Trump ci riporterà sulla Luna?

Donald Trump, il presidente degli Stati Uniti, l’11 dicembre ha firmato una direttiva che richiede alla NASA di tornare sulla Luna. L’ordinanza presidenziale è stata effettuata senza indicazioni temporali e, per ora, senza essere accompagnata dai necessari fondi. Ma, in ogni caso, resta un segnale importante che mostra la volontà politica di tornare sulla superficie del nostro satellite e di avanzare nell’esplorazione umana del Sistema Solare.

I tempi della Guerra Fredda sono passati, per cui le nuove missioni lunari si prospettano in uno scenario di collaborazione internazionale e di collaborazione tra le agenzie pubbliche e private. Dalla Casa Bianca è stato infatti affermato: “Gli Stati Uniti lavoreranno con le altre nazioni e con le industrie private per permettere agli astronauti di tornare sulla Luna, sviluppando la tecnologia ed i mezzi per l’esplorazione umana di Marte e per altre destinazioni nel Sistema Solare“.

Quindi il ritorno sulla Luna è visto principalmente come passo verso l’esplorazione marziana. Non è del tutto una novità: anche Barack Obama aveva firmato un’ordinanza simile, solo che in quel caso gli astronauti avrebbero avuto come obiettivo un asteroide, invece della Luna, come passo intermedio per Marte.

Inizierà quindi la progettazione di nuove missioni lunari. L’International Space Exploration Coordination Group, la collaborazione che raccoglie 14 agenzie spaziali, tra cui anche la stessa NASA e la nostra ASI, già nel 2015 aveva proposto un possibile scenario: l’idea sarebbe quella di visitare la superficie lunare in cinque siti d’atterraggio nel corso di cinque anni. Ad ogni visita gli astronauti passerebbero 28 giorni sulla superficie lunare, guidando un rover per esplorare la regione circostante. Finiti i 28 giorni, il rover resterebbe sulla superficie per essere comandato in remoto fino al sito d’atterraggio successivo, raccogliendo importanti dati scientifici durante il tragitto.

Leggi: Caverne sotterranee sulla Luna: una possibilità per l’Umanità?

Stando a questo progetto, il primo sito di atterraggio sarebbe la montagna Malapert, vicino al polo sud lunare; il secondo è un’elevata cresta ancora più vicina al polo. In seguito si passerebbe al cratere Schrödinger, che mostra segni di attività vulcanica recente, e poi il cratere Antoniadi. L’ultimo sito sarebbe il bacino Aitken, il più grande ed antico cratere da impatto sulla Luna, nel quale è possibile osservare dettagli degli strati più interni della superficie lunare.

Fonte: Nature, NASA

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

L'atterraggio del primo stadio del Falcon9 - Rivoluzione nel modo di concepire le missioni spaziali.
Ripresa dal drone dell'atterraggio del primo stadio del Falcon9, sul nuovo "Landing Zone 1" a Cape Canaveral.
La SpaceX
La sonda Cassini termina la sua storica esplorazione di Saturno - Comunicato della NASA
La sonda Cassini è stata lanciata nel 1997 da Cape Canaveral ed è arrivata su Saturno nel 2004. La NASA ha esteso la sua missione
Quando i Dinosauri facevano trekking in Abruzzo
Uno gruppo di ricercatori dell'Università di Roma La Sapienza e dell'INGV ha rinvenuto una serie di enormi impronte di dinosauro in Abruzzo, sul monte Cagno.

Appartenevano
Il polo sud di Giove durante il flyby del 2 febbraio


Grandi cicloni ruotano attorno al polo sud di Giove, di quando in quando interrotti da ovali bianchi, in questa foto scattata dalla JunoCam a bordo della sonda
Gli ultimi scatti di Rosetta
Alle 12.40 del 30 settembre 2016 la sonda Rosetta ha compiuto la sua ultima manovra atterrando sulla cometa 67/p Churyumov Gerasimenko, attorno alla quale orbitava da due anni.
Qui potete
Premio Nobel per la chimica 2016
Annunciato oggi il premio Nobel per la chimica, assegnato a Sauvage, Stoddart e Feringa, per i loro studi sulle macchine molecolari. 



Jean-Pierre Sauvage, J. Fraser Stoddart e
SpaceX: SES-10 Primo Lancio con un razzo riutilizzato

Stanotte, alle ore 00:27 italiane, il Falcon9 della SpaceX porterà in orbita il decimo satellite geostazionario per le telecomunicazione della costellazione SES.


Cos'ha

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: