Quando l’allievo supera il maestro: il successo dei lander di Hayabusa2

Successo per i rover MINERVA-II1 di Hayabusa2: sganciati dalla sonda verso la superficie dell’asteroide (162173) Ryugu, sono correttamente atterrati sulla superficie asteroidale. Per la prima volta un rover atterra su un asteroide: ad annunciarlo l’agenzia spaziale giapponese JAXA.

Nel 2005 la sonda Hayabusa aveva provato, senza successo, a lanciare il piccolo rover MINERVA. Questo avrebbe dovuto inviare dettagli sulla superficie dell’asteroide (25143) Itokawa ottenuti direttamente in loco. Un errore meccanico tuttavia ha fatto sì che il rover venisse rilasciato al momento sbagliato, mancando l’asteroide.

Il 21 settembre i piccoli MINERVA-II1 si sono separati dalla sonda Hayabusa2, riuscendo lì dove la sonda Hayabusa aveva fallito. MINERVA-II1 sono due rover, chiamati senza molta fantasia Rover-1A e Rover-1B.. Entrambi sono arrivati sulla superficie di Ryugu, sono in buone condizioni e trasmettono dati ed immagini. Le analisi dei primissimi dati mostrano inoltre che almeno uno dei due si sta muovendo sulla superficie come pianificato.

Leggi anche: (162173) Ryugu: identikit dell’obiettivo di Hayabusa2

MINERVA-II1 sono i primi due rover ad essere atterrati sulla superficie di un asteroide e per la prima volta un prodotto dell’ingegno umano si muove e trasmette dati ed immagini da una superficie asteroidale.

Di seguito alcune delle prime immagini pubblicate dalla JAXA.

Leggi anche: Hayabusa2: approfondimento sulla missione della JAXA

Immagine ottenuta dal Rover-1A il 21 settembre. Si tratta di un’immagine a colori ottenuta immediatamente dopo la separazione dalla sonda, la macchia visibile in alto (quella in basso è Ryugu). Il rover stava ruotando durante lo scatto. Credits: JAXA
Scatto dal Rover-1B il 21 settembre. Ottenuta anch’essa immediatamente dopo la separazione dalla sonda, è stata però scattata mentre il rover non stava ruotando. La macchia luminosa a sinistra è però dovuta alla riflessione della luce solare. Credits: JAXA
Dal Rover-1A il 22 settembre, ottenuta durante il movimento sulla superficie di Ryugu. La regione luminosa è dovuta alla luce solare. Credits: JAXA

Fonte: JAXA/HAY2

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Titano: due nuovi studi pubblicati grazie ai dati di Cassini
Un gruppo di ricercatori della Cornell University ha pubblicato due nuovi studi su Titano, la luna più grande di Saturno, condotti grazie ai risultati della
KELT-9b: il pianeta più caldo mai osservato
KELT-9b è il nome di un pianeta hot jupiter scoperto da poco nel sistema di KELT-9 che sfida qualunque pianeta finora osservato, avendo una temperatura di oltre 4600 K, maggiore
Tutorial: come costruire una molecola isolata a partire da 2 atomi
La reazione chimica più controllata al mondo, eseguita da un gruppo di ricerca della Harvard University, è consistita nell'unione di due atomi per ottenere
La prima immagine 3D di una nube molecolare
Utilizzando il Telescopio Spaziale Herschel dell'ESA, due ricercatori hanno osservato una nube molecolare situata a 570 anni luce di distanza dalla Terra nella costellazione
Cambiamento climatico ed attività solare: ci sono legami?
Si tratta di un tema caldo, che scalda gli animi perché spesso intrecciato con la politica, e che scalda anche l'atmosfera del pianeta su cui abitiamo. Spesso
Rømer e la scoperta della velocità della luce
Oggi diamo quasi per scontato che la velocità della luce sia finita, nonostante molto elevata (circa 300.000 km/s) ma in passato ci sono stati pareri discordanti, dovuti anche
N6946-BH1: storia di una supernova fallita
Dagli attuali modelli stellari risulta che le supernovae che osserviamo sono meno del previsto. Un nuovo studio, effettuato tramite Lbt, Hubble e Spitzer, potrebbe risolvere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: