Se il vicino è un enorme buco nero

Un team internazionale di astrofisici ha rilevato la presenza di un buco nero supermassiccio posto in una galassia relativamente vicina alla nostra.

Cutout_HST_7886_22_NIC_NIC2_total_sci_NGC_1600
NGC 1600 fotografata da Hubble Space Telescope

Il buco nero presentato da J. Thomas et al. sulla rivista Nature si trova a 200 milioni di anni luce da noi (in NGC 1600, nell’Eridano) ed ha una massa pari a circa 17 miliardi di masse solari.
Forse non si tratta di un valore da record, perché questo potrebbe essere detenuto da un buco nero in NGC 4889, nell’ammasso della Chioma, che con grande incertezza si stima avere una massa compresa tra 3 e 21 masse solari; oltre alla precisione nella misura della sua massa, compresa tra 15.5 e 18.5 miliardi di masse solari, la particolarità di questo buco nero sta nel fatto che è stato trovato una galassia a bassa densità di stelle. Finora, infatti, buchi neri così massicci erano stati trovati soprattutto in galassie molto grandi e dense. Ciò suggerisce che potrebbero essere oggetti molto più comuni di quanto crediamo.

Si ritiene che in realtà potrebbe trattarsi non di un singolo buco nero, ma di una coppia di buchi neri che orbitano in un sistema binario. E’ un fenomeno non troppo fuori dal comune, simile a quello che ha portato al primo rilevamento di un’onda gravitazionale.

Si tratta del primo risultato del progetto MASSIVE, un progetto di osservazione iniziato nel 2014 che ha lo scopo di analizzare e studiare 100 galassie vicine.

[1] J. Thomas et al,  A 17-billion-solar-mass black hole in a group galaxy with a diffuse coreNature
[2] Media INAF, C’è un buco nero di grossa taglia vicino a noi

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Backyard Worlds: Planet 9 - Tutti possiamo cercare il nono pianeta
Backyard Worlds: Planet 9 è il progetto citizen science del sito Zooniverse finanziato dalla NASA volto alla ricerca di nane brune e nono pianeta del
Tre sonde nell'aurora

Il 2 marzo 2017 tre missili NASA sono stati lanciati in Alaska durante una spettacolare aurora boreale per lo studio delle interazioni del vento solare con l'alta atmosfera e ionosfera terrestre.
I
Clinton vs Trump: i programmi spaziali
L'elezione del nuovo presidente statunitense è ormai estremamente vicina. Quali potrebbero essere le conseguenze di queste elezioni sui programmi spaziali della NASA e delle agenzie
La fisica della buona pizza
La cucina è un vero e proprio laboratorio di fisica da cui si può imparare molto delle leggi che la regolano. Ma è anche vero il contrario, ossia che i principi della fisica possono essere
Urano e Nettuno, viaggi verso i due giganti ghiacciati
Cassini verso Saturno, Juno verso Giove, New Horizons verso Plutone, Hayabusa1, Hayabusa2 e OSIRIS-REx verso asteroidi vicini, Rosetta verso la cometa 67P/ Churyumov-Gerasimenko,
Dalla Meccanica Classica alla Teoria Quantistica dei Campi, passando per la Meccanica Quantistica
FISICA CLASSICA
La nascita della Meccanica Classica si può far risalire al 1687 con la pubblicazione dell’opera “Philosophiae
Mappe termiche di Deimos e Phobos dalla Mars Odyssey
Lo strumento THEMIS (Thermal Emission Imaging System), a bordo della sonda Mars Odyssey, ha permesso di costruire delle mappe di emissione termica delle due lune marziane

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: