New Frontiers: dopo New Horizons e Juno parte OSIRIS-REx

Tutto pronto per il lancio della missione OSIRIS-REx, terza parte della missione NASA New Frontiers, dedita all’esplorazione del Sistema Solare. OSIRIS-REx raggiungerà l’asteroide Bennu e poi tornerà sulla Terra, portando con sé dei campioni di roccia che ci permetteranno di scoprire qualcosa sull’origine del Sistema Solare e, forse, della vita.

800px-osiris-rex
Rappresentazione artistica della sonda OSIRIS-REx

Se non ci saranno contrattempi, la missione partirà alle ore 1:05 (ora italiana) della notte tra l’8 e il 9 settembre e sarà in diretta streaming sul sito della NASA.

Dopo una prima orbita, la sonda sfrutterà il fenomeno di fionda gravitazionale tornando vicino alla Terra un anno dopo il lancio, a settembre 2017, dopodiché raggiungerà l’asteroide Bennu a fine 2018.

Nei primi 20 giorni la sonda mapperà l’80% della superficie dell’asteroide, da una distanza di 5 km. Durante questa fase verranno scelti i 12 luoghi più adatti per prelevare campioni, che diventeranno 4 dopo un’ulteriore analisi ad 1 km di distanza. In queste fasi la sonda si terrà in equilibrio posizionandosi in maniera tale che la forza gravitazionale dell’asteroide sia controbilanciata dalla pressione di radiazione (la forza causata dallo scontro dei fotoni su una superficie) proveniente dal Sole. Dopo aver continuato la mappatura dell’asteroide ed averne caratterizzato gli aspetti fondamentali, verrà scelto il sito definitivo per il prelievo di campioni, che avverrà attorno a luglio 2020. Si tratta comunque di una data assolutamente indicativa, dato che dipenderà da molti fattori, problemi e decisioni che verranno affrontati dal team della NASA mano mano che la missione proseguirà.

Il prelievo vero e proprio avverrà con un braccio robotico che potrà raccogliere fino a 2 kg di materiale e riportarlo sulla Terra dove verrà accuratamente analizzato.

Gli obiettivi della missione sono i seguenti:

  • Analizzare un campione della superficie di Bennu
  • Mappare l’asteroide
  • Documentare il sito di campionamento
  • Misurare la deviazione orbitale causata da forze non gravitazionali (effetto Yarkovsky)
  • Comparare l’osservazione dell’asteroide con gli studi compiuti da Terra

    nasa_1999_rq36
    L’asteroide 101955 Bennu in un’immagine radar

101955 Bennu è un asteroide carbonaceo di grande dimensione appartenente alla categoria nota come NEA (Near Earth Asteroids, asteroidi vicini alla Terra), gli asteroidi la cui orbita interseca quella terrestre. In particolare Bennu si avvicina alla Terra ogni 6 anni, ha un diametro di circa 500 metri e ruota su se stesso in 4 ore e 20 minuti, con una durata dell’orbita di 1,2 anni. Si tratta di un asteroide primitivo, e pertanto non particolarmente modificato dal passare del tempo. Ci aspettiamo pertanto di ricavarne informazioni riguardo il Sistema Solare primordiale e, forse, riguardo l’origine degli ingredienti che hanno favorito l’insorgere della vita sul nostro pianeta.

Per approfondire:
Approfondimento su Polluce Notizie
Il sito della missione

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Parker Solar Probe: approfondimento sulla missione
La NASA ha appena lanciato la sonda Parker Solar Probe, una rivoluzione per la fisica solare che durerà 7 anni, durante i quali la sonda sorvolerà per ben 24 volte la
Clinton vs Trump: i programmi spaziali
L'elezione del nuovo presidente statunitense è ormai estremamente vicina. Quali potrebbero essere le conseguenze di queste elezioni sui programmi spaziali della NASA e delle agenzie
Betelgeuse fotografata da ALMA in alta risoluzione

Per quanto si aumentino gli ingrandimenti, da un telescopio amatoriale quel punto arancione resterà sempre un punto. Diverso è se il telescopio non è amatoriale ma
Polaris Flare: un grattacapo cosmico fotografato da Herschel

Polaris Flare non è veramente un "flare", ma è il nome di una misteriosa regione di polveri e gas osservabile nella costellazione dell'Orsa Minore, nella
Crani delle balene come antenne
Della comunicazione delle balene sappiamo molto, ma ancora esistono molti misteri. In particolare a lungo è rimasta l’incognita del loro sistema uditivo: come fanno a sentire? Una nuova
Accordo Milne-ESO: il VLT cercherà pianeti abitabili attorno ad Alfa Centauri
La Breakthrough Initiatives del magnate russo Yuri Milne finanzierà un aggiornamento del Very Large Telescope volto alla ricerca di pianeti
Guida ai più grandi satelliti di Saturno
Tra le più interessanti scoperte ottenute tramite la sonda Cassini, nei 20 anni che ci ha accompagnati, sicuramente molte hanno riguardato la possibilità di vedere da vicino le

Un pensiero riguardo “New Frontiers: dopo New Horizons e Juno parte OSIRIS-REx

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: