Se Planet 9 ci rendesse meno speciali

Negli ultimi giorni ha fatto molto scalpore la notizia della possibile esistenza di un nono pianeta nel sistema solare. Ma l’esistenza di questo pianeta farebbe rientrare il nostro sistema solare nella norma dei sistemi della nostra galassia, rendendolo di fatto meno peculiare.

Planet 9, come è stato (forse) provvisoriamente chiamato, avrebbe una massa 10 volte quella della Terra e si troverebbe 200 volte più lontano dal Sole rispetto a noi. A ipotizzarne l’esistenza è stato il gruppo di ricerca guidato da Konstantin Batygin e Mike Brown del Caltech (Californian Institute of Technology) a seguito di simulazioni numeriche mirate a spiegare certe anomalie nelle orbite di alcuni oggetti della fascia di Kuiper [1][2]. In particolare Brown e Batygin hanno analizzato le sei orbite visibili in figura, notando come queste fossero stranamente dirette nella stessa direzione. Attraverso le simulazioni al computer hanno rilevato che l’esistenza di Planet Nine spiegherebbe questa strana coincidenza.

pnorbits-664x395
Le linee viola sono le orbite anomale di alcuni oggetti della fascia di Kuiper che verrebbero ben spiegate dall’esistenza di Planet Nine

L’eventuale scoperta di questo pianeta sarebbe effettivamente sconvolgente, ma farebbe avvicinare il nostro sistema solare alle medie galattiche per caratteristiche dei pianeti.

Nel Sistema Solare ci sono infatti quattro pianeti interni che hanno masse terrestri e quattro esterni che hanno masse dalle 20 (Urano e Nettuno) alle 300 (Giove e Saturno) masse terrestri. Ciò fa si che nel nostro sistema solare manchino completamente pianeti di taglia intermedia (dell’ordine delle 10 masse terrestri), estremamente abbondanti nel resto dei sistemi solari della nostra galassia. Planet Nine avrebbe appunto 10 masse terrestri, diminuendo la peculiarità del nostro sistema solare.

In genere inoltre i pianeti extrasolari hanno orbite molto eccentriche (descrivono un’ellisse molto schiacciata), ed orbitano su diversi piani orbitali. Nel sistema solare, invece, le orbite risultano quasi circolari e quasi complanari. L’orbita di Planet Nine sarebbe inclinata di 30° rispetto alle altre, e sarebbe inoltre molto eccentrica, riportando anche in questo caso il sistema solare più vicino alla media.

gap-masse-pianeti-624x489
Come si vede dal grafico, nel nostro sistema solare mancano completamente i pianeti con le dimensioni più comunemente osservate, a metà strada Terra e Nettuno

Questi ragionamenti avvalorano ulteriormente l’ipotesi dell’esistenza di questo pianeta, che ora attende solo di essere trovato.

[1] La fascia di Kuiper è una regione del sistema solare che va da Nettuno a 50 UA dal Sole, costituita perlopiù da oggetti minori, quali asteroidi e sostanze allo stato solido.

[2] Qui è possibile consultare l’articolo originale

[3] Many Worlds, How planet 9 would make ours a more typical solar system

[4] Media INAF, Planet Nine, tracce di un nono pianeta, Ma quanto è grande il sistema solare

Storia di un campo magnetico morente
Un nuovo articolo pubblicato su Nature Geoscience ripercorre un episodio importante nella storia del nostro campo magnetico. Circa mezzo miliardo di anni fa la Terra lo stava infatti
Dawn trova ghiaccio su Cerere


Usando i dati della missione Dawn, un team di ricercatori dell'INAF ha individuato una forte presenza di ghiaccio nel cratere Oxo, su Cerere. 
I ricercatori dell'INAF di Roma hanno
Domande e risposte sul riscaldamento globale

Cosa abbiamo imparato finora del riscaldamento globale? Esiste davvero? Si tratta di un fenomeno di origine naturale o dipende dalle attività umane? Quali fenomeni fisici
Titano: due nuovi studi pubblicati grazie ai dati di Cassini
Un gruppo di ricercatori della Cornell University ha pubblicato due nuovi studi su Titano, la luna più grande di Saturno, condotti grazie ai risultati della
I segni lasciati dall'acqua nei bacini marziani
Su Marte di acqua ce n'era molta, ed i segni della sua permanenza sono ben visibili all'interno dei bacini che la ospitavano. Il cratere di Gale è un perfetto esempio di
Corona solare: il check-up completo degli ultimi 7 anni
Attraverso l'analisi di un'enorme quantità di dati ottenuti dall'SDO della NASA tra il 2010 ed il 2017, uno studio pubblicato su Science Magazine si pone l'obiettivo
Lucy e Psyche: 2 nuove missioni NASA per lo studio degli asteroidi
Lucy e Psyche, questi i due nomi delle missioni che la NASA lancerà nel 2021 e nel 2023 per il programma Discovery. Gli obiettivi sono alcuni asteroidi

0 pensieri riguardo “Se Planet 9 ci rendesse meno speciali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: