Polaris Flare: un grattacapo cosmico fotografato da Herschel

Copyright ESA and the SPIRE & PACS consortia, Ph. André (CEA Saclay) for the Gould’s Belt Survey Key Programme Consortium, and A. Abergel (IAS Orsay)

Polaris Flare non è veramente un “flare”, ma è il nome di una misteriosa regione di polveri e gas osservabile nella costellazione dell’Orsa Minore, nella direzione della stella Polare. Polaris Flare è situata a circa 490 anni luce di distanza dalla Terra, ed è stata fotografata dall’osservatorio spaziale Herschel dell’ESA nel 2011 (tramite lo Spectral and Photometric Imaging Receiver nell’Infrarosso, tra 250, 350 e 500 micron) ed i fotogrammi sono stati qui ricomposti e colorati.

Decine di filamenti interestellari si intrecciano in questa nube ed ognuno di essi si può estendere anche per decine di anni luce nello spazio interstellare e  nelle parti più dense della regione si possano spesso trovare stelle neonate. All’interno della nube si possono trovare vari aggregati di materiale più denso, ma nessuno di essi sembra essere il seme di future stelle. Per come sono adesso, i filamenti semplicemente non sono abbastanza massivi da supportare la formazione stellare.

Spot the Station: il widget della NASA per trovare l'ISS
La Stazione Spaziale Internazionale è visibile da molte località del globo ma solo in alcuni momenti della giornata. Quando passa nel proprio spicchio di cielo,
OSIRIS-REx fotografa Giove e le sue lune

La PolyCam imager a bordo della sonda NASA OSIRIS-REx ha scattato questa fotografia alle 3:34 a.m. del 12 febbraio, che ritrae Giove e 3 dei 4 satelliti medicei: Callisto, Io
20 Luglio 1969: 48 anni dal primo allunaggio


Il 20 Luglio 1969, alle ore 21:19 italiane, il modulo lunare "Eagle" toccava la superficie lunare.
Poche ore più tardi, l'astronauta Neil Armstrong, comandante della missione,
La fisica dell'E-ink, l'inchiostro degli ebook reader
L'idea è nata negli anni '70, ma il suo brevetto ed il suo utilizzo commerciale inizia nel 1996. L'inchiostro elettronico, o e-ink è attualmente il metodo più diffuso
Caverne sotterranee sulla Luna: una possibilità per l'umanità?
Uno studio pubblicato su Geophysical Research Letters confirma l'esistenza di un canale lavico nell'Oceanus Procellarum, sulla Luna. Questa conferma apre
Quando lo Spazio Esterno si avvicina
La linea di Kármán, la demarcazione tra l'atmosfera terrestre e lo spazio esterno, potrebbe essere più vicina di quanto finora ipotizzato. Un nuovo studio la pone infatti a 20 km in
Trappist-1: la cocente delusione
Ricordate il famoso sistema di Trappist-1, quello costituito da 7 pianeti rocciosi che avevano fatto tanto sperare per quanto riguarda la ricerca esobiologica? Da un recente studio sembra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: