SN 1987a, 30 anni dopo

Era il 24 febbraio del 1987 quando venne riportata la scoperta di un oggetto molto luminoso nella Grande Nube di Magellano (una galassia molto vicina alla nostra), il quale doveva aver aumentato la sua luminosità di quasi un miliardo di volte rispetto alla precedente notte di osservazione. I telescopi di tutto il mondo furono puntati verso quella regione di cielo, e in breve tempo ci si rese conto che quell’oggetto così luminoso doveva corrispondere a una supernova di tipo core-collapse. Per i non esperti, si tratta della spettacolare, potentissima esplosione di una stella di grande massa giunta alla fine dei suoi giorni. Quando in queste stelle si esaurisce il combustibile che alimenta le reazioni nucleari al loro centro, viene a mancare l’energia necessaria a sostenere la struttura  contro la sua stessa gravità: avviene allora un collasso velocissimo, cui segue una esplosione, causata dall’onda d’urto che si genera dall’enorme quantità di energia rilasciata in questo tempo brevissimo. I modelli predicono che durante l’esplosione vengano espulsi una enorme quantità di neutrini, particelle leggerissime e molto poco interagenti con la materia. Effettivamente, in concomitanza dell’evento di supernova in esame si osservò un insolitamente elevato numero di neutrini, indicando che i modelli dovevano essere corretti e fornendo una gran quantità di informazioni sulla fisica di queste elusive particelle.

Una immagine del resto di supernova SN1987a.

Sfortunatamente, il telescopio spaziale Hubble non era ancora attivo e quindi si dovette attendere il 1990 per avere una prima immagine dettagliata dell’oggetto, mostrato in figura.
Gli anelli che si osservano sono composti di gas molto caldo e ionizzato; tuttavia, la morfologia non è ancora del tutto stata spiegata. Sembra però plausibile che la simmetria del sistema sia dovuta al fatto che la stella in fin di vita orbitasse intorno ad una compagna molto meno luminosa.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Farout, il pianeta nano più lontano dal Sole (per ora)

Situato ad una distanza dal Sole circa 100 volte maggiore di quella della Terra, 2018 VG18 'Farout' è a tutti gli effetti l'oggetto più lontano ad oggi noto nel
Mappe termiche di Deimos e Phobos dalla Mars Odyssey
Lo strumento THEMIS (Thermal Emission Imaging System), a bordo della sonda Mars Odyssey, ha permesso di costruire delle mappe di emissione termica delle due lune marziane
I ghiacciai pedemontani dell'isola di Ellesmere

L'immagine, ottenuta tramite il satellite Terra della NASA il 26 luglio 2009, ritrae il ghiacciaio di Turnabout, situato nell'isola canadese di Ellesmere. Si tratta di
Rintracciata la sorgente di un neutrino cosmico
Per la prima volta è stata rintracciata la sorgente di un neutrino cosmico ad alte energie utilizzando l'esperimento IceCube in Antartide. Lo studio su Science.

I neutrini
Chang'e-4 pronta per il lancio
Continua il programma lunare cinese con il lancio della Chang'e-4 previsto per l'8 dicembre. La missione cinese atterrerà per la prima volta sul lato nascosto della Luna, fornendo informazioni
Frascati ospiterà il Divertor Tokamak Test facility
Quasi ad un anno dalla consegna del primo dei diciotto magneti toroidali superconduttori per ITER (di cui avevamo parlato qui), arriva la notizia della scelta da parte
Nikola Tesla: 161 anni dalla nascita

Oggi nel lontano 1856 nasceva Nikola Tesla nella cittadina serba di Smiljan, ricordato come l'inventore del ventesimo secolo.
Eclettico, Tesla ha vissuto una vita travagliata, ricordiamo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: