Il cratere dell’eclissi

Lunedì 21 gennaio 2019 la Luna si è tinta di rosso a causa dell’ostruzione dei raggi solari da parte della Terra. Durante l’eclissi totale molti fotografi si sono potuti stupire nel notare un piccolo dettaglio impercettibile ad occhio nudo: un piccolo asteroide ha colpito la superficie lunare creando un nuovo cratere, proprio sotto gli occhi di milioni di persone.

Di nuovi crateri sulla Luna ce ne sono circa 140 l’anno, quindi non si tratta affatto di un fenomeno raro, che genera stupore proprio per la sua concomitanza con l’eclissi. L’oggetto che ha impattato aveva un diametro di circa 10 metri, sufficienti per vedere l’impatto in molti telescopi che stavano fotografando o registrando l’evento, come si può vedere in questo video.

Monitorare gli impatti è utile perché permette di ottenere preziose informazioni sull’ambiente esterno alla protezione della nostra atmosfera.

Gli impatti sulla Luna nell’intervallo 2005-2018 così come monitorati dalla NASA. Credits: NASA

L’impatto è avvenuto alle 4:41:43 UTC, quindi se avete foto o video dell’evento potete provate a cercare il piccolo flash dell’impatto!

L’immagine di copertina è proprietà di Jose M. Madiedo.

Che cos'è l'effetto Yarkovsky, il rinculo termico degli asteroidi

L'effetto Yarkovsky è la forza netta agente su un oggetto rotante nello spazio dovuta all'emissione anistropa di fotoni termici.
Che significa? Significa
Esperimento SOX: quando la fantasia supera la realtà, e fa danni
In questi giorni il caos sta investendo i laboratori dell'INFN del Gran Sasso, in Abruzzo. A seguito del dilagare dell'allarmismo, sostenuto anche da un
Cos'è il Solstizio d'Estate
Il 21 giugno 2018, alle 12:07, ricorre il solstizio d'Estate. Ma perché questa data indica l'inizio della stagione calda nei calendari?

Non tutti sanno, forse, che l'inizio di una stagione
Calendari: cosa sono e quali sono i più utilizzati
Il calendario gregoriano è quello più utilizzato al mondo, e nonostante ci confrontiamo con esso ogni giorno, non sempre sappiamo quale sia il suo funzionamento e quali
Dal Giappone all'ISS: intervista a Marco Casolino, primo ricercatore all'INFN
Marco Casolino è un Fisico che opera presso l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, dove è Primo Ricercatore; tiene corsi sui raggi cosmici
Ultima Thule, quando la prospettiva inganna
Pupazzo di neve o scamorza affumicata? Sembrerebbe nessuno dei due, infatti la forma di Ultima Thule è probabilmente diversa da quella che sembrava ad un primo sguardo.


Una
Trace Gas Orbiter: i primi risultati di ExoMars

Tre nuovi articoli descrivono i primi risultati del Trace Gas Orbiter, il satellite di ExoMars 2016 che ha l'obiettivo di studiare i gas presenti in traccia nell'atmosfera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: