Chi siamo

Cronache dal Silenzio è un progetto che nasce da un’idea di Luca Nardi nel febbraio 2016. Giunto quasi al termine degli studi universitari, si è infatti reso conto dell’abisso che si crea tra il mondo della ricerca e la società nel momento in cui i primi si disinteressano alla divulgazione delle ricerche, dei metodi e dei risultati cui essi portano. La scienza non dovrebbe rimanere nascosta in una setta segreta di scienziati, perché costituisce un patrimonio in continua crescita per l’umanità intera. L’obiettivo di questo progetto è proprio quello di creare, nel suo piccolo, un ponte tra mondo della ricerca ed il pubblico, avvicinando quest’ultimo al metodo scientifico ed al suo modo di approcciare la realtà.

Da febbraio 2017 la redazione si è allargata comprendendo anche Marco Leone e Lorenzo Zanisi.

A settembre 2017, la collaborazione con la pagina Facebook Esplorando l’Universo di Valentino Impera ha portato di fatto a lavorare insieme, ragion per cui si è deciso di fondere definitivamente i due progetti, con l’entrata ufficiale di Valentino Impera nel team della pagina.

A gennaio 2018, la redazione si allarga ulteriormente includendo Alessio Ranallo e Giancarlo Piscopo, mentre a maggio dello stesso anno entra nel team anche Giulia Fischetti ed a settembre è il turno di Davide Bufalini.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Sono le spade laser davvero laser?
Se pensiamo alla leggendaria saga di fantascienza di Star Wars la prima cosa che ci viene in mente sono sicuramente i cavalieri Jedi, con le loro spade laser. Vediamo come e se sarebbe
Quando lo Spazio Esterno si avvicina
La linea di Kármán, la demarcazione tra l'atmosfera terrestre e lo spazio esterno, potrebbe essere più vicina di quanto finora ipotizzato. Un nuovo studio la pone infatti a 20 km in
Hayabusa2: approfondimento sulla missione della JAXA
Hayabusa2 è l'erede della misione Hayabusa (dal giapponese, falco pellegrino). Hayabusa nel 2005 ha visitato l'asteroide (25143) Itokawa, osservandolo per circa 2 mesi
NASA Space Apps Challenge: arriva l'Hackathon a Torino
48 ore ed un obiettivo: sviluppare un'app che proponga idee e soluzioni alle sfide dello Spazio e della Terra. Il 20 ed il 21 ottobre a Torino torna la NASA Space
Rømer e la scoperta della velocità della luce
Oggi diamo quasi per scontato che la velocità della luce sia finita, nonostante molto elevata (circa 300.000 km/s) ma in passato ci sono stati pareri discordanti, dovuti anche
Le 7 scoperte dei primi 1000 giorni di MAVEN
A novembre 2014 la sonda della NASA MAVEN (Mars Atmosphere and Volatile EvolutioN) si è inserita nell'orbita marziana ed ha iniziato lo studio della sua atmosfera. Ecco i 7
Plutone: ecco come si è formata la Sputnik Planitia
Uno studio pubblicato su Nature offre nuove possibilità sulla formazione della Sputnik Planitia, la grande pianura ghiacciata a forma di cuore che caratterizza una buona

4 pensieri riguardo “Chi siamo

  • maggio 31, 2016 in 9:06 pm
    Permalink

    Ciao Luca, ti ho scritto su FB, (Francky) ma mi chiamo Luciano (non esco con il nome perche’ ho lavorato come guardia e nella sicurezza, purtroppo devo salvaguardare la mia privacy. ———-

    Comunque sono uno degli / dei principali di questo progetto, che trovi qui,
    https://twitter.com/dreaker_project
    E un piacere sapere che sei un ottimo studente e il piacere di averti come amico.
    Spero se ami excel di darci un’occhiata al progetto.
    La pagina principale la trovi qui http://scambiolink.superweb.ws/foglioexcelastronomia.html

    Io scrivo su Astronomia.com anche, con il mio nome . – Anche io sono appassionato come te, ma non ho avuto la fortuna di proseguire negli studi.

    Colgo l’occasione di porgerti i miei piu’ Cordiali e Sinceri saluti

    Risposta
    • maggio 31, 2016 in 10:33 pm
      Permalink

      Ciao Luciano, sembra veramente un bel progetto! Nei prossimi giorni me lo studio con calma. Grazie 🙂

      Risposta
  • febbraio 20, 2017 in 5:29 pm
    Permalink

    Bellissimo il titolo e “grandioso” l’argomento. Io non ho una preparazione scientifica ma il cosmo mi ha sempre affascinata per molte ragioni: la sua immensità, la bellezza del cielo stellato in certe notti serene in montagna, il movimento a spirale di tutti i corpi celesti (la spirale ha significati exo ed esoterici), e infine l’incredibile riproduzione della medesima struttura nel microcosmo dell’atomo e nel macrocosmo dei sistemi solari, delle galassie e degli ammassi. Vorrei terminare con un pensiero di Einstein “Non credo in un Dio personale […] se c’è in me qualcosa che si può definire sentimento religioso, è proprio quella sconfinata ammirazione per la struttura del mondo nei limiti in cui la scienza ce la può rivelare” (da “Pensieri di un uomo curioso”).

    Risposta
    • febbraio 20, 2017 in 8:37 pm
      Permalink

      Ciao Maria Grazia Paris, e grazie mille dei complimenti!
      Una piccola ma doverosa puntualizzazione: il microcosmo atomico non ha la medesima struttura del Sistema Solare, il modello atomico planetario è stato da tempo abbandonato anche se è quello intuitivamente più comprensibile. Il mondo della meccanica quantistica è quanto di meno comprensibile esista per l’intuizione 🙂

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.