Quelle molecole organiche su Cerere

Un recente studio spettroscopico effettuato da un team italiano grazie ai dati della sonda Dawn ha rivelato la presenza di composti alifatici sulla superficie di Cerere. La natura di questi composti rende più probabile una formazione in loco e quindi la presenza di una chimica complessa nel passato del pianeta nano.

http://www.media.inaf.it/wp-content/uploads/2017/02/VIR_mosaic.png
La regione del cratere Ernutet, le parti in rosa indicano una maggiore densità di materiale organico. Credits: INAF

Gli asteroidi possono apparire come oggetti poco interessanti dal punto di vista chimico. Ma così non è, e Cerere, con la sua presenza di minerali idrati e ricchi di ammoniaca, ghiaccio d’acqua, carbonati, sali ed a questo punto anche materia organica, è la riprova del contrario.

Il team dell’INAF, guidato da M.C. De Sanctis, ha esaminato gli spettri all’infrarosso ottenuti dalla sonda Dawn durante le orbite attorno al pianeta nano Cerere, l’oggetto più grande della Fascia Principale di Asteroidi. In alcune zone della superficie ed in particolare vicino al cratere Ernutet, hanno rintracciato le bande di assorbimento tipiche dei composti alifatici, molecole organiche come metano e butano. Gli autori hanno escluso un’origine esterna come un impatto, preferendo l’ipotesi di formazione in loco su Cerere probabilmente tramite attività idrotermale. Questo, insieme ad altre scoperte simili in passato, supporta l’esistenza di una chimica complessa prebiotica nel passato di Cerere.

I composti organici si trovano in alcuni meteoriti condritici, e la loro presenza nel Sistema Solare è nota da decenni, ma sugli asteroidi -al contrario dei nuclei cometari- è sempre stata rilevata con una certa ambiguità. Su Cerere invece è stata trovata un assorbimento a 3,4 micrometri, e questo rappresenta la firma caratteristica dei composti alifatici.

Fonte: http://science.sciencemag.org/content/355/6326/719

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Quando lo Spazio Esterno si avvicina
La linea di Kármán, la demarcazione tra l'atmosfera terrestre e lo spazio esterno, potrebbe essere più vicina di quanto finora ipotizzato. Un nuovo studio la pone infatti a 20 km in
9 giorni di silenzio da Marte
Dal 22 luglio al 1 agosto le comunicazioni con le sonde ed i rover con i quali studiamo il Pianeta Rosso saranno disattivate. Il 27 luglio Marte e Sole sono infatti in congiuzione, che vuol
Tanti auguri Cronache!

Il 2 febbraio 2016 veniva pubblicato questo Blog, e per festeggiare vi vogliamo riproporre i migliori articoli dell'ultimo anno, insieme ad una piccola riflessione.



Si può sempre fare di più,
Cassini invia nuove incredibili foto degli anelli di Saturno
Le ultimissime fotografie pubblicate dal team della missione Cassini della NASA mostrano gli anelli di Saturno ad un livello di dettaglio mai visto prima.





Tempesta solare in arrivo venerdì 8 settembre
In soli quattro giorni sono avvenuti ben tre brillamenti nella stessa regione attiva del Sole. Due di questi nella giornata di mercoledì, si temono disturbi alle telecomunicazioni
KELT-9b: il pianeta più caldo mai osservato
KELT-9b è il nome di un pianeta hot jupiter scoperto da poco nel sistema di KELT-9 che sfida qualunque pianeta finora osservato, avendo una temperatura di oltre 4600 K, maggiore
Perché Facebook ha bloccato l'esperimento sull'IA
Se al supermercato vi accorgeste che la bilancia con cui il salumiere vi sta pesando qualcosa fosse tarata male, che fareste? Lo fermereste e gli chiedereste di ripetere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: