Il ghiaccio sotterraneo di Marte

Su Marte c’è acqua? Ormai è noto che in alcune regioni su Marte si trova del ghiaccio sotto la superficie. Ma quanto sia questo ghiaccio è ancora ignoto. Uno studio uscito su Science Magazine di Dundas e colleghi della University of Arizona ha analizzato la questione, portando nuovi entusiasmanti risultati.

Dundas et al. hanno utilizzato dati da due sonde orbitanti per esaminare otto luoghi su Marte che sono stati soggetti ad erosione, mettendo a nudo il ghiaccio sotterraneo. Ciò ha rilevato delle scarpate composte principalmente da ghiaccio d’acqua che lentamente sta sublimando, ossia passando dallo stato solido allo stato gassoso, a causa del contatto con la debole atmosfera marziana. La brusca variazione di temperatura e soprattutto di pressione che il ghiaccio subisce nel passaggio dall’interno della roccia alla debolissima atmosfera del pianeta rosso, infatti, determina un rapido passaggio di stato che impedisce al ghiaccio di passare per lo stato liquido.

Lo strato di ghiaccio si estende da appena sotto la superficie (da circa 1-2 metri di profondità) per una profondità di 100 metri o più e risulta stratificato così come i ghiacci sulla Terra. Questa stratificazione dei ghiacci, su Marte o sulla Terra, è un fenomeno molto interessante, in quanto ci può fornire interessanti dati sulla storia climatica del pianeta che li ospita, come se fosse una sorta di archivio climatico che custodisce preziose informazioni sull’andamento del clima nel corso delle ere in cui quel ghiaccio si è formato.

 
Questo ghiaccio, coperto poi da regolite grazie ai depositi dei venti marziani, si è probabilmente formato nei periodi in cui Marte ha una forte inclinazione assiale. Per la Terra, infatti, l’inclinazione dell’asse terrestre è di circa 23,5° e a causa della presenza della Luna questa inclinazione resta sostanzialmente costante nel tempo, determinando il ripetersi ciclico delle stagioni nel corso dell’anno. Su Marte tuttavia una luna di tali proporzioni non esiste e perciò l’inclinazione dell’asse può facilmente variare nel tempo.  Attualmente infatti l’inclinazione di Marte è molto simile a quella della Terra (circa 25°), ma può subire variazioni che lo portano ad avere delle inclinazioni comprese tra 10° e 45°. Quando l’inclinazione è di 45° i cappucci polari di ghiaccio, la cui estensione varia a causa dell’esposizione dei poli alla radiazione solare, possono diventare enormi, come si vede in questa illustrazione.
Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Fonte: Science Magazine

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

BOINC, il proprio pc al servizio della ricerca
Il Berkeley Open Infrastructure for Network Computing, per gli amici BOINC, è un software che permette di utilizzare le risorse non utilizzate del proprio computer per aiutare
5 legami tra Tolkien, Il Signore degli Anelli e la scienza
Il 3 gennaio 1892 nasceva J.R.R. Tolkien, filologo e scrittore inglese autore del celeberrimo Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit. La sua mitologia ha influenzato
La fine programmata di Rosetta
La sonda Rosetta, in orbita attorno alla cometa 67/P Churyumov-Gerasimenko è prossima alla sua fine, con l'atterraggio sulla cometa programmato per venerdì 30 settembre alle 12:40 italiane.
La
Manuale di Fisica e Buone Maniere: recensione del libro

“Manuale di fisica e buone maniere” il racconto di occasioni perdute. Ambientato principalmente a Londra, il romanzo descrive il complesso rapporto sentimentale
9 giorni di silenzio da Marte
Dal 22 luglio al 1 agosto le comunicazioni con le sonde ed i rover con i quali studiamo il Pianeta Rosso saranno disattivate. Il 27 luglio Marte e Sole sono infatti in congiuzione, che vuol
Kepler-1625b-I: la prima candidata Esoluna
La ricerca dei pianeti extrasolari è attualmente una delle maggiori sfide tecnologiche in campo astrofisico, in quanto richiedono enorme precisione della strumentazione e grande
20 ottobre, il picco delle Orionidi, i frammenti della cometa di Halley
In agosto stiamo quasi tutti con il naso all'insù a contare le stelle cadenti di San Lorenzo. Tuttavia quello non è l'unico sciame osservabile durante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: