Nakhliti e vulcani marziani: nuovi importanti indizi sulla loro storia

Un nuovo studio pubblicato su Nature a prima firma B.E.Cohen fornisce importanti ed innovativi indizi sull’evoluzione dei vulcani marziani e sull’origine delle meteoriti nakhliti, provenienti dal Pianeta Rosso.

 

Su Marte si trovano alcuni dei vulcani più grandi del Sistema Solare. Nonostante le loro dimensioni e la densità di crateri sulla superficie marziana indichino che la loro attività abbia proseguito per miliardi di anni, i dettagli sulla loro formazione non sono ancora del tutto chiari. Nel loro studio, Cohen et al. hanno quantificato il tasso di crescita di un vulcano marziano usando tecniche di datazione isotopica su 6 nakhliti, meteoriti che sono state espluse da Marte circa 11 milioni di anni fa. Il team ha scoperto che le nakhliti sono state prodotte durante almeno 4 eventi di eruzioni vulcaniche avvenuti  tra 93 e 1322 milioni di anni fa.

 

Da questi dati, Cohen et al. hanno scoperto che la sorgente di tali nakhliti è un vulcano cresciuto di circa 0.4-0.7 metri per milione di anni. Nonostante questo tasso di crescita sia circa 1000 volte di meno dei vulcani sulla Terra, per ottenerlo è necessario che Marte in passato fosse molto più attivo dal punto di vista vulcanico di quanto finora ritenuto.

 

Figure 7
Una potenziale sorgente di nakhliti situata nelle pianure di lava della regione Elysium.

 

Clicca qui per leggere l’articolo.

Le più belle foto del mese - Dicembre 2016
Sono qui raccolte le più belle immagini di dicembre pubblicate quotidianamente sulla pagina facebook di questo blog. Cliccate sulle immagini per vederne la descrizione e mettete
SABRE Engine: dal Silbervogel allo Skylon, la ricerca per i velivoli SSTO
In precedenza abbiamo osservato come la SpaceX, spinta dall'obiettivo di colonizzare Marte, stia riuscendo a conseguire lanci con razzi riutilizzabili,
Materia Oscura: la velocità delle galassie può farne a meno
I ricercatori della Case Western Reserve University dell'Ohio hanno trovato una nuova relazione che spiega l'accelerazione delle stelle nelle galassie a spirale
A tutto plasma! - Parte II
In questa seconda parte tratteremo delle altre tipologie di propulsori al plasma, quelle più usate, più studiate e forse le più ambiziose.

Hall Effect Thrusters (HET)

Gli HET, o Propulsori
Perla di Giove immortalata durante il flyby

Questa foto è stata scattata dalla JunoCam l'11 dicembre 2016, alle 9:27 PST. In quel giorno la sonda della NASA Juno stava effettuando il suo terzo sorvolo (flyby) dell'atmosfera
Spot the Station: il widget della NASA per trovare l'ISS
La Stazione Spaziale Internazionale è visibile da molte località del globo ma solo in alcuni momenti della giornata. Quando passa nel proprio spicchio di cielo,
Le 365 foto del Sole nel 2016

L'ESA ha pubblicato una foto del Sole per ogni giorno del 2016. Le fotografie sono state scattate dal satellite Proba-2. Lo strumento SWAP a bordo del satellite lavora nell'Ultravioletto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *