Che cos’è l’effetto Yarkovsky, il rinculo termico degli asteroidi

L’effetto Yarkovsky è la forza netta agente su un oggetto rotante nello spazio dovuta all’emissione anistropa di fotoni termici.

Che significa? Significa che gli asteroidi accumulano calore proveniente dalla luce solare, dopodiché riemettono l’energia accumulata sotto forma di radiazione termica, ossia sotto forma di fotoni. Siccome ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria (Terza Legge di Newton), ciò significa che l’asteroide (o l’oggetto in questione) riceve una microscopica spinta nella direzione opposta all’emissione del fotone, che possiamo immaginare come il rinculo di quando viene sparato un proiettile dal fucile. Siccome l’emissione termica non è uguale in tutte le direzioni, ma è maggiore nel lato in ombra dell’asteroide e minore in quello illuminato, il risultato netto è quello di avere una spinta in una direzione, una sorta di motore a fotoni termici.

L’effetto Yarkovsky ha una componente diurna ed una stagionale dovute alle differenze di temperatura legate al moto di rotazione o di rivoluzione, ossia alle differenze di temperatura tra notte e giorno e a quelle dovute alle variazioni stagionali. La componente diurna causa una variazione della grandezza dell’orbita, positiva o negativa a seconda della direzione di rotazione del corpo. Quella stagionale si ha solo nel caso in cui l’asse di rotazione sia inclinato e varia sempre la riduzione della grandezza dell’orbita.

Questo effetto è stato introdotto alla fine dell’ottocento dall’astronomo russo Ivan Yarkovskij, e senza di esso non si potrebbe spiegare la posizione di molti asteroidi, in particolare quelli vicini all’orbita terrestre (NEA).

Non si potrebbe inoltre spiegare il ritrovamento di meteoriti sulla Terra che risultano aver trascorso milioni di anni esposte ai raggi cosmici.

Ma questo richiede una piccola spiegazione. Gli asteroidi possono viaggiare rapidamente nel Sistema Solare se si trovano ad un punto detto di risonanza orbitale con qualche altro oggetto. Il Sistema Solare può essere infatti visto come un sistema caotico, che significa che nel tempo l’asteroide subisce forze in tutte le direzioni provenienti da tutti i corpi che compongono il Sistema e quindi la forza netta è nulla. Se tuttavia l’asteroide si trova in un punto in cui ad ogni orbita subisce una forza proveniente sempre dallo stesso corpo, come ad esempio un’attrazione gravitazionale ad ogni orbita di Giove, questo schema ripetuto esce fuori dal sistema caotico ed il risultato è una forza netta che può spingere l’asteroide fuori dal Sistema Solare o verso il suo interno.

Se non ci fosse l’effetto Yarkovsky, gli asteroidi da cui le meteoriti trovate sulla Terra hanno avuto origine sarebbero potuti arrivare sulla Terra dalla Fascia Principale di Asteroidi (la regione ricca di asteroidi tra Marte e Giove) solo se si fossero originati molto vicino alla regione di risonanza orbitale con Giove. In questo modo il viaggio sarebbe stato breve ed avrebbero in questo caso avuto poco tempo per essere bombardati dai raggi cosmici, in contrasto con le misure di laboratorio. Diversa storia se si fossero originati lontano dalla risonanza orbitale e vi fossero stati spinti lentamente a causa dell’effeto Yarkovsky. Questo spiegherebbe le centinaia di milioni di anni passati nello spazio di molte meteoriti.

Guida ai più grandi satelliti di Saturno
Tra le più interessanti scoperte ottenute tramite la sonda Cassini, nei 20 anni che ci ha accompagnati, sicuramente molte hanno riguardato la possibilità di vedere da vicino le
Urano e Nettuno, viaggi verso i due giganti ghiacciati
Cassini verso Saturno, Juno verso Giove, New Horizons verso Plutone, Hayabusa1, Hayabusa2 e OSIRIS-REx verso asteroidi vicini, Rosetta verso la cometa 67P/ Churyumov-Gerasimenko,
Un laboratorio a portata di smartphone
Forse non potrà ancora fare il caffè espresso però da oggi il nostro smartphone si trasforma in un perfetto laboratorio di fisica.

Grazie a Phyphox, acronimo per PHYsics PHOne eXperiment,
9 giorni di silenzio da Marte
Dal 22 luglio al 1 agosto le comunicazioni con le sonde ed i rover con i quali studiamo il Pianeta Rosso saranno disattivate. Il 27 luglio Marte e Sole sono infatti in congiuzione, che vuol
L'arrivo dell'inverno nel pianeta del Trono di Spade
"L'inverno sta arrivando" è una delle frasi più ripetute nella serie televisiva della HBO. L'ultima estate è durata 9 anni, ed i personaggi della serie temono un inverno
Scoperta una nuova luna nella fascia di Kuiper
2007OR10 è il nome del terzo pianeta nano in ordine grandezza nella regione transnettuniana, la regione in cui gli oggetti orbitano almeno in parte al di fuori dell'orbita
Nat Geo Festival delle Scienze: il programma dell'evento a Roma
Al via il National Geographic Festival delle Scienze presso l'Auditorium Parco della Musica di Roma. Da giovedì a domenica: 4 giorni intensi di conferenze,

 

Ricordiamo che inserendo il codice CODCRSIL5 sul sito https://www.otticatelescopio.com/it/ potrete ricevere un buono sconto del 3% su ogni acquisto. Se desideri altre info non esitare a contattarci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: