Studiare i dintorni di un buco nero con Event Horizon Telescope

Logo ufficiale della collaborazione EHT.

Cosa succede vicino a un buco nero? Event Horizon Telescope (EHT) è una collaborazione internazionale che si sta occupando di risolvere questo enigma mediante osservazione diretta del buco nero che giace al centro della nostra galassia, chiamato Sgr A*. Tuttavia, la regione da osservare è così minuscola (abbiamo parlato qui delle dimensioni di Sgr A*) e distante (quasi 28 mila anni luce!) che riuscire a “metterla a fuoco”  sembrerebbe impossibile, più o meno come cercare di fare una foto ad una arancia sulla Luna da Terra. EHT, invece, sarà in grado di osservare le immediate vicinanze di questo gigante grazie alla tecnica della VLBI (Very Large Baseline Interferometry). Essa consiste nel comporre immagini ottenute da più telescopi sparsi sull’intero globo terrestre, in questo caso nella regione millimetrica e sub-millimetrica dello spettro elettromagnetico, tramite l’ interferometria. In questo modo sarà come se il diametro del telescopio fosse grande come tutta la Terra! Il progetto, sicuramente molto ambizioso, ha importanti obbiettivi scientifici: si inizia con test diretti della Relatività Generale, passando per preziose informazioni sulla fisica dell’accrescimento e concludendo con lo studio della genesi dei potenti jets di plasma che osserviamo provenire dal centro di alcune galassie. Aspettiamo trepidanti gli sviluppi.

Fonte: www.eventhorizontelescope.org

Quando i Dinosauri facevano trekking in Abruzzo
Uno gruppo di ricercatori dell'Università di Roma La Sapienza e dell'INGV ha rinvenuto una serie di enormi impronte di dinosauro in Abruzzo, sul monte Cagno.

Appartenevano
La mappa dei fulmini nel mondo

Alzi la mano chi dalla finestra di casa non si è mai messo a contare i fulmini che cadono durante una tempesta. Nessuno? Bene, ma c'è anche chi ha fatto di questo una scienza. La NASA possiede
Emissioni inquinanti e mezzi di trasporto moderni: Quo Vadis?

I mezzi di trasporto su strada sono responsabili per le emissioni di sostanze dannose per l'uomo e per l'ambiente e nonostante il progresso tecnologico i
William Herschel: l'uomo che contò le stelle
Sir Frederick William Herschel (Hannover, 15 Novembre 1738 - Slough, 25 Agosto 1822) è uno dei personaggi chiave dell'astronomia.

Influenzato dal padre musicista, William
Ascensore spaziale: dalla fantascienza dell'Onniologo ad una possibilità reale
Uno dei maggiori problemi dell'esplorazione spaziale è che occorre utilizzare una grande massa (il carburante) che si perde poco dopo il lancio.
La curva di luce di TRAPPIST-1, ovvero: come funziona il metodo dei transiti?
Esistono diversi modi per scoprire un pianeta extrasolare e determinarne le proprietà di interesse. Uno di questi, e quello per ora più fruttuoso,
Parker Solar Probe: approfondimento sulla missione
La NASA ha appena lanciato la sonda Parker Solar Probe, una rivoluzione per la fisica solare che durerà 7 anni, durante i quali la sonda sorvolerà per ben 24 volte la

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: