Plutone sotto i riflettori – Parte II: i piccoli satelliti

A luglio 2015 la sonda New Horizons è giunta vicino al pianeta nano più famoso del Sistema Solare. Dopo mesi di analisi dei dati ottenuti, il team di ricerca della New Horizons ha deciso di pubblicare i risultati di queste analisi in una serie di articoli su Science.

Oggi parliamo dei piccoli satelliti che orbitano insieme a Plutone e Caronte.

F1.large
La “famiglia” di satelliti di Plutone

Il sistema di Plutone è sorprendentemente complesso: è costituito da sei oggetti che orbitano approssimativamente sullo stesso piano in orbite quasi circolari. Quando la New Horizons è stata programmata, nel 2001, erano noti solo i due componenti principali: Plutone e Caronte.

Spesso ci si riferisce a Caronte come a un satellite di Plutone, ma di fatto si tratta di un sistema binario di pianeti nani. Insieme a questi orbitano due piccoli satelliti, Notte e Idra scoperti a Maggio 2005 ed altri due ancora più piccoli, Cerbero e Stige, scoperti rispettivamente nel 2011 e 2012.
Si ritiene che il sistema di Plutone si sia formato in seguito alla collisione di due oggetti di dimensioni pari a quelle di Plutone tra i 4 e i 4,5 miliardi di anni fa. In questo scenario, le piccole lune si sarebbero formate tramite il collasso delle nubi di polveri lasciate da questo impatto. Ma gli interrogativi restano molti, ed i dati forniti dalla sonda New Horizons possono essere degli elementi chiave in tal senso.

Tutte e quattro le piccole lune del sistema sono oggetti allungati con elevata albedo (capacità di riflettere la luce incidente), e ciò suggerisce una composizione superficiale di ghiaccio d’acqua.
Cerbero appare con una forma a doppio lobo, che rende probabile che la sua formazione sia avvenuta in seguito alla fusione di due oggetti più piccoli.
Il conteggio dei crateri per Notte e Idra implica che la loro superficie sia più antica di 4 miliardi di anni. Notte e Idra hanno un colore neutro (grigio), ma un grosso cratere su Notte è apparentemente più rosso del resto, suggerendo che il corpo che ha generato questo cratere avesse una composizione chimica differente.

Le piccole lune di Plutone hanno una velocità di rotazione piuttosto elevata e l’asse di rotazione è quasi ortogonale a quello del pianeta nano: ciò dà informazioni circa le forze dominanti in gioco nel corso della loro evoluzione. In particolare indica che il rallentamento dovuto alla forza mareale non sia stato particolarmente rilevante per la storia rotazionale di queste lune.

F2.large

[1] H.A. Weaver et al., The small satellites of Pluto as observed by New Horizons, Science Magazine

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Eclissi di Luna 27 luglio 2018: ecco tutti gli eventi
Associazioni di astrofili, università, o iniziative di privati cittadini: l'eclissi di Luna di venerdì attira l'attenzione di tutti. La notte del 27 non sarà solo
Perché Facebook ha bloccato l'esperimento sull'IA
Se al supermercato vi accorgeste che la bilancia con cui il salumiere vi sta pesando qualcosa fosse tarata male, che fareste? Lo fermereste e gli chiedereste di ripetere
I 4 migliori obiettivi per il rover NASA del 2020
Nel 2020 la NASA lancerà un nuovo rover, e gli scienziati si sono pronunciati sui possibili luoghi di atterraggio di questa missione. Il cratere Jezero, il più accreditato
Chang'e-4 pronta per il lancio
Continua il programma lunare cinese con il lancio della Chang'e-4 previsto per l'8 dicembre. La missione cinese atterrerà per la prima volta sul lato nascosto della Luna, fornendo informazioni
La domesticazione del tacchino
Oggi, 22 novembre 2018, milioni di statunitensi e canadesi festeggiano il Giorno del Ringraziamento. La tipica usanza della cena a base di tacchino sembra avere un'origine ben più lontana
La lotta tra l'uomo ed il bradipo, immortalata nelle impronte fossili
Tra i 10.000 ed i 15.000 anni fa, un bradipo terricolo gigante (un grosso animale ormai estinto) camminava tranquillo nel White Sands National Monument,
Come funzionano i campi magnetici planetari

Sulla Terra permette lo sviluppo della vita, su Marte c'era ma oggi non c'è più. In che modo si possono formare i campi magnetici planetari?



Secondo i migliori modelli attualmente

2 pensieri riguardo “Plutone sotto i riflettori – Parte II: i piccoli satelliti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: