20 ottobre, il picco delle Orionidi, i frammenti della cometa di Halley

In agosto stiamo quasi tutti con il naso all’insù a contare le stelle cadenti di San Lorenzo. Tuttavia quello non è l’unico sciame osservabile durante l’anno. Oggi, 20 ottobre, è infatti il turno delle Orionidi, così chiamate perché sembrano provenire dalla costellazione di orione.

 

Quando una cometa passa vicino al Sole lascia dietro di sé una grande quantità di detriti. Se questa scia va ad intersecare l’orbita terrestre, i frammenti di roccia di cui è costituita entrano in atmosfera e bruciano rapidamente per attrito viscoso portando al cosiddetto fenomeno delle stelle cadenti, che tecnicamente si chiamano meteoroidi (se qualche frammento riesce a toccare il suolo prende il nome più noto di meteorite). 

La Terra incontra le scie di detriti di una cometa sempre nello stesso periodo dell’anno e per questo è possibile definire dei periodi in cui conviene guardare in alto alla ricerca dei brevi bagliori dei meteoroidi.

Gli sciami di meteoroidi prendono il nome dalla costellazione da cui sembrano provenire. Le famose stelle cadenti di San Lorenzo sono perciò dette Perseidi, perché la Terra incontra lo sciame di detriti in modo che sembrino provenire dalla costellazione di Perseo.

Ma dopo qualche anno non finiscono questi detriti? Finirebbero, ma le comete ritornano e forniscono nuovi detriti. Le comete hanno orbite molto eccentriche e lunghe ma sono pur sempre oggetti orbitanti attorno al Sole e perciò tornano periodicamente sui loro passi. Le Perseidi sono allora date dai frammenti della cometa Swift-Tuttle, passata in perielio (il punto più vicino al Sole) nel 1992, e che vi tornerà nel 2126, rifornendo il materiale per le nostre adorate stelle cadenti. Le orionidi sono invece legate ai detriti della cometa di Halley, la cometa più famosa di sempre che nel 1986 spinse milioni di persone di tutto il mondo ad orientare il proprio sguardo verso il cielo notturno.

Ecco una tabella dei principali sciami meteorici.

Quadrantidi 1-6 Gennaio
Lyridi di Aprile 19-24 Aprile
Eta Aquaridi 1-8 Maggio
Delta Aquaridi 15 Luglio – 15 Agosto
Perseidi 25 Luglio – 18 Agosto
Orionidi 16-27 Ottobre
Tauridi 20 Ottobre – 30 Novembre
Leonidi 15-20 Novembre
Geminidi 7-15 Dicembre
Scoperto il segreto del Blob Lyman-Alfa
Un team dell'ESO ha scoperto la vera natura dei Blob Lyman-Alfa grazie all'ausilio dei telescopi ALMA e VLT.
I blob Lyman-Alfa, per gli amici LAB, sono nubi di idrogeno di incredibili
Tuoni e fulmini
Vi siete mai chiesti che cosa sono i fulmini? Spesso molti fenomeni che ci circondano sono talmente comuni che ci dimentichiamo di chiederci cosa li scateni, eppure conoscerne l'origine ci permette di
Fratture di fango nel terreno marziano
Numerose fotografie inviate dal rover marziano Curiosity sembrano mostrare la presenza di mud cracks, le fratture che si generano a causa del disseccamento del fango.




9 giorni di silenzio da Marte
Dal 22 luglio al 1 agosto le comunicazioni con le sonde ed i rover con i quali studiamo il Pianeta Rosso saranno disattivate. Il 27 luglio Marte e Sole sono infatti in congiuzione, che vuol
Gli ultimi scatti di Rosetta
Alle 12.40 del 30 settembre 2016 la sonda Rosetta ha compiuto la sua ultima manovra atterrando sulla cometa 67/p Churyumov Gerasimenko, attorno alla quale orbitava da due anni.
Qui potete
Il Nucleo Galattico Attivo di NGC 1448

NGC 1448 è una galassia dotata di un nucleo galattico attivo, ossia in cui il nucleo è la principale fonte di energia delle emissioni galattiche.
La galassia contiene un esempio
Studiare i dintorni di un buco nero con Event Horizon Telescope

Cosa succede vicino a un buco nero? Event Horizon Telescope (EHT) è una collaborazione internazionale che si sta occupando di risolvere questo enigma mediante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: