Il pianeta extrasolare abitabile più vicino alla Terra

Si chiama Proxima b ed orbita attorno a Proxima Centauri, la nostra vicina di casa. Scovato da un team europeo usando i telescopi dell’European Southern Observatory, il pianeta roccioso potrebbe rispettare i criteri di abitabilità.

eso1629a.jpg

Il 24 agosto è stata annunciata in conferenza stampa internazionale la scoperta del team europeo: attorno a Proxima Centauri, la stella più vicina al Sistema Solare (solo 4,2 anni luce), orbita un pianeta roccioso poco più massiccio della nostra Terra (1,3 masse terrestri).

Sappiamo inoltre che il pianeta orbita attorno alla sua stella in 11,2 giorni al 5% della distanza che la Terra ha dal Sole. Il fatto però che Proxima Centauri sia una nana rossa, e quindi piuttosto fredda, fa sì che questa distanza sia proprio quella adatta per avere l’acqua liquida sulla superficie del pianeta. In realtà, tuttavia, non sappiamo se ci sia dell’acqua sul pianeta: non sappiamo in realtà nemmeno se abbia un’atmosfera ed eventualmente quale sia la sua composizione.

Il metodo usato per rilevare la presenza di questo pianeta è infatti quello delle velocità radiali. Quando due corpi orbitano (in questo caso la stella e il pianeta), lo fanno attorno ad un centro di massa comune. Misurando allora l’effetto Doppler dovuto all’avvicinamento e all’allontanamento della Stella da noi durante il suo moto si possono ricavare informazioni circa il secondo corpo (il pianeta) come la massa minima e la distanza dalla stella.

Ma le buone notizie finiscono qui: l’estrema vicinanza alla stella potrebbe generare una rotazione sincrona, lo stesso tipo di rotazione della Luna rispetto alla Terra, e quindi il pianeta potrebbe mostrare sempre la stessa faccia alla stella madre ottenendo un emisfero completamente illuminato ed uno completamente in ombra. Inoltre anche le tempeste solari potrebbero essere troppo intense a quella piccola distanza.

Ricapitolando: l’aver trovato un pianeta roccioso nella fascia abitabile in una stella così vicina è senz’altro un risultato entusiasmante, ma contenere l’entusiasmo è doveroso: potrebbe non avere atmosfera, e potrebbe comunque non essere abitabile a causa degli effetti dell’eccessiva vicinanza alla stella madre.

Fonti:
ESO: Planet found in habitable zone around nearest star
Media INAF, Proxima b, la “terra gemella” più vicina possibile

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

SpaceX: SES-10 Primo Lancio con un razzo riutilizzato

Stanotte, alle ore 00:27 italiane, il Falcon9 della SpaceX porterà in orbita il decimo satellite geostazionario per le telecomunicazione della costellazione SES.


Cos'ha
L'origine del Sistema Solare
"Chi siamo?", "da dove veniamo?", "come possiamo ideare simulazioni abbastanza potenti da simulare un sistema caotico di N corpi in maniera sufficientemente dettagliata da predire la formazione
La curva di luce di TRAPPIST-1, ovvero: come funziona il metodo dei transiti?
Esistono diversi modi per scoprire un pianeta extrasolare e determinarne le proprietà di interesse. Uno di questi, e quello per ora più fruttuoso,
Dawn trova ghiaccio su Cerere


Usando i dati della missione Dawn, un team di ricercatori dell'INAF ha individuato una forte presenza di ghiaccio nel cratere Oxo, su Cerere. 
I ricercatori dell'INAF di Roma hanno
Tutorial: come costruire una molecola isolata a partire da 2 atomi
La reazione chimica più controllata al mondo, eseguita da un gruppo di ricerca della Harvard University, è consistita nell'unione di due atomi per ottenere
OSIRIS-REx e Bennu: si comincia



Il 17 agosto la sonda della NASA OSIRIS-REx ha ottenuto le sue primissime immagini dell'obiettivo della missione: l'asteroide Bennu. Da una distanza di 2.2 milioni di chilometri,
Storia dell'Esplorazione di Marte
Marte, il Pianeta Rosso, da sempre ha affascinato gli uomini, che con il tempo hanno imparato ad amarlo e conoscerlo sempre più a fondo. Sebbene molte osservazioni del pianeta furono

Un pensiero riguardo “Il pianeta extrasolare abitabile più vicino alla Terra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: