Riaccesi i propulsori della Voyager 1

Lo scorso 28 Novembre 2017 un team di ingegneri è riuscito a riaccendere i propulsori della sonda Voyager 1 dopo 37 anni di inutilizzo (1980) da quando furono usati per puntare gli strumenti di bordo nel fly-by con Saturno.
Il team del JPL (Jet Propulsion Laboratory) si è reso conto che i propulsori per il controllo dell’assetto della sonda Voyager 1 hanno cominciato a deteriorarsi seriamente, così hanno rispolverato gli schemi hardware e software della sonda (lanciata da Cape Canaveral nel 1977), per trovare il modo di sostituirli facendo svolgere il loro lavoro ad altri sistemi di bordo ancora funzionanti. Così si è scelto di usare i quattro propulsori Tcm (Trajectory Correction Maneuver) usati per fare delle correzioni di traiettoria attraverso sbuffi di idrazina della durata di millisecondi e dunque in grado di fornire variazioni di velocità molto piccole che su lunghe distanze si rilevano considerevoli.

Attualmente la sonda si trova a circa 21 miliardi di km dal Sole, viaggiando ad una velocità di circa 17 km/s rispetto ad esso, in piena eliopausa, regione dove la pressione esercitata dalle particelle del vento solare si eguaglia a quella dovuta dalle particelle del vento interstellare. Voyager 1 sta raccogliendo dati sulle proprietà di questa regione ed avere dei propulsori per il controllo dell’assetto funzionanti è essenziale per mantenere orientata la sua parabola verso la Terra e trasmettere i suoi dati.
Proprio a causa di questa enorme distanza il team di ingegneri ha dovuto aspettare 19h e 35m per avere la conferma del successo dell’operazione, tempo che ha impiegato il segnale dalla sonda a giungere sulla Terra.

Fonte: INAF, NASA

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Frascati ospiterà il Divertor Tokamak Test facility
Quasi ad un anno dalla consegna del primo dei diciotto magneti toroidali superconduttori per ITER (di cui avevamo parlato qui), arriva la notizia della scelta da parte
In arrivo l'Asteroid Day 2017
Il 30 giugno prossimo si terrà la terza edizione dell’Asteroid Day, evento internazionale per gli appassionati di asteroidi e per coloro che li temono.



In occasione dell’evento tutte
Cos'è il Solstizio d'Inverno
Il 21 dicembre 2017, alle 16:28, ricorre il solstizio d'inverno. Ma perché questa data indica l'inizio della stagione fredda nei calendari?

Non tutti sanno, forse, che l'inizio di una stagione
L'esordio del Falcon Heavy! - la prima storica missione interplanetaria della SpaceX
Ieri, infine alle 21:45 dopo svariati rinvii a causa di forte vento in alta quota, il Falcon Heavy ha fatto il suo debutto dalla storica
2061: Il Ritorno della Cometa - Recensione del Libro
Un nonno racconta al nipotino una storia. È la sua storia e quella dell'Italia e del mondo, così come l'ha vissuta e come la ricorda. È il passaggio di testimone tra
L'importanza della filosofia nella ricerca scientifica
Mi trovo spesso dentro discorsi dove si "disdegna" e si declassifica la filosofia nell'ambito scientifico, come se parlare di metafisica fosse un crimine contro l'umanità.
Caverne sotterranee sulla Luna: una possibilità per l'umanità?
Uno studio pubblicato su Geophysical Research Letters confirma l'esistenza di un canale lavico nell'Oceanus Procellarum, sulla Luna. Questa conferma apre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: