Sentinel-5P ed i nuovi dati sull’inquinamento atmosferico

Il satellite dell’ESA Sentinel-5P, lanciato il 13 ottobre scorso, ha fornito le prime mappature dell’inquinamento atmosferico. Il satellite è in realtà ancora in fase preparatoria, ma questi primi risultati promettono molto bene sulla qualità delle informazioni che sarà in grado di fornire.

Sentinel-5P sarà infatti in grado di tracciare gli inquinanti dell’aria con un dettaglio maggiore di quanto qualunque altro satellite abbia ottenuto in passato.

La mappa in alto, ad esempio, mostra il diossido di azoto nei cieli europei, prodotto principalmente dai processi di combustione in ambito industriale e del trasporto urbano. Le maggiori concentrazioni nella Pianura Padana, in Spagna, in Olanda e nell’area di Ruhr, in Germania

 In questo video, invece, si può vedere la concentrazione globale di monossido di carbonio, così come analizzato dai dati del Sentinel-5P.

I dati di questo nuovo satellite saranno presto messi a disposzione del Copernicus Atmosphere Monitoring Service, e saranno usati per l’elaborazione di previsioni utili per l’elaborazione di politiche energetiche ed industriali appropriate.

L’accuratezza nei dati raggiungibile tramite il Sentinel-5P è possibile grazie Tropomi, uno strumento innovativo in grado di mappare i principali gas che influenza il nostro clima: il diossido di azoto, il metano, il monossido di carbonio e gli aerosol (particelle solide in sospensione nell’aria).
Dopo il lancio del satellite, Tropomi ha subito un processo di decontaminazione al termine del quale è stata aperto lo sportello che sigillava lo strumento, permettendo l’acquisizione delle prime immagini. I primi dati sono stati processati al DLR, in Germania.
La missione ha anche rilevato le polveri emesse in questi giorni dal vulcano Agung, a Bali (Indonesia).

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Un videogame per imparare la fisica
Un varco spazio-temporale ha inghiottito l’alieno Zot, mentre era intento a pescare un pesce triclope sul suo pianeta viola, e lo ha catapultato sulla Terra. Dovrà far funzionare la
Esperimento SOX: quando la fantasia supera la realtà, e fa danni
In questi giorni il caos sta investendo i laboratori dell'INFN del Gran Sasso, in Abruzzo. A seguito del dilagare dell'allarmismo, sostenuto anche da un
Come funziona l'Atmosfera terrestre? - parte III
Terzo appuntamento con "Come funziona l'Atmosfera terrestre?", la serie di approfondimenti che vuole portarci a capire più a fondo il funzionamento dell’atmosfera terrestre:
Accordo Milne-ESO: il VLT cercherà pianeti abitabili attorno ad Alfa Centauri
La Breakthrough Initiatives del magnate russo Yuri Milne finanzierà un aggiornamento del Very Large Telescope volto alla ricerca di pianeti
Pint of Science 2018, ecco tutti gli appuntamenti
Anche quest'anno torna Pint of Science, l'iniziativa di comunicazione scientifica che porta i ricercatori nei locali a parlare di scienza, sorseggiando una bella birra.
NGC 6231, un ammasso di neonate nello Scorpione
NGC 6231, situato a circa 5200 anni luce dalla Terra, è un soggetto incredibilmente interessante per lo studio degli ammassi stellari. Si trova infatti alla fine della fase
N6946-BH1: storia di una supernova fallita
Dagli attuali modelli stellari risulta che le supernovae che osserviamo sono meno del previsto. Un nuovo studio, effettuato tramite Lbt, Hubble e Spitzer, potrebbe risolvere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: