L’addio di Hitomi

Ricordate il satellite Hitomi? Quello che poco dopo l’entrata in orbita è andato in frantumi? Oltre a qualche detrito nello spazio qualcosina in eredità Hitomi ce lo ha lasciato: prima di morire è riuscito a raccogliere dati sulla galassia di Perseo che potrebbero svolgere un ruolo chiave nella comprensione dell’evoluzione delle galassie.

13653343_10157102012925285_1270579993488377425_o.jpg
La foto di NGC 1275, la galassia nella costellazione di Perseo fotografata da Hitomi. Fonte: NASA

Il 17 febbraio 2016 l’agenziale spaziale giapponese (JAXA) ha lanciato il satellite Hitomi, un osservatorio spaziale a raggi X. Purtroppo un difetto di progettazione ha portato alla sua frantumazione in orbita, impedendo lo svolgimento delle attività previste. Ad ogni modo, il satellite ha potuto inviare dati per quasi un mese dal lancio.

Il team di Hitomi ha pubblicato uno studio su Nature in cui sfruttando questi dati si è potuta studiare la galassia NGC 1275, nella costellazione di Perseo, concentrandosi sul buco nero supermassiccio presente nel suo nucleo.

Nelle fasi di assorbimento circostante, questi buchi neri supermassicci sono in grado di rilasciare grandi quantità di energia nel proprio circondario, generando delle bolle di plasma caldo che viaggiano tra le galassie. Queste bolle avrebbero il ruolo fondamentale di scaldare il gas presente nella galassia, impedendone la contrazione gravitazionale in stelle e pianeti.

[1] Media INAF, Hitomi ci svela Perseo

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

OSIRIS-REx e Bennu: siamo arrivati
A pochi giorni dall'arrivo di InSight su marte, un'altra missione planetaria giunge al suo obiettivo. Oggi, 3 dicembre 2018, infatti, la sonda OSIRIS-REx della NASA si inserirà in orbita
Plutone di nuovo un pianeta? Alan Stern propone una nuova definizione
Ad alcuni il fatto che Plutone sia stato declassato a pianeta nano da pianeta vero e proprio continua a non andare giù. La proposta del planetologo
Plutone: ecco come si è formata la Sputnik Planitia
Uno studio pubblicato su Nature offre nuove possibilità sulla formazione della Sputnik Planitia, la grande pianura ghiacciata a forma di cuore che caratterizza una buona
Calendari: cosa sono e quali sono i più utilizzati
Il calendario gregoriano è quello più utilizzato al mondo, e nonostante ci confrontiamo con esso ogni giorno, non sempre sappiamo quale sia il suo funzionamento e quali
Prima nana bruna scoperta grazie a Backyard Worlds: Planet 9
Backyard Worlds: Planet 9 è il progetto citizen science del sito Zooniverse finanziato dalla NASA volto alla ricerca di nane brune e nono pianeta del Sistema
Tre sonde nell'aurora

Il 2 marzo 2017 tre missili NASA sono stati lanciati in Alaska durante una spettacolare aurora boreale per lo studio delle interazioni del vento solare con l'alta atmosfera e ionosfera terrestre.
I
Wendelstein 7-X uno Stellarator da Record
Il Wendelstein 7-X ha acquisito un nuovo record per gli Stellarator. Negli esperimenti scorsi il reattore ha raggiunto temperature e densità del plasma più elevate, impulsi più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: