La fine programmata di Rosetta

La sonda Rosetta, in orbita attorno alla cometa 67/P Churyumov-Gerasimenko è prossima alla sua fine, con l’atterraggio sulla cometa programmato per venerdì 30 settembre alle 12:40 italiane.

La distanza della sonda dal Sole sta diventando eccessiva e la luce ricevuta dai suoi pannelli solari non sufficiente. Tra le varie opzioni per risolvere questo problema, il team della missione Rosetta ha selezionato quella scientificamente più produttiva: l’atterraggio sulla cometa. Questo permetterà di ottenere informazioni estremamente dettagliate sulla cometa durante la discesa.

La zona di atterraggio prevista è tra le cavità Ma’at 2 e Ma’at 3, due cavità di 130 e 140 metri di diametro. Si tratta di zone molto attive ed interessanti dalle quali si spera di ricavare una buona quantità di informazioni.

the_evolution_of_comet_pits

L’attenzione si focalizzerà sulla zona di accelerazione, una regione in cui le emissioni gassose provenienti dall’interno della cometa accelerano il moto delle polveri.

Un suicidio programmato ma ben giustificato quindi quello di Rosetta, che atterrerà sulla cometa venerdì 30 settembre 2016 alle 12:40 (±20 minuti), ora italiana. A causa della distanza Terra-Sonda, le informazioni ci arriveranno tuttavia svariati minuti dopo, circa 40.

Per approfondire:

AstronautiNews, Rosetta: la guida completa all’atterraggio sulla cometa

Qui un testo di approfondimento sulle comete di Albino Carbognani, dell’Osservatorio Astronomico della Valle D’Aosta

Sapevi che il compositore Vangelis ha composto un album dedicato alla missione Rosetta? Lo trovi qui

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Che cosa sono e da dove vengono le comete?
Le comete sono degli oggetti con una lunga tradizione di osservazioni, che spesso si mescola alla storia, alla mitologia ed ai racconti popolari, a causa del loro aspetto spettacolare
Betelgeuse fotografata da ALMA in alta risoluzione

Per quanto si aumentino gli ingrandimenti, da un telescopio amatoriale quel punto arancione resterà sempre un punto. Diverso è se il telescopio non è amatoriale ma
Parker Solar Probe: approfondimento sulla missione
La NASA ha appena lanciato la sonda Parker Solar Probe, una rivoluzione per la fisica solare che durerà 7 anni, durante i quali la sonda sorvolerà per ben 24 volte la
L'astuto Hans - il cavallo che sapeva contare
C'è stato un tempo in cui abbiamo creduto che la comunicazione fra uomo e animale potesse avvenire veramente. Di che tempo stiamo parlando?
Nella Berlino del 1904 viveva
Wendelstein 7-X uno Stellarator da Record
Il Wendelstein 7-X ha acquisito un nuovo record per gli Stellarator. Negli esperimenti scorsi il reattore ha raggiunto temperature e densità del plasma più elevate, impulsi più
OSIRIS-REx fotografa Giove e le sue lune

La PolyCam imager a bordo della sonda NASA OSIRIS-REx ha scattato questa fotografia alle 3:34 a.m. del 12 febbraio, che ritrae Giove e 3 dei 4 satelliti medicei: Callisto, Io
Tempesta solare in arrivo venerdì 8 settembre
In soli quattro giorni sono avvenuti ben tre brillamenti nella stessa regione attiva del Sole. Due di questi nella giornata di mercoledì, si temono disturbi alle telecomunicazioni

Un pensiero riguardo “La fine programmata di Rosetta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: