Sentinel-5P ed i nuovi dati sull’inquinamento atmosferico

Il satellite dell’ESA Sentinel-5P, lanciato il 13 ottobre scorso, ha fornito le prime mappature dell’inquinamento atmosferico. Il satellite è in realtà ancora in fase preparatoria, ma questi primi risultati promettono molto bene sulla qualità delle informazioni che sarà in grado di fornire.

Sentinel-5P sarà infatti in grado di tracciare gli inquinanti dell’aria con un dettaglio maggiore di quanto qualunque altro satellite abbia ottenuto in passato.

La mappa in alto, ad esempio, mostra il diossido di azoto nei cieli europei, prodotto principalmente dai processi di combustione in ambito industriale e del trasporto urbano. Le maggiori concentrazioni nella Pianura Padana, in Spagna, in Olanda e nell’area di Ruhr, in Germania

 In questo video, invece, si può vedere la concentrazione globale di monossido di carbonio, così come analizzato dai dati del Sentinel-5P.

I dati di questo nuovo satellite saranno presto messi a disposzione del Copernicus Atmosphere Monitoring Service, e saranno usati per l’elaborazione di previsioni utili per l’elaborazione di politiche energetiche ed industriali appropriate.

L’accuratezza nei dati raggiungibile tramite il Sentinel-5P è possibile grazie Tropomi, uno strumento innovativo in grado di mappare i principali gas che influenza il nostro clima: il diossido di azoto, il metano, il monossido di carbonio e gli aerosol (particelle solide in sospensione nell’aria).
Dopo il lancio del satellite, Tropomi ha subito un processo di decontaminazione al termine del quale è stata aperto lo sportello che sigillava lo strumento, permettendo l’acquisizione delle prime immagini. I primi dati sono stati processati al DLR, in Germania.
La missione ha anche rilevato le polveri emesse in questi giorni dal vulcano Agung, a Bali (Indonesia).

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

9 giorni di silenzio da Marte
Dal 22 luglio al 1 agosto le comunicazioni con le sonde ed i rover con i quali studiamo il Pianeta Rosso saranno disattivate. Il 27 luglio Marte e Sole sono infatti in congiuzione, che vuol
Guida ai Satelliti di Marte
Eccoci con il terzo appuntamento con le guide sui satelliti del Sistema Solare scritte dall’instancabile Alessandro Bologna, astrofilo divulgatore che si occupa della gestione della nostra
Il premio Nobel per la Fisica 2016
Che il premio nobel 2016 per la Fisica andasse a LIGO per le onde gravitazionali sembrava quasi scontato, eppure così non è stato. La commissione di Stoccolma ha infatti scelto come
Le 7 scoperte dei primi 1000 giorni di MAVEN
A novembre 2014 la sonda della NASA MAVEN (Mars Atmosphere and Volatile EvolutioN) si è inserita nell'orbita marziana ed ha iniziato lo studio della sua atmosfera. Ecco i 7
Trappist-1: ecco i 7 esopianeti rocciosi annunciati dalla NASA
La NASA ha finalmente annunciato la scoperta: Trappist-1 è una nana rossa, piccola e fredda, attorno alla quale orbitano ben 7 pianeti rocciosi di dimensioni
I segni lasciati dall'acqua nei bacini marziani
Su Marte di acqua ce n'era molta, ed i segni della sua permanenza sono ben visibili all'interno dei bacini che la ospitavano. Il cratere di Gale è un perfetto esempio di
Calendari: cosa sono e quali sono i più utilizzati
Il calendario gregoriano è quello più utilizzato al mondo, e nonostante ci confrontiamo con esso ogni giorno, non sempre sappiamo quale sia il suo funzionamento e quali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: