ʻOumuamua, l’ospite inatteso del Sistema Solare

Tra asteroidi e comete, si contano circa 750.000 corpi minori nel nostro Sistema Solare. Di questi, qualcuno potrebbe essersi formato in altri sistemi stellari, venendo espulso e successivamente catturato dal campo gravitazionale del nostro Sole. Un team di astronomi guidato da Karen Meech dell’osservatorio astronomico hawaiiano ha scoperto 1I/2017 U1 ’Oumuamua, un oggetto che sembra rientrare proprio in questa categoria.

‘Oumuamua sembra essere un asteroide, in quanto non ha mostrato attività cometaria neanche avvicinandosi a meno di 0.25 unità astronomiche (UA, la distanza media Terra-Sole) dal Sole. La sua superficie, piuttosto scura (albedo di 0.04 nel visibile), ha una composizione simile a quella delle comete e degli asteroidi ricchi di composti organici trovati nel nostro Sistema Solare. La forma dell’asteroide risulta estremamente allungata, con una dimensione che è 1/10 dell’altra, ed un raggio medio di 102±4 m. Queste caratteristiche rendono ‘Oumuamua un oggetto peculiare tra i corpi minori del Sistema Solare, ed a buon ragione: la traiettoria indica infatti che l’oggetto provenga dallo spazio interstellare e sia casualmente caduto nel campo gravitazionale generato dal nostro Sole.

Ma da dove è venuto allora? Non possiamo saperlo. ‘Oumuamua viene infatti approssimativamente dalla direzione di Vega, ma quando si trovava dove ora si trova la stella, questa non era lì. Probabilmente ‘Oumuamua è andato alla deriva per milioni di anni nella Via Lattea prima di incontrare il Sistema Solare. Un incontro di questo tipo è molto poco probabile, quasi impossibile, se la densità di oggetti nello spazio interstellare è quella attualmente stimata (ossia 0.00024 oggetti per UA−3), perciò o si tratta di un evento rarissimo o, più probabilmente, la densità interstellare è maggiore di quanto finora stimato.

L’asteroide, ad ogni modo, non resterà per molto nel nostro vicinato: come è entrato nel Sistema Solare provenendo dallo spazio interstellare, infatti, vi farà ritorno rapidamente (si veda la linea tratteggiata nella figura in basso). Se è vero comunque che la densità interstellare sia maggiore del previsto, è probabile che nei prossimi anni, anche aiutati dallo sviluppo tecnologico, saremo in grado di trovare nuovi oggetti di questo tipo che vagano nel nostro Sistema Solare.

Qui l’articolo originale su Nature.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Come funziona l'Atmosfera terrestre? - parte III
Terzo appuntamento con "Come funziona l'Atmosfera terrestre?", la serie di approfondimenti che vuole portarci a capire più a fondo il funzionamento dell’atmosfera terrestre:
L'esperimento Proto-Sphera
Vi capita mai di pensare, quando guardate le stelle o mentre vi godete il calore del sole, che state ricevendo l'energia erogata da milioni di atomi che si sono fusi nel nucleo di una stella
DPF-Device - La Fusione ad Impulsi!
A settembre vi avevamo parlato di Proto Sphera, un approccio innovativo che riconcepisce i tokamak, le tradizionali camere di reazione, che si propone per raggiungere plasmi molto densi
Il paradosso di Achille e la tartaruga
Eccoci tornati con il nostro solito articolo sui paradossi. Stavolta prenderemo in considerazione un paradosso molto famoso e conosciuto da tutti, o quasi: il paradosso di Achille
Eureka! Quando l'ipotesi diventa teoria
Vi sarete accorti che molto spesso i termini "teoria" e "ipotesi" vengono spesso fraintesi dai "non addetti ai lavori". Vi è ormai una confusione di massa su questi due termini,
Quando lo Spazio Esterno si avvicina
La linea di Kármán, la demarcazione tra l'atmosfera terrestre e lo spazio esterno, potrebbe essere più vicina di quanto finora ipotizzato. Un nuovo studio la pone infatti a 20 km in
Corona solare: il check-up completo degli ultimi 7 anni
Attraverso l'analisi di un'enorme quantità di dati ottenuti dall'SDO della NASA tra il 2010 ed il 2017, uno studio pubblicato su Science Magazine si pone l'obiettivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: