Buchi neri supermassivi: mostri nascosti nell’oscurità

Le galassie che osserviamo ospitano al loro centro un oggetto compattissimo: parliamo di una massa il cui valore può arrivare fino a di 10 miliardi di Soli , racchiusa in un volume più piccolo di quello del sistema solare. Detto così, questo fatto potrebbe lasciare indifferenti, ma basta guardare qualche numero per rendersi conto di quanto questi oggetti siano estremi.

Riproduzione artistica di un buco nero.

La Via Lattea, la nostra galassia, ha un raggio di circa 50 mila anni luce (50 milioni di miliardi di chilometri), e al suo centro si nasconde un bestione, chiamato Sgr A*, la cui massa è pari a quella di un milione di Soli. Ora, prendete questa massa e stipatela tutta in raggio pari a un centesimo della distanza tra Terra e Sole (quest’ultima pari a 150 milioni di chilometri). Fa un altro effetto, vero?  In gergo astrofisico, questi mostri si chiamano SMBHs (Super Massive Black Holes, buchi neri supermassivi) e su come si siano formati la comunità scientifica non è ancora in grado di fornire una risposta certa.

ExoMars, l'Europa arriva su Marte
Il Trace Gas Orbiter ed il modulo Schiaparelli il 19 ottobre giungeranno sul Pianeta Rosso.
Le due sonde erano decollate insieme il 14 marzo scorso per la prima parte della missione
LED come lucciole? I LEC
Realizzati dai ricercatori delle Università svedesi di Umeå e Linköping coordinati da Ludvig Edman, i LEC sono un dispositivo a stato solido in grado di emettere luce.
LEC è l'acronimo di "Light-emitting
Motori come computer. Perché usare un gran numero di motori
Prima che il Falcon Heavy facesse il suo debutto nessun razzo con un così gran numero di motori è mai riuscito ad arrivare in orbita. Si può pensare che i vettori
Fratture di fango nel terreno marziano
Numerose fotografie inviate dal rover marziano Curiosity sembrano mostrare la presenza di mud cracks, le fratture che si generano a causa del disseccamento del fango.




20 ottobre, il picco delle Orionidi, i frammenti della cometa di Halley
In agosto stiamo quasi tutti con il naso all'insù a contare le stelle cadenti di San Lorenzo. Tuttavia quello non è l'unico sciame osservabile durante
Due giganti gassosi in formazione per ALMA
Due pianeti gioviani in formazione attorno a HD 169142, a 470 anni luce da noi, sono stati osservati da un team di ricerca guidato da Davide Fedele, dell'INAF di Firenze.

Il
2017 BQ6, tutti i primi scatti dell'asteroide
Il 7 febbraio scorso l'asteroide 2017 BQ6 è passato ad appena 6,6 volte la distanza Terra-Luna dalla Terra. Ecco tutte le immagini ottenute tramite l'antenna radio della NASA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: