Acqua nel mantello terrestre: dai diamanti le prime prove dirette

Piccole tasche di acqua al di sotto della superficie terrestre: questa la scoperta pubblicata su Science Magazine da un team internazionale di ricercatori. Come è stato possibile vedere così in profondità? Usando i diamanti.

I diamanti espulsi da centinaia di kilometri di profondità possono fornire preziose informazioni sulla struttura interna del nostro pianeta. I diamanti puri sono fatti unicamente di atomi di carbonio, ma i diamanti puri sono rari, e la maggior parte contiene delle piccole impurità sotto forma di cristalli inclusi all’interno di quelli di diamante. Queste inclusioni portano con sé delle interessanti informazioni sulla storia del minerale che le contiene.

Lo studio, guidato da O. Tschauner dell’Università del Nevada, ha analizzato diamanti provenienti dall’Africa meridionale e dalla Cina. Oltre dodici diamanti contenevano delle inclusioni acquose mai viste prima, note come ghiaccio VII (le forme cristalline dell’acqua, ossia i tipi di ghiaccio, si distinguono in base alla disposizione delle particelle nel reticolo cristallino). Il ghiaccio VII non era mai stato osservato in natura, ma era ben noto in esperimenti di laboratorio ad alta pressione.

L’identificazione di ghiaccio all’interno dei diamanti suggerisce che nel luogo dal quale quei diamanti provengono (molto in profondità, nel mantello terrestre) debba scorrere acqua allo stato fluido, invece che essere legata ai minerali cosiddetti idrati. Alcuni dei diamanti analizzati si dovrebbero essere formati tra i 610 e gli 800 km al di sotto della superficie e quindi si tratterebbe della prima evidenza diretta della presenza di acqua liquida a queste profondità. Resta ignoto, tuttavia, quanto comuni siano queste sacche di acqua e quanto siano grandi.

Fonte: Science

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Dagli USA un filtro inverso per particelle
In genere i filtri bloccano le particelle più grosse lasciando passare quelle più piccole. Un team di ricercatori della Pennsylvania State University ha sviluppato un materiale
Calendari: cosa sono e quali sono i più utilizzati
Il calendario gregoriano è quello più utilizzato al mondo, e nonostante ci confrontiamo con esso ogni giorno, non sempre sappiamo quale sia il suo funzionamento e quali
Il piano della Space X per andare su Marte
Tra entusiasmo  e scetticismo, Elon Musk in una conferenza ha ribadito il suo progetto di colonizzare Marte nei prossimi anni. Questa volta sembra fare sul serio e presenta i
Prima immagine della nascita di un pianeta
Per la prima volta, un team di astronomi è riuscito ad osservare direttamente un pianeta in formazione attorno ad una stella, confermando anche i modelli di formazione stellare
Il volo del pipistrello, ovvero come funziona un sonar
L'ecolocalizzazione, o biosonar, è un metodo sviluppato da alcuni animali notturni, come pipistrelli e alcuni uccelli, per orientarsi nell'oscurità notturna. L'assenza
Speciale 8 Marzo: perché la scienza ha bisogno delle donne
Su iniziativa del partito socialista americano, nel 1909 venne proposta l'istituzione di una giornata della donna con l'intento di promuovere la parità dei diritti
L'Angolo dei Paradossi: Il paradosso del barbiere
Il paradosso del barbiere è un paradosso formulato dal filosofo e logico Bertrand Russel nel 1918. Essa costituisce approssimativamente una riformulazione intuitiva, o

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: