Riaccesi i propulsori della Voyager 1

Lo scorso 28 Novembre 2017 un team di ingegneri è riuscito a riaccendere i propulsori della sonda Voyager 1 dopo 37 anni di inutilizzo (1980) da quando furono usati per puntare gli strumenti di bordo nel fly-by con Saturno.
Il team del JPL (Jet Propulsion Laboratory) si è reso conto che i propulsori per il controllo dell’assetto della sonda Voyager 1 hanno cominciato a deteriorarsi seriamente, così hanno rispolverato gli schemi hardware e software della sonda (lanciata da Cape Canaveral nel 1977), per trovare il modo di sostituirli facendo svolgere il loro lavoro ad altri sistemi di bordo ancora funzionanti. Così si è scelto di usare i quattro propulsori Tcm (Trajectory Correction Maneuver) usati per fare delle correzioni di traiettoria attraverso sbuffi di idrazina della durata di millisecondi e dunque in grado di fornire variazioni di velocità molto piccole che su lunghe distanze si rilevano considerevoli.

Attualmente la sonda si trova a circa 21 miliardi di km dal Sole, viaggiando ad una velocità di circa 17 km/s rispetto ad esso, in piena eliopausa, regione dove la pressione esercitata dalle particelle del vento solare si eguaglia a quella dovuta dalle particelle del vento interstellare. Voyager 1 sta raccogliendo dati sulle proprietà di questa regione ed avere dei propulsori per il controllo dell’assetto funzionanti è essenziale per mantenere orientata la sua parabola verso la Terra e trasmettere i suoi dati.
Proprio a causa di questa enorme distanza il team di ingegneri ha dovuto aspettare 19h e 35m per avere la conferma del successo dell’operazione, tempo che ha impiegato il segnale dalla sonda a giungere sulla Terra.

Fonte: INAF, NASA

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Materia Oscura: la velocità delle galassie può farne a meno
I ricercatori della Case Western Reserve University dell'Ohio hanno trovato una nuova relazione che spiega l'accelerazione delle stelle nelle galassie a spirale
Plutone di nuovo un pianeta? Alan Stern propone una nuova definizione
Ad alcuni il fatto che Plutone sia stato declassato a pianeta nano da pianeta vero e proprio continua a non andare giù. La proposta del planetologo
Breve storia del telescopio spaziale Hubble
È il 24 Aprile del 1990, tira un'aria fredda nel complesso di lancio 39, presso il John F. Kennedy Space Center. Le persone sono in visibilio e c'è una tale confusione in giro
Il volo del pipistrello, ovvero come funziona un sonar
L'ecolocalizzazione, o biosonar, è un metodo sviluppato da alcuni animali notturni, come pipistrelli e alcuni uccelli, per orientarsi nell'oscurità notturna. L'assenza
SpaceX: Il Falcon Heavy
Nel precedente articolo abbiamo parlato del primo lancio del Falcon9 dal Launch Complex 39A del Kennedy Space Center, da cui hanno avuto inizio le epiche missioni del programma Apollo e dello Space
Non c'è 9 senza 10: il Sistema Solare oltre Planet 9
Nuovi indizi lasciano intuire la presenza di un nuovo pianeta roccioso, delle dimensioni di Marte, nella fascia di Kuiper. Lo studio è stato effettuato da Kat Volk
Le 7 scoperte dei primi 1000 giorni di MAVEN
A novembre 2014 la sonda della NASA MAVEN (Mars Atmosphere and Volatile EvolutioN) si è inserita nell'orbita marziana ed ha iniziato lo studio della sua atmosfera. Ecco i 7

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: