L’addio di Hitomi

Ricordate il satellite Hitomi? Quello che poco dopo l’entrata in orbita è andato in frantumi? Oltre a qualche detrito nello spazio qualcosina in eredità Hitomi ce lo ha lasciato: prima di morire è riuscito a raccogliere dati sulla galassia di Perseo che potrebbero svolgere un ruolo chiave nella comprensione dell’evoluzione delle galassie.

13653343_10157102012925285_1270579993488377425_o.jpg
La foto di NGC 1275, la galassia nella costellazione di Perseo fotografata da Hitomi. Fonte: NASA

Il 17 febbraio 2016 l’agenziale spaziale giapponese (JAXA) ha lanciato il satellite Hitomi, un osservatorio spaziale a raggi X. Purtroppo un difetto di progettazione ha portato alla sua frantumazione in orbita, impedendo lo svolgimento delle attività previste. Ad ogni modo, il satellite ha potuto inviare dati per quasi un mese dal lancio.

Il team di Hitomi ha pubblicato uno studio su Nature in cui sfruttando questi dati si è potuta studiare la galassia NGC 1275, nella costellazione di Perseo, concentrandosi sul buco nero supermassiccio presente nel suo nucleo.

Nelle fasi di assorbimento circostante, questi buchi neri supermassicci sono in grado di rilasciare grandi quantità di energia nel proprio circondario, generando delle bolle di plasma caldo che viaggiano tra le galassie. Queste bolle avrebbero il ruolo fondamentale di scaldare il gas presente nella galassia, impedendone la contrazione gravitazionale in stelle e pianeti.

[1] Media INAF, Hitomi ci svela Perseo

NASA Space Apps Challenge: arriva l'Hackathon a Torino
48 ore ed un obiettivo: sviluppare un'app che proponga idee e soluzioni alle sfide dello Spazio e della Terra. Il 20 ed il 21 ottobre a Torino torna la NASA Space
DPF-Device - La Fusione ad Impulsi!
A settembre vi avevamo parlato di Proto Sphera, un approccio innovativo che riconcepisce i tokamak, le tradizionali camere di reazione, che si propone per raggiungere plasmi molto densi
Antimateria: dal laboratorio col furgone
E' risaputo che l'antimateria è difficile da gestire, appena entra in contatto con la materia innesca la reazione nucleare più efficiente di tutte trasformando se stessa e la materia
Le più belle foto del mese - Dicembre 2016
Sono qui raccolte le più belle immagini di dicembre pubblicate quotidianamente sulla pagina facebook di questo blog. Cliccate sulle immagini per vederne la descrizione e mettete
Emissioni inquinanti e mezzi di trasporto moderni: Quo Vadis?

I mezzi di trasporto su strada sono responsabili per le emissioni di sostanze dannose per l'uomo e per l'ambiente e nonostante il progresso tecnologico i
BOINC, il proprio pc al servizio della ricerca
Il Berkeley Open Infrastructure for Network Computing, per gli amici BOINC, è un software che permette di utilizzare le risorse non utilizzate del proprio computer per aiutare
Perla di Giove immortalata durante il flyby

Questa foto è stata scattata dalla JunoCam l'11 dicembre 2016, alle 9:27 PST. In quel giorno la sonda della NASA Juno stava effettuando il suo terzo sorvolo (flyby) dell'atmosfera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: