20 ottobre, il picco delle Orionidi, i frammenti della cometa di Halley

In agosto stiamo quasi tutti con il naso all’insù a contare le stelle cadenti di San Lorenzo. Tuttavia quello non è l’unico sciame osservabile durante l’anno. Oggi, 20 ottobre, è infatti il turno delle Orionidi, così chiamate perché sembrano provenire dalla costellazione di orione.

 

Quando una cometa passa vicino al Sole lascia dietro di sé una grande quantità di detriti. Se questa scia va ad intersecare l’orbita terrestre, i frammenti di roccia di cui è costituita entrano in atmosfera e bruciano rapidamente per attrito viscoso portando al cosiddetto fenomeno delle stelle cadenti, che tecnicamente si chiamano meteoroidi (se qualche frammento riesce a toccare il suolo prende il nome più noto di meteorite). 

La Terra incontra le scie di detriti di una cometa sempre nello stesso periodo dell’anno e per questo è possibile definire dei periodi in cui conviene guardare in alto alla ricerca dei brevi bagliori dei meteoroidi.

Gli sciami di meteoroidi prendono il nome dalla costellazione da cui sembrano provenire. Le famose stelle cadenti di San Lorenzo sono perciò dette Perseidi, perché la Terra incontra lo sciame di detriti in modo che sembrino provenire dalla costellazione di Perseo.

Ma dopo qualche anno non finiscono questi detriti? Finirebbero, ma le comete ritornano e forniscono nuovi detriti. Le comete hanno orbite molto eccentriche e lunghe ma sono pur sempre oggetti orbitanti attorno al Sole e perciò tornano periodicamente sui loro passi. Le Perseidi sono allora date dai frammenti della cometa Swift-Tuttle, passata in perielio (il punto più vicino al Sole) nel 1992, e che vi tornerà nel 2126, rifornendo il materiale per le nostre adorate stelle cadenti. Le orionidi sono invece legate ai detriti della cometa di Halley, la cometa più famosa di sempre che nel 1986 spinse milioni di persone di tutto il mondo ad orientare il proprio sguardo verso il cielo notturno.

Ecco una tabella dei principali sciami meteorici.

Quadrantidi 1-6 Gennaio
Lyridi di Aprile 19-24 Aprile
Eta Aquaridi 1-8 Maggio
Delta Aquaridi 15 Luglio – 15 Agosto
Perseidi 25 Luglio – 18 Agosto
Orionidi 16-27 Ottobre
Tauridi 20 Ottobre – 30 Novembre
Leonidi 15-20 Novembre
Geminidi 7-15 Dicembre

 

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Storia dell'Esplorazione di Marte
Marte, il Pianeta Rosso, da sempre ha affascinato gli uomini, che con il tempo hanno imparato ad amarlo e conoscerlo sempre più a fondo. Sebbene molte osservazioni del pianeta furono
Perché Facebook ha bloccato l'esperimento sull'IA
Se al supermercato vi accorgeste che la bilancia con cui il salumiere vi sta pesando qualcosa fosse tarata male, che fareste? Lo fermereste e gli chiedereste di ripetere
Cos'è il meccanismo di Kozai

Le comete e molti oggetti transnettuniani hanno orbite veramente strane, decisamente diverse da quelle quasi circolari dei pianeti, pur essendosi formate a partire dalla dinamica della stessa
162173 Ryugu: identikit dell'obiettivo di Hayabusa2
Abbiamo approfondito i dettagli della missione Hayabusa2 (qui), abbiamo visto la sonda avvicinarsi al suo obiettivo (qui), ma poco abbiamo detto nel dettaglio dell'asteroide
Bolide avvistato in Nord Italia il 30 maggio: Prime immagini e spiegazione
Il 30 maggio 2017, attorno alle 23:10, moltissime persone in un'area compresa approssimativamente tra Firenze e Milano hanno potuto ammirare uno
Vita su Marte? No, non lo sappiamo ancora
Su Marte, la vita, c'è o c'è stata in passato? La verità è che nonostante tutto, continuiamo a non saperlo. La NASA ieri ha annunciato la scoperta di antichi depositi organici
Ultima Thule: i primissimi risultati di New Horizons

New Horizons ha eseguito per la prima volta un flyby su un corpo della fascia di Kuiper, e dai dati ottenuti durante questa operazione possiamo e potremmo ottenere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: