1,2,3 stella: quando una supergigante scompare.

Avete capito bene, un stella scomparsa. No non è un thriller astronomico e neanche uno scherzo, si tratta di una vera e propria supergigante rossa grande 25 volte quanto il nostro Sole che pare sia scomparsa nel nulla.

Distante 20 milioni di anni luce da noi, la stella era tenuta sotto controllo dal Large Binocular Telescope (un telescopio ottico per l’astronomia situato a Mount Graham (3.300 m) ,nelle montagne del Pinaleno ,nell’Arizona sud- orientale) e nel 2009 sembrava dare buoni segnali, infatti la sua luminosità è aumentata man mano ad almeno un milione di luminosità solari.

Questa coppia di immagini a luce visibile e nel vicino infrarosso prese con il Telescopio Spaziale Hubble della NASA / ESA mostra la stella gigante N6946-BH1 prima e dopo che è scomparsa dalla vista implodendo per formare un buco nero. L’immagine a sinistra mostra la stella a 25 stelle di massa solare osservata nel 2007. Nel 2009, la stella è aumentata di luminosità diventando più di 1 milione di volte più luminosa del nostro Sole per diversi mesi. Ma poi sembrava svanire, come si vede nell’immagine del pannello di destra del 2015. Una piccola quantità di luce infrarossa è stata rilevata da dove una volta si trovava la stella. Questa radiazione probabilmente deriva da detriti che cadono su un buco nero. Il buco nero si trova a 22 milioni di anni luce nella galassia a spirale NGC 6946.

Questa osservazione fece molto scalpore quando nel 2015 la stella scomparì del tutto. Inizialmente gli scienziati furono sorpresi di questa osservazione, perché come ben sappiamo la morte di una stella si trasforma presto in una supernova. Questa volta però non è andata così.
Si ipotizza infatti che il nucleo della stella sia collassato per formare un buco nero. Solitamente i buchi neri si formano dopo la fase della supernova ma, N6946-BH1, ha dato prova che, invece di seguire questo processo, la stella potrebbe automaticamente collassare in un buco nero.

Questa impressione artistica mostra le fasi finali della vita di una stella supermassiccia che non riesce a esplodere come una supernova, ma invece implode sotto gravità per formare un buco nero. Da sinistra a destra: la stella massiccia si è evoluta in una supergigante rossa, l’involucro della stella viene espulso e si espande, producendo una sorgente transitoria fredda e rossa che circonda il buco nero appena formato. Alcuni materiali residui possono cadere sul buco nero, come illustrato dal flusso e dal disco, potenzialmente alimentando alcune emissioni ottiche e infrarosse anni dopo il collasso.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

OSIRIS-REx e Bennu: si comincia



Il 17 agosto la sonda della NASA OSIRIS-REx ha ottenuto le sue primissime immagini dell'obiettivo della missione: l'asteroide Bennu. Da una distanza di 2.2 milioni di chilometri,
Motori come computer. Perché usare un gran numero di motori
Prima che il Falcon Heavy facesse il suo debutto nessun razzo con un così gran numero di motori è mai riuscito ad arrivare in orbita. Si può pensare che i vettori
SN 1987a, 30 anni dopo
Era il 24 febbraio del 1987 quando venne riportata la scoperta di un oggetto molto luminoso nella Grande Nube di Magellano (una galassia molto vicina alla nostra), il quale doveva aver aumentato
Dai dati alla musica: vento solare e stelle di neutroni
Quante volte vi è capitato di incappare in video come "i suoni dei pianeti", o "il suono degli anelli di Saturno"? Dei suoni intriganti, affascinanti e misteriosi.
Il premio Nobel per la Fisica 2016
Che il premio nobel 2016 per la Fisica andasse a LIGO per le onde gravitazionali sembrava quasi scontato, eppure così non è stato. La commissione di Stoccolma ha infatti scelto come
Corona solare: il check-up completo degli ultimi 7 anni
Attraverso l'analisi di un'enorme quantità di dati ottenuti dall'SDO della NASA tra il 2010 ed il 2017, uno studio pubblicato su Science Magazine si pone l'obiettivo
Pan, il disco volante satellite di Saturno
Per la prima volta la sonda Cassini si è avvicinata abbastanza al piccolo satellite di Saturno Pan da permettere di osservarne dettagliatamente la superficie.

Che Pan avesse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: