Nakhliti e vulcani marziani: nuovi importanti indizi sulla loro storia

Un nuovo studio pubblicato su Nature a prima firma B.E. Cohen fornisce importanti ed innovativi indizi sull’evoluzione dei vulcani marziani e sull’origine delle meteoriti nakhliti, provenienti dal Pianeta Rosso.

Su Marte si trovano alcuni dei vulcani più grandi del Sistema Solare. Nonostante le loro dimensioni e la densità di crateri sulla superficie marziana indichino che la loro attività abbia proseguito per miliardi di anni, i dettagli sulla loro formazione non sono ancora del tutto chiari. Nel loro studio, Cohen et al. hanno quantificato il tasso di crescita di un vulcano marziano usando tecniche di datazione isotopica su 6 nakhliti, meteoriti che sono state espluse da Marte circa 11 milioni di anni fa. Il team ha scoperto che le nakhliti sono state prodotte durante almeno 4 eventi di eruzioni vulcaniche avvenuti  tra 93 e 1322 milioni di anni fa.

Da questi dati, Cohen et al. hanno scoperto che la sorgente di tali nakhliti è un vulcano cresciuto di circa 0.4-0.7 metri per milione di anni. Nonostante questo tasso di crescita sia circa 1000 volte di meno dei vulcani sulla Terra, per ottenerlo è necessario che Marte in passato fosse molto più attivo dal punto di vista vulcanico di quanto finora ritenuto.

Figure 7
Una potenziale sorgente di nakhliti situata nelle pianure di lava della regione Elysium.

Clicca qui per leggere l’articolo.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Come funziona l'anestesia?


Oggi tutti sappiamo che per subire un’operazione è necessario sottoporsi ad un trattamento anestesiologico onde evitare dolori eccessivi.

Ma come funziona esattamente? Per spiegare questo
Acqua nel mantello terrestre: dai diamanti le prime prove dirette
Piccole tasche di acqua al di sotto della superficie terrestre: questa la scoperta pubblicata su Science Magazine da un team internazionale di ricercatori.
Acqua liquida sotto la superficie di Marte

Lo strumento MARSIS a bordo della missione Mars Express dell'ESA ha rilevato la presenza di una riserva di acqua liquida al di sotto della regione polare sud di Marte. La scoperta
Motori come computer. Perché usare un gran numero di motori
Prima che il Falcon Heavy facesse il suo debutto nessun razzo con un così gran numero di motori è mai riuscito ad arrivare in orbita. Si può pensare che i vettori
Il premio nobel per la Fisica 2017
Che il premio nobel 2016 per la Fisica andasse a LIGO per le onde gravitazionali sembrava quasi scontato, eppure così non è stato. In realtà alle onde gravitazionali non poteva proprio
Il Nucleo Galattico Attivo di NGC 1448

NGC 1448 è una galassia dotata di un nucleo galattico attivo, ossia in cui il nucleo è la principale fonte di energia delle emissioni galattiche.
La galassia contiene un esempio
Un nuovo TNO ci dà nuovi indizi su Planet 9
Un team internazionale di astronomi ha rivelato la presenza di un nuovo oggetto trans-nettuniano la cui strana orbita potrebbe essere un'ulteriore evidenza della presenza di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: