Rintracciata la sorgente di un neutrino cosmico

Per la prima volta è stata rintracciata la sorgente di un neutrino cosmico ad alte energie utilizzando l’esperimento IceCube in Antartide. Lo studio su Science.

I neutrini sono particelle subatomiche quasi senza massa e senza carica elettrica: ne segue che interagiscano di rado con la materia ordinaria e rilevarne la presenza e studiarli è un lavoro assai complesso.

La maggior parte dei neutrini ha origine solare, prodotti di scarto delle reazioni nucleari che tengono in vita la nostra stella evitandone il collasso. In un caso (Supernova 1987A), è stata rintracciata l’emissione di neutrini extrasolari.

Ma una percentuale di questi neutrini viene da sorgenti ignote site all’esterno del Sistema Solare, sorgenti cosmiche difficilmente rintracciabili. Eppure i ricercatori, utilizzando l’esperimento IceCube situato nel continente Antartico, sono riusciti a rintracciare la sorgente di uno di questi neutrini, sorgente risultata essere un blazar (una gigantesca galassia ellittica attiva il cui nucleo è costituito da un buco nero in rapida rotazione), nota sorgente di raggi gamma dal nome non molto user-friendly di TXS 0506+056. Anche il nome del neutrino è altrattanto criptico: IceCube-170922A è stato osservato il 22 settembre 2017. Come se non bastasse, la scoperta è resa ancora più interessante dall’osservazione che questi neutrini sono accompagnati da raggi cosmici, le particelle cariche che, venendo da sorgenti distanti dal Sistema Solare, lo bombardano di continuo.

Si sospetta quindi che i blazar possano essere le sorgenti per eccellenza dei neutrini ad alte energie che si osservano nel flusso di neutrini cosmici.

Una scoperta notevole, che fornisce un tassello in più per la conoscenza di queste piccolissime particelle che quotidianamente passano anche attraverso il nostro corpo senza recendercene conto.

Fonte: Science

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

SpaceX: Il Falcon Heavy
Nel precedente articolo abbiamo parlato del primo lancio del Falcon9 dal Launch Complex 39A del Kennedy Space Center, da cui hanno avuto inizio le epiche missioni del programma Apollo e dello Space
Breve storia del telescopio spaziale Hubble
È il 24 Aprile del 1990, tira un'aria fredda nel complesso di lancio 39, presso il John F. Kennedy Space Center. Le persone sono in visibilio e c'è una tale confusione in giro
Rintracciata la sorgente di un neutrino cosmico
Per la prima volta è stata rintracciata la sorgente di un neutrino cosmico ad alte energie utilizzando l'esperimento IceCube in Antartide. Lo studio su Science.

I neutrini
N6946-BH1: storia di una supernova fallita
Dagli attuali modelli stellari risulta che le supernovae che osserviamo sono meno del previsto. Un nuovo studio, effettuato tramite Lbt, Hubble e Spitzer, potrebbe risolvere
Una nuova particella per il CERN di Ginevra
Di oggi la notizia della conferma sperimentale di una nuova particella fondamentale che compone le particelle e da tempo veniva cercata dagli studiosi del campo. Si chiama Ξcc++,
Fratture di fango nel terreno marziano
Numerose fotografie inviate dal rover marziano Curiosity sembrano mostrare la presenza di mud cracks, le fratture che si generano a causa del disseccamento del fango.




Nat Geo Festival delle Scienze: il programma dell'evento a Roma
Al via il National Geographic Festival delle Scienze presso l'Auditorium Parco della Musica di Roma. Da giovedì a domenica: 4 giorni intensi di conferenze,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: