Plutone: ecco come si è formata la Sputnik Planitia

Uno studio pubblicato su Nature offre nuove possibilità sulla formazione della Sputnik Planitia, la grande pianura ghiacciata a forma di cuore che caratterizza una buona porzione della superficie del pianeta nano.

Particolare di Plutone, Sputnik Planum
Primo piano della Sputnik Planitia dalle foto della sonda New Horizons. Credits: NASA

La Sputnik Planitia è una grande calotta ghiacciata di forma quasi circolare. Ha un diametro di circa 1000 km ed è centrata a 25°N di latitudine e 175° di longitudine, ossia si trova quasi al lato opposto del pianeta rispetto alla posizione del satellite Caronte, bloccato a causa delle forze mareali.

La spiegazione data in precedenza per questa posizione così particolare riguarda la formazione di un bacino a causa di un impatto gigante con successiva risalita di acqua da un oceano sotterraneo. Lo sbilanciamento gravitazionale dovuto a questo fenomeno avrebbe poi variato la posizione reciproca di Plutone e Caronte per riportare il sistema all’equilibrio.

Plutone e Caronte a confronto
Plutone e Caronte. Credits: NASA New Horizons

Le simulazioni che hanno portato D.P.Hamilton et al. alla pubblicazione del loro articolo su Nature propongono invece una soluzione differente. Da queste risulta infatti che il ghiaccio si accumulerebbe spontaneamente tra i 30°N ed i 30°S di latitudine anche in assenza di un bacino, in quanto queste risultano le regioni più fredde del pianeta nano. Dopo un milione di anni dalla formazione di Caronte, il ghiaccio depositato tende a concentrarsi in una singola calotta centrata a 30°N. Questo accumulo causa quindi un aumento di gravità che blocca la calotta alla longitudine opposta a Caronte. Nel frattempo, la grande massa di ghiaccio si scava il bacino nel quale è ospitata, in maniera simile a quello che avviene in Groenlandia sulla Terra. Questo modello prevede quindi che la Sputnik Planitia si sia formata poco dopo la formazione di Caronte ed è rimasta stabile nel corso della Storia del Sistema Solare.

Nessuno dei due modelli è da escludere a priori, ed entrambi sono attuabili se si presentano le opportune condizioni iniziali.

[1] D.P. Hamilton et al., The rapid formation of Sputnik Planitia early in Pluto’s history, Nature

KELT-9b: il pianeta più caldo mai osservato
KELT-9b è il nome di un pianeta hot jupiter scoperto da poco nel sistema di KELT-9 che sfida qualunque pianeta finora osservato, avendo una temperatura di oltre 4600 K, maggiore
Come nascono e si sviluppano i lampi gamma
In uno studio pubblicato su Nature per la prima volta una dettagliata descrizione dell'origine di questo fenomeno cosmico, affascinante quanto complesso.

I raggi gamma sono
L'atterraggio del primo stadio del Falcon9 - Rivoluzione nel modo di concepire le missioni spaziali.
Ripresa dal drone dell'atterraggio del primo stadio del Falcon9, sul nuovo "Landing Zone 1" a Cape Canaveral.
La SpaceX
I 4 migliori obiettivi per il rover NASA del 2020
Nel 2020 la NASA lancerà un nuovo rover, e gli scienziati si sono pronunciati sui possibili luoghi di atterraggio di questa missione. Il cratere Jezero, il più accreditato
L'Arabsat-6a: La prima missione commerciale del Falcon Heavy

Grande successo per il Falcon Heavy!L'obiettivo della missione: posizionare il satellite per telecomunicazioni Arabsat-6a nell'orbita programmata è stato raggiunto!In
Come funziona l'Atmosfera terrestre? - parte III
Terzo appuntamento con "Come funziona l'Atmosfera terrestre?", la serie di approfondimenti che vuole portarci a capire più a fondo il funzionamento dell’atmosfera terrestre:
Trappist-1: la cocente delusione
Ricordate il famoso sistema di Trappist-1, quello costituito da 7 pianeti rocciosi che avevano fatto tanto sperare per quanto riguarda la ricerca esobiologica? Da un recente studio sembra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: