Nuovi indizi per Planet 9

Uno studio fornisce nuovi indizi che avvalorano l’ipotesi dell’esistenza di un nono pianeta nel sistema solare e dà indicazioni sul luogo in cui cercarlo, basandosi sulle perturbazioni ai segnali radio inviati dalla sonda Cassini.

Ricordate il famoso Planet 9 che ha fatto tanto scalpore nell’ultimo mese? Per chi non lo ricordasse, si tratta di un possibile nono pianeta nel sistema solare che finora sarebbe sfuggito alle nostre osservazioni. Il 20 gennaio è uscito uno studio a prima firma Batygin e Brown (del Caltech), che tramite simulazioni numeriche ha ipotizzato l’esistenza di un nuovo pianeta per spiegare le anomalie delle orbite di alcuni oggetti nella fascia di Kuiper. Planet 9, così è stato almeno provvisoriamente chiamato, avrebbe una massa pari a 10 volte quella della Terra ed orbiterebbe ad una distanza massima di 700 unità astronomiche dal Sole (dove 1 UA è la distanza media Terra-Sole).

Un nuovo studio, pubblicato su Astronomy & Astrophysics da Fienga et Al., fornisce nuovi importanti indizi a riguardo [1]. Lo studio analizza le perturbazioni che l’esistenza di questo pianeta dovrebbe indurre sulle trasmissioni radio della sonda Cassini, che dal 2004 orbita attorno a Saturno, basandosi sull’orbita prevista dallo studio di Batygin e Brown.
Le trasmissioni radio di Cassini ci sono utili per calcolare con estrema precisione la distanza di Saturno dalla Terra; i ricercatori hanno cercato quale dovesse essere la posizione di Planet 9 lungo la sua orbita per far rientrare i valori noti della distanza di Saturno in quelli calcolati dopo aver introdotto queste perturbazioni. Quello che hanno ottenuto è che Planet 9 si deve trovare nell’arco compreso tra i 104° e i 134° della sua orbita, nella zona segnata in verde nella seguente figura. Le zone rosse indicate come C14 sono invece senz’altro da escludere. Quindi, se esiste, Planet 9 si deve trovare nella zona verde, ora non resta che trovarlo!Senzanome

[1] Qui l’articolo in questione
[2] Media INAF, Che fine ha fatto Planet 9?

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Gli ultimi scatti di Rosetta
Alle 12.40 del 30 settembre 2016 la sonda Rosetta ha compiuto la sua ultima manovra atterrando sulla cometa 67/p Churyumov Gerasimenko, attorno alla quale orbitava da due anni.
Qui potete
Hawaii: esploso il vulcano Kilauea
Le prime ore della mattina di oggi sono state piuttosto turbolente per i cittadini hawaiiani, che seppur evacuati per tempo, hanno visto esplodere il Kilauea, uno dei più noti vulcani
162173 Ryugu: identikit dell'obiettivo di Hayabusa2
Abbiamo approfondito i dettagli della missione Hayabusa2 (qui), abbiamo visto la sonda avvicinarsi al suo obiettivo (qui), ma poco abbiamo detto nel dettaglio dell'asteroide
Il ghiaccio sotterraneo di Marte
Su Marte c'è acqua? Ormai è noto che in alcune regioni su Marte si trova del ghiaccio sotto la superficie. Ma quanto sia questo ghiaccio è ancora ignoto. Uno studio uscito su Science Magazine
Uno per 14 e 14 per uno: osservato il megamerging di 14 galassie
Usando il Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA), un gruppo internazionale di astronomi è riuscito ad osservare l'incipit di un enorme scontro
Un nuovo TNO ci dà nuovi indizi su Planet 9
Un team internazionale di astronomi ha rivelato la presenza di un nuovo oggetto trans-nettuniano la cui strana orbita potrebbe essere un'ulteriore evidenza della presenza di
Riaccesi i propulsori della Voyager 1
Lo scorso 28 Novembre 2017 un team di ingegneri è riuscito a riaccendere i propulsori della sonda Voyager 1 dopo 37 anni di inutilizzo (1980) da quando furono usati per puntare gli

0 pensieri riguardo “Nuovi indizi per Planet 9

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: