ʻOumuamua, l’ospite inatteso del Sistema Solare

Tra asteroidi e comete, si contano circa 750.000 corpi minori nel nostro Sistema Solare. Di questi, qualcuno potrebbe essersi formato in altri sistemi stellari, venendo espulso e successivamente catturato dal campo gravitazionale del nostro Sole. Un team di astronomi guidato da Karen Meech dell’osservatorio astronomico hawaiiano ha scoperto 1I/2017 U1 ’Oumuamua, un oggetto che sembra rientrare proprio in questa categoria.

‘Oumuamua sembra essere un asteroide, in quanto non ha mostrato attività cometaria neanche avvicinandosi a meno di 0.25 unità astronomiche (UA, la distanza media Terra-Sole) dal Sole. La sua superficie, piuttosto scura (albedo di 0.04 nel visibile), ha una composizione simile a quella delle comete e degli asteroidi ricchi di composti organici trovati nel nostro Sistema Solare. La forma dell’asteroide risulta estremamente allungata, con una dimensione che è 1/10 dell’altra, ed un raggio medio di 102±4 m. Queste caratteristiche rendono ‘Oumuamua un oggetto peculiare tra i corpi minori del Sistema Solare, ed a buon ragione: la traiettoria indica infatti che l’oggetto provenga dallo spazio interstellare e sia casualmente caduto nel campo gravitazionale generato dal nostro Sole.

Ma da dove è venuto allora? Non possiamo saperlo. ‘Oumuamua viene infatti approssimativamente dalla direzione di Vega, ma quando si trovava dove ora si trova la stella, questa non era lì. Probabilmente ‘Oumuamua è andato alla deriva per milioni di anni nella Via Lattea prima di incontrare il Sistema Solare. Un incontro di questo tipo è molto poco probabile, quasi impossibile, se la densità di oggetti nello spazio interstellare è quella attualmente stimata (ossia 0.00024 oggetti per UA−3), perciò o si tratta di un evento rarissimo o, più probabilmente, la densità interstellare è maggiore di quanto finora stimato.

L’asteroide, ad ogni modo, non resterà per molto nel nostro vicinato: come è entrato nel Sistema Solare provenendo dallo spazio interstellare, infatti, vi farà ritorno rapidamente (si veda la linea tratteggiata nella figura in basso). Se è vero comunque che la densità interstellare sia maggiore del previsto, è probabile che nei prossimi anni, anche aiutati dallo sviluppo tecnologico, saremo in grado di trovare nuovi oggetti di questo tipo che vagano nel nostro Sistema Solare.

Qui l’articolo originale su Nature.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Storia dell'acqua marziana

Su Marte c'è acqua, e molte evidenze suggeriscono che in passato ve ne fosse molta di più. Come si è formata? Dove è andata a finire? In questo articolo presentiamo lo stato dell'arte sulle
L'arrivo dell'inverno nel pianeta del Trono di Spade
"L'inverno sta arrivando" è una delle frasi più ripetute nella serie televisiva della HBO. L'ultima estate è durata 9 anni, ed i personaggi della serie temono un inverno
Cos'è il Solstizio d'Inverno
Il 21 dicembre 2018, alle 22:22, ricorre il solstizio d'inverno. Ma perché questa data indica l'inizio della stagione fredda nei calendari?

Non tutti sanno, forse, che l'inizio di una stagione
Guida ai Satelliti di Marte
Eccoci con il terzo appuntamento con le guide sui satelliti del Sistema Solare scritte dall’instancabile Alessandro Bologna, astrofilo divulgatore che si occupa della gestione della nostra
Speciale 8 Marzo: perché la scienza ha bisogno delle donne
Su iniziativa del partito socialista americano, nel 1909 venne proposta l'istituzione di una giornata della donna con l'intento di promuovere la parità dei diritti
Stephen Hawking: una riflessione sull'uomo
Ieri, 14 marzo 2018, è morto Stephen Hawking. Abbiamo letto messaggi, riflessioni e commemorazioni di tutti i tipi sul web, ad indicare quanto fosse una figura amata da molti.
La curva di luce di TRAPPIST-1, ovvero: come funziona il metodo dei transiti?
Esistono diversi modi per scoprire un pianeta extrasolare e determinarne le proprietà di interesse. Uno di questi, e quello per ora più fruttuoso,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: