Rintracciata la sorgente di un neutrino cosmico

Per la prima volta è stata rintracciata la sorgente di un neutrino cosmico ad alte energie utilizzando l’esperimento IceCube in Antartide. Lo studio su Science.

I neutrini sono particelle subatomiche quasi senza massa e senza carica elettrica: ne segue che interagiscano di rado con la materia ordinaria e rilevarne la presenza e studiarli è un lavoro assai complesso.

La maggior parte dei neutrini ha origine solare, prodotti di scarto delle reazioni nucleari che tengono in vita la nostra stella evitandone il collasso. In un caso (Supernova 1987A), è stata rintracciata l’emissione di neutrini extrasolari.

Ma una percentuale di questi neutrini viene da sorgenti ignote site all’esterno del Sistema Solare, sorgenti cosmiche difficilmente rintracciabili. Eppure i ricercatori, utilizzando l’esperimento IceCube situato nel continente Antartico, sono riusciti a rintracciare la sorgente di uno di questi neutrini, sorgente risultata essere un blazar (una gigantesca galassia ellittica attiva il cui nucleo è costituito da un buco nero in rapida rotazione), nota sorgente di raggi gamma dal nome non molto user-friendly di TXS 0506+056. Anche il nome del neutrino è altrattanto criptico: IceCube-170922A è stato osservato il 22 settembre 2017. Come se non bastasse, la scoperta è resa ancora più interessante dall’osservazione che questi neutrini sono accompagnati da raggi cosmici, le particelle cariche che, venendo da sorgenti distanti dal Sistema Solare, lo bombardano di continuo.

Si sospetta quindi che i blazar possano essere le sorgenti per eccellenza dei neutrini ad alte energie che si osservano nel flusso di neutrini cosmici.

Una scoperta notevole, che fornisce un tassello in più per la conoscenza di queste piccolissime particelle che quotidianamente passano anche attraverso il nostro corpo senza recendercene conto.

Fonte: Science

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Le dune scure di Marte fotografate dall'MRO


Le macchie scure visibili nelle fotografie sono delle tipiche dune di sabbia marziana. La maggior parte della sabbia sulla Terra è composta del minerale noto come quarzo,
Stelle cadenti: cosa sono e quando osservarle
Anche quest'anno milioni di persone passeranno la notte di San Lorenzo con lo sguardo verso il cielo nella speranza di osservare qualche piccolo bagliore luminoso. Facciamo
SpaceX: SES-10 Primo Lancio con un razzo riutilizzato

Stanotte, alle ore 00:27 italiane, il Falcon9 della SpaceX porterà in orbita il decimo satellite geostazionario per le telecomunicazione della costellazione SES.


Cos'ha
Clinton vs Trump: i programmi spaziali
L'elezione del nuovo presidente statunitense è ormai estremamente vicina. Quali potrebbero essere le conseguenze di queste elezioni sui programmi spaziali della NASA e delle agenzie
La fine di Kepler: qual è il lascito del cacciatore di esopianeti?
Dopo 9 anni a caccia di pianeti extrasolari, la missione Kepler è giunta definitivamente a compimento: finito il carburante, l'osservatorio, che già stava
L'ABC della Relatività Generale: le basi, i buchi neri, le onde gravitazionali
La Relatività Generale, una delle opere d'arte della scienza del XX secolo, nonché una delle teorie più temute da chi non la conosce: è davvero
Venere: siamo pronti per tornarci
Per quanto riguarda le missioni della NASA, Venere è uno dei più trascurati dei nostri vicini, nonostante la vicinanza sia fisica che evolutiva fa sì che avrebbe molto da dirci anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: