Nakhliti e vulcani marziani: nuovi importanti indizi sulla loro storia

Un nuovo studio pubblicato su Nature a prima firma B.E.Cohen fornisce importanti ed innovativi indizi sull’evoluzione dei vulcani marziani e sull’origine delle meteoriti nakhliti, provenienti dal Pianeta Rosso.

Su Marte si trovano alcuni dei vulcani più grandi del Sistema Solare. Nonostante le loro dimensioni e la densità di crateri sulla superficie marziana indichino che la loro attività abbia proseguito per miliardi di anni, i dettagli sulla loro formazione non sono ancora del tutto chiari. Nel loro studio, Cohen et al. hanno quantificato il tasso di crescita di un vulcano marziano usando tecniche di datazione isotopica su 6 nakhliti, meteoriti che sono state espluse da Marte circa 11 milioni di anni fa. Il team ha scoperto che le nakhliti sono state prodotte durante almeno 4 eventi di eruzioni vulcaniche avvenuti  tra 93 e 1322 milioni di anni fa.

Da questi dati, Cohen et al. hanno scoperto che la sorgente di tali nakhliti è un vulcano cresciuto di circa 0.4-0.7 metri per milione di anni. Nonostante questo tasso di crescita sia circa 1000 volte di meno dei vulcani sulla Terra, per ottenerlo è necessario che Marte in passato fosse molto più attivo dal punto di vista vulcanico di quanto finora ritenuto.

Figure 7
Una potenziale sorgente di nakhliti situata nelle pianure di lava della regione Elysium.

 

Clicca qui per leggere l’articolo.

Lucy e Psyche: 2 nuove missioni NASA per lo studio degli asteroidi
Lucy e Psyche, questi i due nomi delle missioni che la NASA lancerà nel 2021 e nel 2023 per il programma Discovery. Gli obiettivi sono alcuni asteroidi
A tutto plasma! - Parte I
Una delle ricerche più promettenti per lo sviluppo di nuovi sistemi di propulsione spaziale è quella riguardo i propulsori al plasma.
L'obiettivo dei propulsori al plasma è lo stesso dei propulsori
Corona solare: il check-up completo degli ultimi 7 anni
Attraverso l'analisi di un'enorme quantità di dati ottenuti dall'SDO della NASA tra il 2010 ed il 2017, uno studio pubblicato su Science Magazine si pone l'obiettivo
Dawn trova ghiaccio su Cerere


Usando i dati della missione Dawn, un team di ricercatori dell'INAF ha individuato una forte presenza di ghiaccio nel cratere Oxo, su Cerere. 
I ricercatori dell'INAF di Roma hanno
Scoperta una nuova luna nella fascia di Kuiper
2007OR10 è il nome del terzo pianeta nano in ordine grandezza nella regione transnettuniana, la regione in cui gli oggetti orbitano almeno in parte al di fuori dell'orbita
Il Nucleo Galattico Attivo di NGC 1448

NGC 1448 è una galassia dotata di un nucleo galattico attivo, ossia in cui il nucleo è la principale fonte di energia delle emissioni galattiche.
La galassia contiene un esempio
Surge glaciali: le inondazioni dei giganti di ghiaccio
Migliaia di ghiacciai si trovano nei pressi di insediamenti umani, e negli ultimi decenni, dozzine di ondate (surge glaciali) hanno provocato morti e feriti. Una

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *