Come funzionano i globi a levitazione magnetica

Vi è mai capitato di vedere uno di quei giochi costituiti da un globo, ad esempio terrestre, sospeso in aria all’interno di una struttura a semicerchio? Vi siete mai chiesti come sia possibile ottenere questo effetto?

Come probabilmente avete già intuito, all’interno del globo è situato un magnete. Nella struttura, in genere nella parte alta, è invece situata un’elettrocalamita, oggetto caratterizzato da un nucleo di materiale ferromagnetico attorno al quale è avvolto un solenoide, ossia un filo spiraleggiante nel quale viene fatta passare la corrente. Nel momento in cui la corrente passa nel filo, questa genera un campo magnetico ed in questo modo si magnetizza il ferro attorno al quale è avvolto il solenoide. A livello microscopico, infatti, i materiali ferromagnetici è come se fossero costituiti da piccoli magneti, detti domini, in cui poli positivi e negativi sono allineati. Quando è presente un campo magnetico esterno, questi domini si allineano secondo la direzione del campo, determinando una magnetizzazione di tutto il corpo. A questo punto il corpo è pronto per attrarre a sé i materiali polarizzati o nei quali si può indurre una polarizzazione delle cariche (che significa che le cariche positive e negative si orientano in maniera opposta a quelle della ferrocalamita, venendone attratte).

Tornando all’oggetto di nostro interesse, quindi, nel momento in cui la ferrocalamita è attiva, ossia quando scorre corrente nel solenoide, questa attira a sé il magnete sito all’interno del globo. Se questa fosse l’unica forza agente sul globo, esso non fluttuerebbe in aria, ma sbatterebbe sulla parte alta della struttura. Ci deve quindi essere almeno un’altra forza in gioco, che è la forza peso del globo stesso, che lo attira verso il basso.

Quindi, è sufficiente che la forza peso e la forza magnetica siano in equilibrio, no? In linea di principio sì, ma ottenere una forza magnetica esattamente uguale alla forza peso è più complesso che fare la seguente operazione, che è quella utilizzata in questi giochi.

La forza esercitata dall’elettrocalamita è in realtà maggiore della forza peso del globo, e quindi tende a portarlo in alto. Un sensore fa però in modo che, superata una certa distanza minima dalla struttura, la ferrocalamita si spenga, facendo cadere il globo. Appena però il globo, cadendo, risupera quel valore di distanza, ecco che la ferrocalamita si riaccende. Questo ciclo avviene ad una frequenza molto elevata, portando ad un’oscillazione impercettibile del globo attorno alla posizione nella quale lo vediamo levitare.

Ve ne proponiamo qualche esempio:

Vi ricordiamo che il nostro sito è iscritto al programma di affiliazione di Amazon, per cui comprando qualcosa dopo aver cliccato sui nostri link ci dai una mano, permettendoci di proseguire con il nostro progetto! 

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Il Nucleo Galattico Attivo di NGC 1448

NGC 1448 è una galassia dotata di un nucleo galattico attivo, ossia in cui il nucleo è la principale fonte di energia delle emissioni galattiche.
La galassia contiene un esempio
Il videogioco alleato del cervello
Quante ore passate o avete passato sui videogiochi? Vi è sembrato tempo perso? E se vi dicessimo che invece tutte quelle ore spese di fronte allo schermo potrebbero essere state utili?



Sembra
Acqua nel mantello terrestre: dai diamanti le prime prove dirette
Piccole tasche di acqua al di sotto della superficie terrestre: questa la scoperta pubblicata su Science Magazine da un team internazionale di ricercatori.
Crani delle balene come antenne
Della comunicazione delle balene sappiamo molto, ma ancora esistono molti misteri. In particolare a lungo è rimasta l’incognita del loro sistema uditivo: come fanno a sentire? Una nuova
BOINC, il proprio pc al servizio della ricerca
Il Berkeley Open Infrastructure for Network Computing, per gli amici BOINC, è un software che permette di utilizzare le risorse non utilizzate del proprio computer per aiutare
Yusaki Maezawa, il progetto #dearMoon ed il BFR
Lunedì 17 Settembre 2018 alle 6.00 pm EST (3.00 am del 18 Settembre 2018 CET) c'è stata la conferenza stampa presso il quartier generale della SpaceX in California ed è
Fratture di fango nel terreno marziano
Numerose fotografie inviate dal rover marziano Curiosity sembrano mostrare la presenza di mud cracks, le fratture che si generano a causa del disseccamento del fango.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: