Dragonfly 44: una galassia di materia oscura

Utilizzando i telescopi delle Hawaii, un team di studiosi ha rilevato la presenza di una galassia composta quasi interamente di materia oscura e che per questo emette solo una debolissima luce.

dragonfly-44-00b2587bb18b8bdd15e7d7e3310b8c596.jpg

Lo studio, pubblicato su Apj letters da un team internazionale di studiosi, parla chiaro: la galassia Dragonfly 44, nella Chioma, emette una luce troppo debole per essere composta di sola materia barionica (ossia in grado di emettere luce). Perché una galassia resti unita ed il suo materiale non si disperda, infatti, è necessario che essa possieda una quantità minima di materia. In alternativa, il campo gravitazionale interno al sistema galattico sarebbe troppo debole e le stelle verrebbero facilmente catturate da galassie vicine, portando alla disgregazione della galassia.

Le stelle orbitano attorno al centro galattico ad una velocità proporzionale alla quantità di materia contenuta all’interno della loro orbita. In una galassia così debole come Dragonfly 44 le stelle più esterne dovrebbero perciò essere molto lente, e invece risultano molto più veloci del previsto. La stima degli astronomi è sbalorditiva: il 99,99% della massa di Dragonfly 44 sarebbe costituita infatti da materia oscura.

Lo studio di oggetti come questo può essere fondamentale per comprendere la risposta alla domanda che da anni attanaglia i cosmologi: che cos’è la materia oscura?

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Curiosity ha campionato una duna lineare marziana
Tra febbraio ed aprile, il rover della NASA Curiosity è stato impegnato nell'esaminare quattro siti nei pressi di una duna lineare nella regione di Bagnold Dunes da confrontare
Storia dell'acqua marziana

Su Marte c'è acqua, e molte evidenze suggeriscono che in passato ve ne fosse molta di più. Come si è formata? Dove è andata a finire? In questo articolo presentiamo lo stato dell'arte sulle
Un buco nero da record
Gli astronomi dell'Australian National University hanno trovato un buco nero incredibilmente rapido nell'aumentare le proprie dimensioni fagocitando materia, tanto da detenere il record di accrescimento
Gli ultimi scatti di Rosetta
Alle 12.40 del 30 settembre 2016 la sonda Rosetta ha compiuto la sua ultima manovra atterrando sulla cometa 67/p Churyumov Gerasimenko, attorno alla quale orbitava da due anni.
Qui potete
Caverne sotterranee sulla Luna: una possibilità per l'umanità?
Uno studio pubblicato su Geophysical Research Letters confirma l'esistenza di un canale lavico nell'Oceanus Procellarum, sulla Luna. Questa conferma apre
DPF-Device - La Fusione ad Impulsi!
A settembre vi avevamo parlato di Proto Sphera, un approccio innovativo che riconcepisce i tokamak, le tradizionali camere di reazione, che si propone per raggiungere plasmi molto densi
La lotta tra l'uomo ed il bradipo, immortalata nelle impronte fossili
Tra i 10.000 ed i 15.000 anni fa, un bradipo terricolo gigante (un grosso animale ormai estinto) camminava tranquillo nel White Sands National Monument,

Un pensiero riguardo “Dragonfly 44: una galassia di materia oscura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: