Il pianeta extrasolare abitabile più vicino alla Terra

Si chiama Proxima b ed orbita attorno a Proxima Centauri, la nostra vicina di casa. Scovato da un team europeo usando i telescopi dell’European Southern Observatory, il pianeta roccioso potrebbe rispettare i criteri di abitabilità.

eso1629a.jpg

Il 24 agosto è stata annunciata in conferenza stampa internazionale la scoperta del team europeo: attorno a Proxima Centauri, la stella più vicina al Sistema Solare (solo 4,2 anni luce), orbita un pianeta roccioso poco più massiccio della nostra Terra (1,3 masse terrestri).

Sappiamo inoltre che il pianeta orbita attorno alla sua stella in 11,2 giorni al 5% della distanza che la Terra ha dal Sole. Il fatto però che Proxima Centauri sia una nana rossa, e quindi piuttosto fredda, fa sì che questa distanza sia proprio quella adatta per avere l’acqua liquida sulla superficie del pianeta. In realtà, tuttavia, non sappiamo se ci sia dell’acqua sul pianeta: non sappiamo in realtà nemmeno se abbia un’atmosfera ed eventualmente quale sia la sua composizione.

Il metodo usato per rilevare la presenza di questo pianeta è infatti quello delle velocità radiali. Quando due corpi orbitano (in questo caso la stella e il pianeta), lo fanno attorno ad un centro di massa comune. Misurando allora l’effetto Doppler dovuto all’avvicinamento e all’allontanamento della Stella da noi durante il suo moto si possono ricavare informazioni circa il secondo corpo (il pianeta) come la massa minima e la distanza dalla stella.

Ma le buone notizie finiscono qui: l’estrema vicinanza alla stella potrebbe generare una rotazione sincrona, lo stesso tipo di rotazione della Luna rispetto alla Terra, e quindi il pianeta potrebbe mostrare sempre la stessa faccia alla stella madre ottenendo un emisfero completamente illuminato ed uno completamente in ombra. Inoltre anche le tempeste solari potrebbero essere troppo intense a quella piccola distanza.

Ricapitolando: l’aver trovato un pianeta roccioso nella fascia abitabile in una stella così vicina è senz’altro un risultato entusiasmante, ma contenere l’entusiasmo è doveroso: potrebbe non avere atmosfera, e potrebbe comunque non essere abitabile a causa degli effetti dell’eccessiva vicinanza alla stella madre.

Fonti:
ESO: Planet found in habitable zone around nearest star
Media INAF, Proxima b, la “terra gemella” più vicina possibile

Esperimento SOX: quando la fantasia supera la realtà, e fa danni
In questi giorni il caos sta investendo i laboratori dell'INFN del Gran Sasso, in Abruzzo. A seguito del dilagare dell'allarmismo, sostenuto anche da un
Cos'è il meccanismo di Kozai

Le comete e molti oggetti transnettuniani hanno orbite veramente strane, decisamente diverse da quelle quasi circolari dei pianeti, pur essendosi formate a partire dalla dinamica della stessa
Cos'è il Solstizio d'Estate
Il 21 giugno 2018, alle 12:07, ricorre il solstizio d'Estate. Ma perché questa data indica l'inizio della stagione calda nei calendari?

Non tutti sanno, forse, che l'inizio di una stagione
C'è vita là fuori? Le basi dell'Astrobiologia
La ricerca della vita al di fuori della Terra continua ad essere uno dei temi più ricorrenti nella ricerca scientifica in ambito spaziale, in particolare nell'esplorazione
ExoMars, l'Europa arriva su Marte
Il Trace Gas Orbiter ed il modulo Schiaparelli il 19 ottobre giungeranno sul Pianeta Rosso.
Le due sonde erano decollate insieme il 14 marzo scorso per la prima parte della missione
Meccanica Statistica questa sconosciuta
Oggi vi voglio parlare della Meccanica Statistica, ovvero della sorellina minore, non per importanza scientifica sia ben chiaro, della più nota triade composta da Meccanica Classica,
William Herschel: l'uomo che contò le stelle
Sir Frederick William Herschel (Hannover, 15 Novembre 1738 - Slough, 25 Agosto 1822) è uno dei personaggi chiave dell'astronomia.

Influenzato dal padre musicista, William

Un pensiero riguardo “Il pianeta extrasolare abitabile più vicino alla Terra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: