Urano e Nettuno, viaggi verso i due giganti ghiacciati

Cassini verso Saturno, Juno verso Giove, New Horizons verso Plutone, Hayabusa1, Hayabusa2 e OSIRIS-REx verso asteroidi vicini, Rosetta verso la cometa 67P/ Churyumov-Gerasimenko, Dawn verso Cerere e Vesta… Insomma l’elenco è lungo, anche escludendo le decine di missioni verso Marte, ma Urano e Nettuno? Nessuno ci pensa mai?

Urano e Nettuno. Credits: NASA

L’unica sonda averli osservati da vicino è stata la Voyager 2, che li ha sorvolati ormai qualche decennio fa (nel 1986 e nel 1989). Adesso alla NASA e all’ESA si comincia a parlare seriamente di pianificare una missione verso i due giganti ghiacciati.

Se parteciperanno in misura rilevante più agenzie spaziali, l’idea è quella di lanciare due sonde gemelle verso entrambi i pianeti, che possano osservare da vicino i due giganti lanciando eventualmente delle sonde atmosferiche. Se invece dovesse essere una missione principalmente NASA, sarà probabilmente ripetuto il format di Galileo o Cassini-Huygens con priorità su Urano per la maggiore vicinanza. Il dubbio sulla partecipazione o meno dell’ESA è legato soprattutto alle tempistiche: la NASA vorrebbe lanciare per il 2030, ma in quegli anni l’ESA sarà occupata con le missioni L2 ed L3.
Una cosa è certa: la NASA è necessaria perché la lontanza dei due pianeti rende inutilizzabile l’energia solare durante le fasi orbitali ed è invece necessaria la tecnologia nucleare, prerogativa dell’agenzia statunitense.

Ancora le cose da decidere sono molte, ma finalmente si sta muovendo qualcosa ed i due pianeti più lontani nel Sistema Solare (a meno che non ci sia anche Planet Nine) potrebbero svelare molti dei misteri che ancora li avvolgono.

SpaceX: CRS-10
Domani potrete seguire la diretta del lancio del Falcon9 della SpaceX.
Per la compagnia sarà il primo lancio dalla storica piattaforma LC-39A del Kennedy Space Center in Florida, la stessa che fece da
Perché investire soldi nell'astratto? L'utilità della teoria.

Molte persone si domandano quanto sia effettivamente utile investire nella ricerca di base. Per alcune di esse ciò può rappresentare uno spreco: spendere
Trappist-1: la cocente delusione
Ricordate il famoso sistema di Trappist-1, quello costituito da 7 pianeti rocciosi che avevano fatto tanto sperare per quanto riguarda la ricerca esobiologica? Da un recente studio sembra
Frascati ospiterà il Divertor Tokamak Test facility
Quasi ad un anno dalla consegna del primo dei diciotto magneti toroidali superconduttori per ITER (di cui avevamo parlato qui), arriva la notizia della scelta da parte
Perché i pianeti orbitano tutti su uno stesso piano?

I pianeti orbitano tutti, o quasi, su uno stesso piano: il piano dell'eclittica. Eppure il Sistema Solare si è formato a partire da una grande nube di forma irregolare.
Singing Dunes: le dune cantano anche su Marte?

I viaggiatori nel deserto spesso si sono imbattuti in uno strano fenomeno: quello delle singing dunes, le dune cantanti, suoni incredibili che si sollevano dai grani di
20 Luglio 1969: 51 anni dal primo allunaggio

Mentre Neil Armstrong e Buzz Aldrin scendevano verso la Luna, Michael Collins li attendeva in orbita lunare, (fra i 100 ed i 120 km d'altitudine), all'interno del Modulo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: