delle tipiche dune di sabbia marziana. La maggior parte della sabbia sulla Terra è composta del minerale noto come quarzo,
5 curiosità su Isaac Newton
Ormai è diventato un'icona della scienza, dopo essere stato un matematico, fisico, filosofo naturale, astronomo, teologo e alchimista inglese, Isaac Newton è celebrato come il più grande scienziato
I segni dei ghiacci polari di Marte

In questa immagine prodotta dalla sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter, si può osservare un aspetto interessante di alcune regioni della superficie marziana. Il terreno  che
Il radiotelescopio cinese FAST entra in funzione
Il 25 settembre scorso è stato inaugurato il Five hundred-meter Aperture Spherical Telescope, il nuovo radiotelescopio cinese. Si tratta del radiotelescopio più grande

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: