Titano: due nuovi studi pubblicati grazie ai dati di Cassini

Un gruppo di ricercatori della Cornell University ha pubblicato due nuovi studi su Titano, la luna più grande di Saturno, condotti grazie ai risultati della sonda Cassini. Nel primo studio, è stata creata una mappa topografica completa di Titano, l’altro analizza l’altitudine della superficie dei bacini di metano che lo ricoprono, ottenendo dei risultati inaspettati.

La missione Cassini è terminata, ma l’enorme quantità di dati raccolti durante i suoi 20 anni nello spazio ci riserverà interessanti scoperte negli anni a venire. Titano, il maggiore satellite di Saturno, è stato uno degli oggetti più interessanti tra quelli osservati dalla sonda, soprattutto per le sue caratteristiche geologiche, atmosferiche e per la forte presenza di metano sulla sua superficie. Questi due nuovi articoli, pubblicati il 2 dicembre 2017 su Geophysical Review Letters, sono perciò di particolare interesse per quanto riguarda lo studio di questo satellite.

Creare la mappa ha richiesto circa un anno di lavoro, in quanto combina tutti i dati ottenuti dalla sonda Cassini della superficie di Titano. Solo il 9% della superficie del satellite è stata osservata in alta risoluzione, mentre il 25-30% è stato osservato in bassa risoluzione, perciò gli autori dell’articolo hanno utilizzato degli algoritmi computazionali per minimizzare gli errori topografici che risultano dall’analisi dei dati di scarsa qualità, dovuti ad esempio alla geometria di osservazione (ad esempio dei dati ottenuti osservando la superficie “di taglio” sono generalmente di minore qualità di quelli ottenuti osservandola ortogonalmente).

La mappa topografica di Titano. Credits: Geophysical Research Letter

La mappa ha rivelato molti dettagli superficiali prima ignoti, tra cui nuove montagne più basse di 700 metri, e delle grosse depressioni equatoriali che potrebbero essere degli antichi mari prosciugati. La mappa sarà importante per chi studierà Titano in futuro, nelle più disparate branche della planetologia.

Il secondo articolo ha utilizzato proprio questa mappa, insieme ai dati radar della sonda Cassini, per trovare interessanti risultati riguardo la distribuzione e le caratteristiche dei bacini di metano presenti sulla superficie di Titano.

>Guida ai più grandi satelliti di Saturno

Il primo risultato è che i mari su Titano condividono una superficie equipotenziale, ossia hanno un “livello marino” uguale su tutta la superficie che dipende dalla gravità, proprio come il livello degli oceani sulla Terra. Si tratta di un’osservazione importante e non scontata, perché indica che i mari sulla superficie di Titano potrebbero essere connessi da qualcosa di simile ad un sistema acquifero, ossia attraverso ad esempio canali sotterranei, o attraverso rocce porose. Se così non fosse, infatti, l’altitudine degli specchi di metano non sarebbe vincolata ad essere costante su tutta la superficie, e potrebbe essere ad esempio minore per i bacini più piccoli o maggiore per quelli più grandi.

Inoltre, i laghi più piccoli si trovano ad altitudini anche centinaia di metri al di sopra del livello dei mari, in maniera simile ai laghi alpini sulla Terra, come il Titicaca sulla Ande.

Infine, il terzo risultato pubblicato nell’articolo genera un nuovo mistero: la maggior parte dei laghi di Titano si trova in depressioni dai bordi sottili, che talvolta sono alti anche centinaia di metri. La forma di questi laghi indica che potrebbero starsi espandendo con una velocità costante, ma non è chiaro dal punto di vista dei modelli di formazione, come possa essersi generata una forma simile per i bordi di questi laghi.

Video a confronto che mostrano il vuoto tra Saturno e gli anelli

In copertina il Ligeia Mare, il secondo mare di idrocarburi più grande sulla superficie di Titano. Credits: JPL

La lotta tra l'uomo ed il bradipo, immortalata nelle impronte fossili
Tra i 10.000 ed i 15.000 anni fa, un bradipo terricolo gigante (un grosso animale ormai estinto) camminava tranquillo nel White Sands National Monument,
Trappist-1: ecco i 7 esopianeti rocciosi annunciati dalla NASA
La NASA ha finalmente annunciato la scoperta: Trappist-1 è una nana rossa, piccola e fredda, attorno alla quale orbitano ben 7 pianeti rocciosi di dimensioni
Che cosa sono e da dove vengono le comete?
Le comete sono degli oggetti con una lunga tradizione di osservazioni, che spesso si mescola alla storia, alla mitologia ed ai racconti popolari, a causa del loro aspetto spettacolare
L'importanza della filosofia nella ricerca scientifica
Mi trovo spesso dentro discorsi dove si "disdegna" e si declassifica la filosofia nell'ambito scientifico, come se parlare di metafisica fosse un crimine contro l'umanità.
(4) Vesta: intervista sull'evoluzione geologica dell'asteroide di Dawn
Vesta è uno degli asteroidi più grandi della Fascia Principale di Asteroidi. La sonda Dawn della NASA lo ha visitato tra ill 2011 ed il 2012 ed i
Betelgeuse fotografata da ALMA in alta risoluzione

Per quanto si aumentino gli ingrandimenti, da un telescopio amatoriale quel punto arancione resterà sempre un punto. Diverso è se il telescopio non è amatoriale ma
Terremoti e trivelle: che legame c'è?
Tra le varie discussioni che accendono i social ce n'è una che va molto di moda in periodi in cui si verificano episodi sismici: la relazione causale tra questi episodi e la presenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: