Spot the Station: il widget della NASA per trovare l’ISS

La Stazione Spaziale Internazionale è visibile da molte località del globo ma solo in alcuni momenti della giornata. Quando passa nel proprio spicchio di cielo, tipicamente all’alba o al tramonto, non si può fare a meno di notarla, essendo il secondo oggetto più brillante dopo la Luna.

La NASA ha allora messo a disposizione un semplice ed intuitivo widget per i possessori di siti e blog che vogliono inserire la possibilità di controllare quando avverrà il prossimo passaggio dell’ISS nel cielo soprastante la propria città.

Questa settimana La Stazione Spaziale Internazionale ha raggiunto la sua orbita n° 100.000 da quando il suo primo componente, il modulo cargo Zarya, è stato lanciato il 20 novembre 1998.

La traiettoria dell’orbita dell’ISS passa sopra le teste del 90% della popolazione mondiale, che la potrà vedere nel momento definito da questo widget solo se si trova al di sopra di ostacoli come edifici o alberi che ne potrebbero occultare la vista.

Il widget è disponibile in due versioni che differiscono solo esteticamente, ma forniscono le stesse informazioni: data e orario del prossimo passaggio, durata, altezza massima e la direzione in cui guardare per vederla apparire e scomparire. Cliccando su “More Sightings” si possono inoltre vedere quali saranno i passaggi successivi al prossimo.

Su questo sito è possibile trovare i link al codice da incorporare sul proprio sito.

Terremoti e trivelle: che legame c'è?
Tra le varie discussioni che accendono i social ce n'è una che va molto di moda in periodi in cui si verificano episodi sismici: la relazione causale tra questi episodi e la presenza
William Herschel: l'uomo che contò le stelle
Sir Frederick William Herschel (Hannover, 15 Novembre 1738 - Slough, 25 Agosto 1822) è uno dei personaggi chiave dell'astronomia.

Influenzato dal padre musicista, William
L'arrivo dell'inverno nel pianeta del Trono di Spade
"L'inverno sta arrivando" è una delle frasi più ripetute nella serie televisiva della HBO. L'ultima estate è durata 9 anni, ed i personaggi della serie temono un inverno
Le sosia di Eta Carinae
Eta Carinae è la stella più luminosa e massiccia tra quelle site a meno di 10 000 anni luce dalla Terra ed è particolarmente rinomata per la sua grande eruzione che negli anni 40 dell'800 la ha
L'ombra nei crateri di Cerere


Ecco come l'illuminazione dell'emisfero nord di Cerere varia con la variazione dell'inclinazione dell'asse di rotazione, rispettivamente 2°, 12° e 20° nei tre fotogrammi della GIF, dove
Caverne sotterranee sulla Luna: una possibilità per l'umanità?
Uno studio pubblicato su Geophysical Research Letters confirma l'esistenza di un canale lavico nell'Oceanus Procellarum, sulla Luna. Questa conferma apre
Stephen Hawking: chi era
14 marzo 2018, muore Stephen Hawking. Astrofisico teorico, cosmologo, divulgatore e paladino per i diritti dei disabili, Hawking è stato probabilmente l'astrofisico più celebre dei nostri tempi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: