Fratture di fango nel terreno marziano

Numerose fotografie inviate dal rover marziano Curiosity sembrano mostrare la presenza di mud cracks, le fratture che si generano a causa del disseccamento del fango.

http://photojournal.jpl.nasa.gov/jpegMod/PIA21263_modest.jpg
Una rete di piccoli poligoni sulla superficie rocciosa di Marte si potrebbero essere formati durante una fase di disseccamento del fango più di 3 miliardi di anni fa. Il luogo della scoperta è quello della regione di Murray, alla base dell’Aeolis Mons (Mount Sharp), all’interno del cratere di Gale e la foto è stata scattata il 20 dicembre 2016 durante il 1555 giorno marziano (sol) della missione Curiosity sul Pianeta Rosso. I colori della fotografia sono aggiustati per somigliare maggiormente a quelli che osserveremmo qui sulla Terra, in modo da facilitare il lavoro dei geologi nel riconoscimento delle formazioni rocciose. I poligoni hanno dimensioni di circa 1 o 2 cm e sono suddivisi tra di loro da creste risultanti probabilmente da un processo successivo al disseccamento: i sedimenti trasportati dal vento si sono accumulati all’interno delle fratture aperte. In una fase successiva, il fango disseccato e questi sedimenti sarebbero diventati roccia grazie alla pressione esercitata da strati depositati successivamente al di sopra di essi. Questi livelli sarebbero recentemente stati erosi dal vento in maniera differenziale: il fango è infatti meno resistente all’erosione rispetto ai sedimenti che si erano depositati nelle fratture, e questo fa sì che questi si trovino attualmente più in alto rispetto al fango, generando delle creste tra i poligoni. Le mud cracks ci dicono molto della storia della regione, in particolare riguardo le fasi umide e quelle di disseccamento del lago che probabilmente una volta era ospitato nel cratere di Gale.

 

http://photojournal.jpl.nasa.gov/jpegMod/PIA21261_modest.jpg
Questa lastra di roccia, lunga circa 1,2 metri, è nota come “Vecchio Ubriacone” (Old Soaker) ed è caratterizzata da una rete di fratture che si potrebbero anch’esse essere originate per disseccamento di fango nel passato di Marte.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

L'ABC della Relatività Generale: le basi, i buchi neri, le onde gravitazionali
La Relatività Generale, una delle opere d'arte della scienza del XX secolo, nonché una delle teorie più temute da chi non la conosce: è davvero
Gli ultimi scatti di Rosetta
Alle 12.40 del 30 settembre 2016 la sonda Rosetta ha compiuto la sua ultima manovra atterrando sulla cometa 67/p Churyumov Gerasimenko, attorno alla quale orbitava da due anni.
Qui potete
2017 BQ6, tutti i primi scatti dell'asteroide
Il 7 febbraio scorso l'asteroide 2017 BQ6 è passato ad appena 6,6 volte la distanza Terra-Luna dalla Terra. Ecco tutte le immagini ottenute tramite l'antenna radio della NASA
Il radiotelescopio cinese FAST entra in funzione
Il 25 settembre scorso è stato inaugurato il Five hundred-meter Aperture Spherical Telescope, il nuovo radiotelescopio cinese. Si tratta del radiotelescopio più grande
OSIRIS-REx fotografa Giove e le sue lune

La PolyCam imager a bordo della sonda NASA OSIRIS-REx ha scattato questa fotografia alle 3:34 a.m. del 12 febbraio, che ritrae Giove e 3 dei 4 satelliti medicei: Callisto, Io
Non c'è 9 senza 10: il Sistema Solare oltre Planet 9
Nuovi indizi lasciano intuire la presenza di un nuovo pianeta roccioso, delle dimensioni di Marte, nella fascia di Kuiper. Lo studio è stato effettuato da Kat Volk
I 4 migliori obiettivi per il rover NASA del 2020
Nel 2020 la NASA lancerà un nuovo rover, e gli scienziati si sono pronunciati sui possibili luoghi di atterraggio di questa missione. Il cratere Jezero, il più accreditato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: