LED come lucciole? I LEC

Realizzati dai ricercatori delle Università svedesi di Umeå e Linköping coordinati da Ludvig Edman, i LEC sono un dispositivo a stato solido in grado di emettere luce.
LEC è l’acronimo di “Light-emitting Electrochemical Cell” ovvero “cella elettrochimica che emette luce” e sono formati da due piastre metalliche separate da un semiconduttore organico formato da un solvente come il Tetraidrofurano (THF) in cui viene sciolto un elettrolita come l’Ossido di Polietilene (PEO) ed il Triflato di Litio (LiCF3SO3) in cui avviene l’effetto dell’elettroluminescenza che emette luce grazie ai fotoni emessi dagli elettroni che eccitati si spostano in un semiconduttore attraverso una giunzione n-p. Quindi nonostante il nome derivante dall’utilizzo di una cella elettrochimica possa trarre in inganno il fenomeno non è una reazione chimica che emette luce (chemiluminescenza), e quindi non si tratta dello stesso fenomeno che permette alle lucciole ed ad altri animali, di emettere luce (bioluminescenza). Questa caratteristica li rende simili agli OLED (Organic Light-Emitted Diode), con cui si realizzano i moderni schermi curvi di smartphones e TVs oltre a questi:
non si tratta propriamente di un diodo dunque non necessitano di elementi diversi per gli elettrodi che possono dunque essere realizzati con lo stesso metallo, abbassandone il costo di produzione e lavorando a tensioni più basse.
potranno essere usati insieme al grafene ed altre forme allotropiche del carbonio (come i nanotubi di carbonio) così da sostituire del tutto l’uso dell’ossido di indio-stagno per realizzare le pellicole conduttive trasparenti (PCT) usate per ricoprire le celle.
lo spessore dello strato elettrochimicamente attivo non influisce sul funzionamento del dispositivo, rendendo possibile la stampa di un inchiostro elettrochimicamente attivo direttamente sugli elettrodi.

Dunque i LEC si presentano come i successori green dei tradizionali LED. Saranno anche più facili da realizzare dato che sarà possibile stamparli quasi come oggi stampiamo un inchiostro su carta; potranno essere flessibili e quindi disponibili a molteplici applicazioni

Fonti: ANSA, Design and Fabrication of LEC, in Copertina

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

5 legami tra Tolkien, Il Signore degli Anelli e la scienza
Il 3 gennaio 1892 nasceva J.R.R. Tolkien, filologo e scrittore inglese autore del celeberrimo Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit. La sua mitologia ha influenzato
Nakhliti e vulcani marziani: nuovi importanti indizi sulla loro storia
Un nuovo studio pubblicato su Nature a prima firma B.E.Cohen fornisce importanti ed innovativi indizi sull'evoluzione dei vulcani marziani e sull'origine
Il ghiaccio sotterraneo di Marte
Su Marte c'è acqua? Ormai è noto che in alcune regioni su Marte si trova del ghiaccio sotto la superficie. Ma quanto sia questo ghiaccio è ancora ignoto. Uno studio uscito su Science Magazine
Il Sole è nato in un sistema binario? Forse sì
Un nuovo studio, pubblicato da Steven Stahler e Sarah Sadavoy dell'università di Berkeley e di Harvard, sembra indicare che tutte le stelle, e quindi anche il nostro Sole,
N6946-BH1: storia di una supernova fallita
Dagli attuali modelli stellari risulta che le supernovae che osserviamo sono meno del previsto. Un nuovo studio, effettuato tramite Lbt, Hubble e Spitzer, potrebbe risolvere
Eclissi solare USA: cos'è e come vederla in streaming
Il 21 agosto 2017 gli Stati Uniti verranno attraversati da un’eclissi totale di Sole. Sarà uno dei fenomeni astronomici più seguiti di sempre. Vediamo un po’ di cosa
Le 7 scoperte dei primi 1000 giorni di MAVEN
A novembre 2014 la sonda della NASA MAVEN (Mars Atmosphere and Volatile EvolutioN) si è inserita nell'orbita marziana ed ha iniziato lo studio della sua atmosfera. Ecco i 7

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: