Stelle cadenti: cosa sono e quando osservarle

Anche quest’anno milioni di persone passeranno la notte di San Lorenzo con lo sguardo verso il cielo nella speranza di osservare qualche piccolo bagliore luminoso. Facciamo un po’ di chiarezza sull’origine di quei bagliori: sono le stelle cadenti davvero stelle? Perché le possiamo osservare ogni anno negli stessi giorni?

ISS028-E-024847_lrg.jpg
Un meteoroide visto dalla Stazione Spaziale Internazionale

Quando una cometa passa vicino al Sole lascia dietro di sé una grande quantità di detriti. Se questa scia va ad intersecare l’orbita terrestre, i frammenti di roccia di cui è costituita entrano in atmosfera e bruciano rapidamente per attrito viscoso portando al cosiddetto fenomeno delle stelle cadenti, che tecnicamente si chiamano meteoroidi (se qualche frammento riesce a toccare il suolo prende il nome più noto di meteorite). 

La Terra incontra le scie di detriti di una cometa sempre nello stesso periodo dell’anno e per questo è possibile definire dei periodi in cui conviene guardare in alto alla ricerca dei brevi bagliori dei meteoroidi.

Gli sciami di meteoroidi prendono il nome dalla costellazione da cui sembrano provenire. Le famose stelle cadenti di San Lorenzo sono perciò dette Perseidi, perché la Terra incontra lo sciame di detriti in modo che sembrino provenire dalla costellazione di Perseo.

Ma dopo qualche anno non finiscono questi detriti? Finirebbero, ma le comete ritornano e forniscono nuovi detriti. Le comete hanno orbite molto eccentriche e lunghe ma sono pur sempre oggetti orbitanti attorno al Sole e perciò tornano periodicamente sui loro passi. Le Perseidi sono allora date dai frammenti della cometa Swift-Tuttle, passata in perielio (il punto più vicino al Sole) nel 1992, e che vi tornerà nel 2126, rifornendo il materiale per le nostre adorate stelle cadenti.

Ecco una tabella dei principali sciami meteorici.

Quadrantidi 1-6 Gennaio
Lyridi di Aprile 19-24 Aprile
Eta Aquaridi 1-8 Maggio
Delta Aquaridi 15 Luglio – 15 Agosto
Perseidi 25 Luglio – 18 Agosto
Orionidi 16-27 Ottobre
Tauridi 20 Ottobre – 30 Novembre
Leonidi 15-20 Novembre
Geminidi 7-15 Dicembre

 

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Dal Giappone all'ISS: intervista a Marco Casolino, primo ricercatore all'INFN
Marco Casolino è un Fisico che opera presso l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, dove è Primo Ricercatore; tiene corsi sui raggi cosmici
Il premio nobel per la Fisica 2017
Che il premio nobel 2016 per la Fisica andasse a LIGO per le onde gravitazionali sembrava quasi scontato, eppure così non è stato. In realtà alle onde gravitazionali non poteva proprio
Come scegliere il primo Telescopio - guida completa

Vorrei iniziare ad osservare il cielo, quale telescopio mi conviene acquistare?

È una domanda che ci viene posta di continuo e con questo articolo vorremmo provare
A tutto plasma! - Parte II
In questa seconda parte tratteremo delle altre tipologie di propulsori al plasma, quelle più usate, più studiate e forse le più ambiziose.

Hall Effect Thrusters (HET)



Gli HET, o Propulsori
Bolide avvistato in Nord Italia il 30 maggio: Prime immagini e spiegazione
Il 30 maggio 2017, attorno alle 23:10, moltissime persone in un'area compresa approssimativamente tra Firenze e Milano hanno potuto ammirare uno
Il radiotelescopio cinese FAST entra in funzione
Il 25 settembre scorso è stato inaugurato il Five hundred-meter Aperture Spherical Telescope, il nuovo radiotelescopio cinese. Si tratta del radiotelescopio più grande
La fine di Kepler: qual è il lascito del cacciatore di esopianeti?
Dopo 9 anni a caccia di pianeti extrasolari, la missione Kepler è giunta definitivamente a compimento: finito il carburante, l'osservatorio, che già stava

Un pensiero riguardo “Stelle cadenti: cosa sono e quando osservarle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: