Tuoni e fulmini

Vi siete mai chiesti che cosa sono i fulmini? Spesso molti fenomeni che ci circondano sono talmente comuni che ci dimentichiamo di chiederci cosa li scateni, eppure conoscerne l’origine ci permette di osservarli con una meraviglia ancora maggiore.

Il fulmine è un fenomeno di scarica di corrente tra regioni cariche elettricamente nelle nubi o tra nubi e suolo. Può avvenire quando una regione della nube si carica negativamente e le particelle cariche vengono attratte dalle particelle positive che si trovano a terra (fulmine nube-suolo), in un’altra regione della nube (fulmine intranube) o in un’altra nube (fulmine internube). Ciò genera un rapido passaggio di particelle cariche da una regione all’altra che si manifesta come un plasma [1] (la saetta), un bagliore diffuso ed il tuono. Quest’ultimo generalmente si ascolta in ritardo rispetto al momento in cui si osserva la luce in quanto la velocità del suono è circa 300.000 volte minore di quella della luce. Sulla Terra cadono circa 1.4 miliardi di fulmini all’anno con una durata media di 0.2 secondi, quanto un battito di ciglia!

Si osservano fulmini anche nelle eruzioni vulcaniche, nelle tempeste di sabbia, nei tornado, nelle bufere di neve e negli incendi boschivi.

Ma perché le nubi si caricano elettricamente? Quello che si osserva è un accumulo di cariche negative nella parte bassa della nube e di cariche positive nella parte alta. Esistono due teorie fondamentali che cercano di spiegare tale fenomeno: la teoria gravitazionale e la teoria convettiva.

Nella prima la causa dell’esistenza delle regioni cariche è la differenza di massa tra particelle cariche negativamente e positivamente. Le particelle più grandi e massicce, infatti, si strofinerebbero più facilmente tra di loro, caricandosi negativamente. Siccome le masse maggiori saranno maggiormente attratte verso il basso, si creeranno regioni cariche differentemente. La teoria gravitazionale è più accreditata, ma non spiega il fenomeno nelle situazioni in cui non vi siano particelle di ghiaccio.

La teoria convettiva invece spiega la carica come una cattura degli ioni che viaggiano nell’atmosfera da parte delle nubi. Queste cariche si possono formare a causa dell’attrito tra le particelle nei moti interni alle nubi temporalesche, per poi venire catturate dalle goccioline d’acqua  che costituiscono le nubi stesse, creando così delle regioni cariche.

[1] Il plasma è lo stato della materia simile ad un gas, ma costituito prevalentemente da particelle cariche, cosa che in genere richiede elevate temperature: ecco perché la maggior parte del plasma lo troviamo nelle stelle.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

La fisica della buona pizza
La cucina è un vero e proprio laboratorio di fisica da cui si può imparare molto delle leggi che la regolano. Ma è anche vero il contrario, ossia che i principi della fisica possono essere
Onde Gravitazionali: la scoperta del secolo, dopo un secolo
Siamo nel 1916. Albert Einstein formula la sua teoria più rinomata: la Relatività Generale. Tra le altre cose, che hanno rivoluzionato la fisica e la nostra
N6946-BH1: storia di una supernova fallita
Dagli attuali modelli stellari risulta che le supernovae che osserviamo sono meno del previsto. Un nuovo studio, effettuato tramite Lbt, Hubble e Spitzer, potrebbe risolvere
Il ghiaccio sotterraneo di Marte
Su Marte c'è acqua? Ormai è noto che in alcune regioni su Marte si trova del ghiaccio sotto la superficie. Ma quanto sia questo ghiaccio è ancora ignoto. Uno studio uscito su Science Magazine
Betelgeuse fotografata da ALMA in alta risoluzione

Per quanto si aumentino gli ingrandimenti, da un telescopio amatoriale quel punto arancione resterà sempre un punto. Diverso è se il telescopio non è amatoriale ma
OSIRIS-REx e Bennu: siamo arrivati
A pochi giorni dall'arrivo di InSight su marte, un'altra missione planetaria giunge al suo obiettivo. Oggi, 3 dicembre 2018, infatti, la sonda OSIRIS-REx della NASA si inserirà in orbita
Come funziona un propellente per lanci spaziali?
Il lancio di un razzo o di un missile avviene sprigionando enormi quantità di gas, attraverso reazioni chimiche di combustione generate dai propellenti. Che tipo di sostanze

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

SABRE Engine: dal Silbervogel allo Skylon, la ricerca per i velivoli SSTO
In precedenza abbiamo osservato come la SpaceX, spinta dall'obiettivo di colonizzare Marte, stia riuscendo a conseguire lanci con razzi riutilizzabili,
Un laboratorio a portata di smartphone
Forse non potrà ancora fare il caffè espresso però da oggi il nostro smartphone si trasforma in un perfetto laboratorio di fisica.

Grazie a Phyphox, acronimo per PHYsics PHOne eXperiment,
Pint of Science 2018, ecco tutti gli appuntamenti
Anche quest'anno torna Pint of Science, l'iniziativa di comunicazione scientifica che porta i ricercatori nei locali a parlare di scienza, sorseggiando una bella birra.
Le nuove foto della cometa di Rosetta in HD
Può una cometa cambiare nel tempo? Vedendo le immagini spesso si ha l'impressione che quei "sassi" che orbitano nel Sistema Solare siano dei corpi deserti e sempre uguali a
Nikola Tesla: 161 anni dalla nascita

Oggi nel lontano 1856 nasceva Nikola Tesla nella cittadina serba di Smiljan, ricordato come l'inventore del ventesimo secolo.
Eclettico, Tesla ha vissuto una vita travagliata, ricordiamo
Il quinto stato della materia
Questo grafico rappresenta la variazione di densità di una nuvola di atomi che viene raffreddata (andando da sinistra verso destra) fino a temperature prossime allo zero assoluto. Possiamo
Quelle molecole organiche su Cerere
Un recente studio spettroscopico effettuato da un team italiano grazie ai dati della sonda Dawn ha rivelato la presenza di composti alifatici sulla superficie di Cerere. La natura di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: