Se Planet 9 ci rendesse meno speciali

Negli ultimi giorni ha fatto molto scalpore la notizia della possibile esistenza di un nono pianeta nel sistema solare. Ma l’esistenza di questo pianeta farebbe rientrare il nostro sistema solare nella norma dei sistemi della nostra galassia, rendendolo di fatto meno peculiare.

Planet 9, come è stato (forse) provvisoriamente chiamato, avrebbe una massa 10 volte quella della Terra e si troverebbe 200 volte più lontano dal Sole rispetto a noi. A ipotizzarne l’esistenza è stato il gruppo di ricerca guidato da Konstantin Batygin e Mike Brown del Caltech (Californian Institute of Technology) a seguito di simulazioni numeriche mirate a spiegare certe anomalie nelle orbite di alcuni oggetti della fascia di Kuiper [1][2]. In particolare Brown e Batygin hanno analizzato le sei orbite visibili in figura, notando come queste fossero stranamente dirette nella stessa direzione. Attraverso le simulazioni al computer hanno rilevato che l’esistenza di Planet Nine spiegherebbe questa strana coincidenza.

pnorbits-664x395
Le linee viola sono le orbite anomale di alcuni oggetti della fascia di Kuiper che verrebbero ben spiegate dall’esistenza di Planet Nine

L’eventuale scoperta di questo pianeta sarebbe effettivamente sconvolgente, ma farebbe avvicinare il nostro sistema solare alle medie galattiche per caratteristiche dei pianeti.

Nel Sistema Solare ci sono infatti quattro pianeti interni che hanno masse terrestri e quattro esterni che hanno masse dalle 20 (Urano e Nettuno) alle 300 (Giove e Saturno) masse terrestri. Ciò fa si che nel nostro sistema solare manchino completamente pianeti di taglia intermedia (dell’ordine delle 10 masse terrestri), estremamente abbondanti nel resto dei sistemi solari della nostra galassia. Planet Nine avrebbe appunto 10 masse terrestri, diminuendo la peculiarità del nostro sistema solare.

In genere inoltre i pianeti extrasolari hanno orbite molto eccentriche (descrivono un’ellisse molto schiacciata), ed orbitano su diversi piani orbitali. Nel sistema solare, invece, le orbite risultano quasi circolari e quasi complanari. L’orbita di Planet Nine sarebbe inclinata di 30° rispetto alle altre, e sarebbe inoltre molto eccentrica, riportando anche in questo caso il sistema solare più vicino alla media.

gap-masse-pianeti-624x489
Come si vede dal grafico, nel nostro sistema solare mancano completamente i pianeti con le dimensioni più comunemente osservate, a metà strada Terra e Nettuno

Questi ragionamenti avvalorano ulteriormente l’ipotesi dell’esistenza di questo pianeta, che ora attende solo di essere trovato.

[1] La fascia di Kuiper è una regione del sistema solare che va da Nettuno a 50 UA dal Sole, costituita perlopiù da oggetti minori, quali asteroidi e sostanze allo stato solido.

[2] Qui è possibile consultare l’articolo originale

[3] Many Worlds, How planet 9 would make ours a more typical solar system

[4] Media INAF, Planet Nine, tracce di un nono pianeta, Ma quanto è grande il sistema solare

Water Harvesting: una soluzione futuristica per la mancanza d’acqua?
Circa 4 miliardi di persone sulla terra hanno accesso limitato all’acqua e oltre 1.7 milioni persone all’anno muoiono per carenza di acqua o per la
Studiare i dintorni di un buco nero con Event Horizon Telescope

Cosa succede vicino a un buco nero? Event Horizon Telescope (EHT) è una collaborazione internazionale che si sta occupando di risolvere questo enigma mediante
500 firme non cambiano il clima

Nei giorni in cui il mondo scende in piazza contro i cambiamenti climatici, per chiedere un futuro migliore e più responsabile, sulla scrivania del segretario delle Nazioni Unite arriva
A tutto plasma! - Parte II
In questa seconda parte tratteremo delle altre tipologie di propulsori al plasma, quelle più usate, più studiate e forse le più ambiziose.
Hall Effect Thrusters (HET)


Gli HET, o Propulsori
Starship Update e MK1

La notte fra il 28 ed il 29 Settembre, alle 3:00 ore italiane è cominciata la diretta sugli aggiornamenti del progetto intrapreso da SpaceX per lo sviluppo di un lanciatore riutlizzabile ed una
Storia della longitudine marziana

Se vogliamo indicare una posizione sulla superficie terrestre occorrono due coordinate: la latitudine e la longitudine. Entrambe sono misure di angoli: la latitudine è l'angolo rispetto
Chang'e-4 e la radioastronomia oltre la Luna

Il satellite della missione cinese Chang'e-4 entra in una nuova fase di missione, puntando i suoi strumenti radio verso l'universo.



La potenza spaziale cinese è in rapida

0 pensieri riguardo “Se Planet 9 ci rendesse meno speciali

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: