Come si contano i Sol e gli anni marziani?

Ovunque si vada, prima o poi si sente l’esigenza di contare gli anni e i giorni. Di costruire un calendario insomma. Dopo la Terra, il luogo dell’Universo in cui siamo stati e saremo presenti più a lungo è sicuramente il Pianeta Rosso.

Un anno marziano dura 668,6 giorni solari marziani, ossia se fossimo lì vedremmo il Sole sorgere e tramontare sull’orizzonte marziano quasi 669 volte. Che poi, siccome il giorno marziano ha quasi la stessa durata del giorno terrestre, questo valore corrisponde a 687 giorni terrestri, 1,88 anni terrestri. Quindi l’anno marziano dura quasi due anni terrestri.

Quando si parla di eventi che avvengono sul Pianeta Rosso, ci si riferisce spesso agli Anni Marziani, Martian Years (MY). Attualmente ci troviamo nel pieno del Martian Year 35 (MY35), iniziato il 23 marzo 2019 e che non ci lascerà prima del 7 febbraio 2021. Per essere arrivati al 35esimo anno, ci deve essere stato un anno marziano 0. Non avendo date simboliche da scegliere, la scelta è stata puramente arbitraria: l’anno marziano 1 è iniziato l’11 aprile 1955, nel momento dell’equinozio di primavera nell’emisfero nord del pianeta. L’anno marziano 0 era quello precedente. Volendo si può andare anche di numerazione negativa (MY-1, MY-2, ecc.), ma capita di rado di parlare di eventi precedente all’era spaziale.

Un selfie del rover Curiosity nel Gale Crater. Credits: NASA

Una volta scelto l’anno marziano 0, per i giorni non c’è molto da inventarsi: il giorno marziano dura 24 ore, 39 minuti e 35,244 secondi, circa 40 minuti più del giorno terrestre. Tuttavia, per evitare la locuzione giorno marziano, e evitare che qualcuno dica semplicemente giorno senza far capire all’interlocutore se si stia parlando di giorno marziano o giorno terrestre, fin dalle missioni Vikings si è iniziata a usare la parola latina che indica la nostra stella: Sol. Un Sol è un giorno marziano. In un anno marziano ci sono 668,6 Sol. Qualche volta ci si spinge anche oltre, e yesterday (ieri) su Marte diventa yestersol, tomorrow (domani) su Marte diventa solmorrow o altre combinazioni simili come morrowsol o nextersol.

In genere, l’arrivo di sonde su Marte o in orbita attorno a Marte viene indicato come Sol 0 per quelle sonde. Per Curiosity ad esempio il Sol 0 è stato il 6 agosto 2012 e oggi si trova sulla superficie di Marte da 2755 Sol.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: