Tesla ed i numeri 3,6,9 – La chiave dell’energia libera?

Prima di cominciare è d’obbligo una breve introduzione, anche per inquadrare un po’ Tesla e la situazione dell’epoca.

Nikola Tesla viene ricordato come lo scienziato che voleva elettrificare il mondo.
Per far ciò studiò approcci per la trasmissione di energia a distanza come torri da cui irradiare energia verso tutti, che comunque dovevano essere alimentate da una fonte di energia (doveva essere collegata ad una centrale elettrica), ed ogni utilizzatore avrebbe dovuto avere la sua antenna per ricevere quest’energia, come una trasmissione radio.
Per riuscire a far questo Tesla aveva avuto l’idea, geniale, di sfruttare i medium naturali dell’elettromagnetismo terrestre cioè litosfera e ionosfera terrestre, che formano le “maglie” del condensatore terrestre.
La Terra infatti si comporta come un condensatore di cariche elettriche in cui si genera una differenza di potenziale elettrico fra il suolo e la ionosfera. Quindi l’idea di usare le torri è proprio quella di immettersi nel processo costante di carica e scarica del condensatore terrestre. Un ciclo che idealmente può essere visto simile al ciclo dell’acqua ed al ciclo del vento. Tesla avrebbe costruito queste torri, come le due che ha realmente costruito prima a Colorado Springs e poi a New York (la famosa torre di Wardenclyffe), attraverso la tecnologia del Trasmettitore di Amplificazione, una versione delle bobine di Tesla.

Tesla era grande amico di William Crookes (nella sua autobiografia ricorda con molta gioia la loro amicizia), che fu uno di quegli scienziati che a cavallo fra ‘800 e ‘900 hanno contribuito a portare luce su un fenomeno nuovo per l’epoca: le radiazioni (raggi X, alfa, beta, gamma) grazie ai tubi catodici ed è stato anche uno degli apripista per la fisica del plasma. In quell’epoca le radiazioni erano un fenomeno poco conosciuto perché si era iniziato da poco a rendersi conto della loro esistenza ed ancora avvolto in un fitto alone di mistero, soprattutto per i non addetti ai lavori. Osservando l’esistenza di una radioattività di fondo ed all’esistenza di una radiazione cosmica portò Tesla a pensare che si sarebbe potuti riuscire a raccogliere quest’energia radiante. Dunque creò il famoso brevetto del collettore di energia radiante (radiant energy collector). Un secolo prima già Coulomb si rese conto dell’esistenza di un qualche tipo di “elettrificazione di fondo” sempre presente, che come si è scoperto dopo è causata per l’appunto dalla radioattività di fondo a cui contribuiscono anche i raggi cosmici.

Quindi probabilmente anche cominciando ad individuare nelle radiazioni cosmiche (compreso il vento solare) una possibile causa del processo di carica del condensatore terrestre venne in mente a Tesla di unificare la trasmissione ed erogazione di energia direttamente dai medium naturali immettendosi nel suddetto ciclo, come una turbina idraulica si immetterebbe nel ciclo naturale dell’acqua.

Nel pensare ciò Tesla ideò una sorta di modello di distribuzione di energia potenzialmente “libero”, cioè accessibile a chiunque, una energia libera: free energy. Idea che successivamente è stata confusa con quella di moto perpetuo.

In più va comunque ricordato anche che Tesla avendo studiato un elettromagnetismo delle origini, quindi per come è stato modellato da Maxwell, aveva una visione meccanica del fenomeno, perché i modelli usati per descrivere i fenomeni elettrici e magnetici erano stati introdotti sull’ipotesi che l’elettricità si comporti come un fluido, e quindi furono applicati gli stessi teoremi che erano stati sviluppati per la fluidodinamica (meccanica), come il Teorema di Gauss del Flusso. Segno di ciò l’abbiamo nel fatto che Tesla stesso si riferiva alla tensione elettrica come pressione elettrica, termine che oggi può suonare arcaico ma che era comune all’epoca. Da questa stessa visione dell’elettromagnetismo classico si evince l’idea dell’Etere, che è un concetto molto più antico. L’etere in quest’indagine veniva definito come la materia su cui si propaga la luce. Quest’idea scaturisce dal fatto che il vuoto possiede delle costanti di permeabilità magnetica (μ0) e dielettrica (ε0) per i fenomeni elettromagnetici, quindi dal fatto che le equazioni che descrivono l’elettromagnetismo nel vuoto e nella materia sono pressoché immutate nella loro forma. La stessa velocità della luce si ricava dal valore di queste due costanti. Quindi l’idea dell’etere luminifero, che potremmo visualizzare come la materia del vuoto era un concetto ancora molto vivo nella mente di Tesla e nei suoi contemporanei tanto che continuò a fare degli esperimenti per cercare di portare alla luce le proprietà di questa sostanza.

Ora veniamo al 3,6,9…

Cercando riguardo Tesla è facile incappare in questa citazione:
Se tu conoscessi la magnificenza del tre, del sei e del nove, potresti avere la chiave per l’universo”.

In genere questa citazione apre la presentazione dell’idea che i numeri 3,6,9 siano alla base di geometrie che permetterebbero “la free energy”.
Ad esempio, si fa notare come partendo da un cerchio il cui angolo al centro misura 360 gradi, dividendolo in due parti si ottengano 2 angoli da 180 gradi. Che a loro volta divisi per due restituiscono 4 angoli da 90 gradi, che a loro volta divisi ognuno in due parti restituisce 8 angoli da 45 gradi, e così via per un numero “n” qualsiasi di iterazioni, così come farebbe una cellula in mitosi.
360:1 = 360
360:2 = 180
360:4 = 90
360:8 = 45
360:16 = 22,5

e sommando le cifre di questi valori otteniamo sempre 9:
3+6+0 = 9
1+8+0 = 9
9+0 = 9
4+5 = 9
2+2+5 = 9

Secondo questa idea, il 9 sarebbe un numero alla base dell’universo perché si ripete sempre nella misura degli angoli con cui viene diviso un cerchio secondo questa successione.
Per convincere ancor più dell’importanza del 3,6,9 vengono usati altri esempi analoghi.
Sempre considerando la successione numerica della potenza di due:
a1=2
a2=4
a3=8
a4=16
a5=32
a6=64

sommando le cifre di ogni sei termini della successione otteniamo la sequenza di numeri 2,4,8,7,5,1 che si ripete ogni 6 elementi di questa successione. Non compaiono mai 3,6,9.
Inoltre ponendo questi numeri su una circonferenza si osserva come il percorso compiuto collegando i numeri così come appaiono nella sequenza escluda i numeri 3,6,9, disegnando un infinito () molto stilizzato.

Non solo, possiamo anche osservare che la somma delle cifre simmetriche rispetto all’asse che passa per 9 è 9:
8+1=9
7+2=9
6+3=9
5+4=9

Secondo i “teorici” di quest’idea tutto ciò sarebbe l’indizio che bisogna costruire una geometria toroidale che ripete questa sequenza. Detta ABHA Torus e che sarebbe alla base delle Rodin Coils, delle bobine toroidali avvolte secondo questa geometria, che dovrebbero servire per ottenere “energia infinita“.
Tutto molto bello ed affascinante, un po’ meno considerando la termodinamica, ma a prescindere da ciò, quando si osserva un ragionamento che riguarda l’osservazione delle proprietà dei numeri quel che bisogna chiedersi sempre è: tutto ciò ha realmente un significato fisico? Vediamo quanto segue dall’analisi di queste geometrie.

Io ed Alessio abbiamo osservato che la somma delle cifre di un multiplo di nove è sempre 9 od un suo multiplo (9k).
Questa è una proprietà che vale per qualsiasi numero multiplo di 9. Quindi anche se la somma delle cifre di un multiplo di nove non è nove ma un multiplo di nove, posso sempre sommare le cifre di questo risultato ottenendo o nove od un suo multiplo. Questa operazione si può iterare per un numero qualsiasi di passaggi finché non si ottiene 9.
Il risultato di questo algoritmo identifica in generale la radice digitale [r(n)] di un numero.
Esempio:
r(34) = 7
r(39) = 3 perché 3+9 = 12, e 1+2 = 3
r(99) = 9 perché 9+9 = 18, e 1+8 = 9

Alessio ha scritto la relazione matematica dimostrandola secondo il principio di induzione:

I numeri dati dalla divisione di 360 (9*40) per termini della successione dell’elevazione a potenza di due (2,4,8,16…) rispettano questa legge matematica perché tutti multipli di 9.
Notiamo ad esempio che in questa successione mancano numeri multipli di 3. Infatti la successione delle potenze di 2 è composta esclusivamente da multipli di 2; quindi se dividessimo un multiplo di 9 per 3 od un suo multiplo, non avremmo più un multiplo di nove, e sommandone le cifre avremmo un numero qualsiasi. Ad esempio:
360:3 = 120
r(120) = 3
, dove 120 = 3*40 che non è più un multiplo di 9.

Oltre a ciò c’è da considerare che la misura degli angoli è arbitraria, cioè il numero della misura dipende dall’unità di misura considerata, e dunque le proprietà osservate per quanto visto nella misura in gradi sessasegimali (360) non è detto che valgano per altri sistemi di misura.
Ad esempio il Sistema Internazionale di misura usa i radianti. Questa misura rappresenta il rapporto tra la lunghezza dell’arco di circonferenza tracciato dall’angolo e la lunghezza del raggio della circonferenza stessa. Essendo dunque il rapporto di due lunghezze, è un numero puro, cioè adimensionale. Un angolo giro che misura 360 gradi sessagesimali equivale ad un angolo che misura 2π radianti. Fare un’analisi simile a quella fatta per 360 gradi risulta impossibile, perché la somma delle cifre di 2π, od anche solo di π è infinita perché π è un numero irrazionale , cioè non può essere descritto come quoziente di due numeri interi, e proprio a causa di ciò ha infinite cifre decimali. E’ stato scoperto proprio dividendo la lunghezza di una circonferenza per il suo diametro, scoprendo che questa divisione non aveva termine.
Un altro sistema di misura è quello del grado decimale, che divide un intero angolo giro in 400 gradi. Sistema utile per i motori passo passo con cui si azionano macchine a controllo numerico, come CNC e stampanti 3D, perché tali motori hanno passi definiti su questa unità di misura o su 200°. Osserviamo subito che 400 e 200 non sono multipli di 9, e dunque non è possibile applicare la legge numerica osservata prima.
Ciò vale anche con la sequenza 2,4,8,7,5,1. Infatti l’uso di questa successione è totalmente arbitrario. Niente mi suggerisce che dovrei preferirla rispetto ad un’altra successione. Infatti la successione delle potenze di due può essere usata per descrivere alcuni fenomeni come la mitosi cellulare, ma non descrive tutto. Già avrebbe più senso usare una successione esponenziale su base il numero di Eulero (e), un numero irrazionale e trascendente molto usato per descrivere fenomeni fisici.
Già la successione di Fibonacci non la rispecchia. La somma delle cifre di ogni termine non offre nessuna sequenza che si ripete. [e.c. Paolo ci fa notare che: “non è vero che la somma delle cifre per la successione di fibonacci fornisce una sequenza che non si ripete, tutte le successioni definite per ricorrenza devono essere periodiche per forza di cose, perché è come fare i calcoli modulo 9. La successione di Fibonacci ha infatti periodo 24”].

Questo rende ancora più chiaro come la scelta dell’uso di questa successione e della misura sessasegimale degli angoli sia stata del tutto arbitraria; e dunque se si fosse osservato un qualche tipo di caratteristica fisica (come geometrica), questa si sarebbe mantenuta anche cambiando sistema di misura.

In conclusione grazie a quanto abbiamo visto possiamo giungere ad una conclusione molto importante:

In generale, quando osserviamo un ente fisico ed a questi associamo un numero che indica la misura di qualche sua grandezza, non possiamo trasportare le proprietà del numero all’ente fisico osservato.
Cioè queste non hanno significato fisico.

Considerando innanzi tutto che non è documentato che Tesla disse quelle parole riguardo il 3,6,9, e che quindi come spesso accade viene usata la sua figura per garantire autorevolezza ad un lavoro che si fonda su presupposti non solidi, c’è anche da considerare che quanto osservato non ha alcun significato fisico.
Per ultimo, l’idea stessa della “free energy” come sogno di Tesla è stata completamente travisata. Infatti come scritto prima la “free energy” di Tesla è semplicemente l’idea di poter distribuire energia liberamente a chiunque. E’ un concetto che ha più a che fare con un diverso paradigma di intendere la gestione dell’energia che riuscire a creare macchine in grado di “creare” energia.

Copertina ispirata dalla foto.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

SpaceX: SES-10 Primo Lancio con un razzo riutilizzato

Stanotte, alle ore 00:27 italiane, il Falcon9 della SpaceX porterà in orbita il decimo satellite geostazionario per le telecomunicazione della costellazione SES.


Cos'ha
Speciale Halloween: i "mostri" dell'universo
Ebbene sì, i mostri non esistono solo nei film horror o nei nostri incubi. Anche l'Universo ospita qualche "mostruoso creatura" che ci fa tremare alla sola vista! Stiamo parlando
Scoperta una nuova luna nella fascia di Kuiper
2007OR10 è il nome del terzo pianeta nano in ordine grandezza nella regione transnettuniana, la regione in cui gli oggetti orbitano almeno in parte al di fuori dell'orbita
5 curiosità su Isaac Newton
Ormai è diventato un'icona della scienza, dopo essere stato un matematico, fisico, filosofo naturale, astronomo, teologo e alchimista inglese, Isaac Newton è celebrato come il più grande scienziato
Buchi Neri: le basi per capire questi straordinari mostri cosmici.
Tutti abbiamo sentito parlare più o meno approfonditamente di Buchi Neri, ma cosa sono realmente? Perché sono così interessanti e spaventosi allo stesso
Corona solare: il check-up completo degli ultimi 7 anni
Attraverso l'analisi di un'enorme quantità di dati ottenuti dall'SDO della NASA tra il 2010 ed il 2017, uno studio pubblicato su Science Magazine si pone l'obiettivo
Trappist-1: ecco i 7 esopianeti rocciosi annunciati dalla NASA
La NASA ha finalmente annunciato la scoperta: Trappist-1 è una nana rossa, piccola e fredda, attorno alla quale orbitano ben 7 pianeti rocciosi di dimensioni

2 pensieri riguardo “Tesla ed i numeri 3,6,9 – La chiave dell’energia libera?

  • aprile 24, 2018 in 1:25 pm
    Permalink

    Una precisazione, non è vero che la somma delle cifre per la successione di fibonacci fornisce una sequenza che non si ripete, tutte le successioni definite per ricorrenza devono essere periodiche per forza di cose, perché è come fare i calcoli modulo 9. La successione di Fibonacci ha infatti periodo 24.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: