Venere: siamo pronti per tornarci

Per quanto riguarda le missioni della NASA, Venere è uno dei più trascurati dei nostri vicini, nonostante la vicinanza sia fisica che evolutiva fa sì che avrebbe molto da dirci anche riguardo al nostro pianeta. L’ultima missione NASA arrivata sul pianeta è infatti la sonda Magellano, che lo ha visitato negli anni ’90. Ultimamente buoni progressi nell’analisi da remoto di Venere sono stati ottenuti tramite la sonda Venus Express dell’ESA e la sonda Akatsuki della JAXA. Ma nessuna sonda ha più toccato la superficie del pianeta dalle missioni sovietiche precedenti al 1985, che inviarono dei lander protetti da scudi in grado di fornire la protezione necessaria a sopravvivere qualche ora sulla superficie venusiana. Nuovi studi in corso promettono tuttavia di poter tornare su Venere nei prossimi anni con prospettive completamente diverse da quelle avute finora.

La superficie di Venere è infatti un inferno di pressione e temperatura, con una pressione 90 volte maggiore di quella terrestre ed una temperatura di circa 460°C.

Alla NASA però stanno elaborando nuovi metodi per sopravvivere in questo ambiente, che potrebbero portare all’invio di sonde robotiche sulla sua superficie nel prossimo decennio. Phil Neudeck, ingegnere elettronico al Glenn Research Center della NASA, sta guidando una serie di esperimenti che stanno ottenendo infatti degli importanti successi in quest’ambito. Un risultato notevole, è che il team è riuscito a mantenere in orario un orologio contenuto all’interno di una capsula che simula proprio le condizioni ambientali di Venere, mostrando che è possibile costruire dei microchip che possono sopravvivere in queste infernali condizioni. Questo test è durato ben 33 giorni.

Il segreto starebbe in un nuovo tipo di semiconduttori, in grado di comporre un’elettronica resistente al calore che permetterebbero di costruire dei lander in grado di resistere sulla superficie venusiana anche per mesi, potendo quindi misurare importanti parametri superficiali come la velocità dei venti, la temperatura e la pressione, ed analizzare la chimica della superficie e la presenza di onde sismiche.

Fotografie dalla superficie venusiana ottenute tramite la sonda sovietica Venera-13 nel 1982.
Nessun testo alternativo automatico disponibile.
Un’immagine di Venere dalla sonda giapponese Akatsuki che, dopo un primo fallimento, nel 2015 è riuscita ad inserirsi in orbita attorno al pianeta.

Fonte: Science Magazine

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

La prima immagine 3D di una nube molecolare
Utilizzando il Telescopio Spaziale Herschel dell'ESA, due ricercatori hanno osservato una nube molecolare situata a 570 anni luce di distanza dalla Terra nella costellazione
Tempesta solare in arrivo venerdì 8 settembre
In soli quattro giorni sono avvenuti ben tre brillamenti nella stessa regione attiva del Sole. Due di questi nella giornata di mercoledì, si temono disturbi alle telecomunicazioni
5 legami tra Tolkien, Il Signore degli Anelli e la scienza
Il 3 gennaio 1892 nasceva J.R.R. Tolkien, filologo e scrittore inglese autore del celeberrimo Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit. La sua mitologia ha influenzato
Viaggio nella costellazione di Orione
Alle nostre latitutidini, la costellazione di Orione è una delle più evidenti nei cieli invernali, e nasconde alcune delle più grandi meraviglie facilmente accessibili che il cielo
La curva di luce di TRAPPIST-1, ovvero: come funziona il metodo dei transiti?
Esistono diversi modi per scoprire un pianeta extrasolare e determinarne le proprietà di interesse. Uno di questi, e quello per ora più fruttuoso,
Terremoti e trivelle: che legame c'è?
Tra le varie discussioni che accendono i social ce n'è una che va molto di moda in periodi in cui si verificano episodi sismici: la relazione causale tra questi episodi e la presenza
Il premio Abel 2018: Robert Langlands
Il premio Abel viene assegnato annualmente dal Regno di Norvegia ad uno o più matematici che si sono distinti in maniera considerevole nel loro campo.
È stato istituito nel bicentenario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: