Alla fine arriva GLAST

Sollevandosi da una nuvola di fumo fluttuante, il razzo spaziale Delta II ha lasciato la base di lancio 17-B della Stazione dell’Air Force di Cape Canaveral in Florida a mezzanotte e cinque minuti EDT l’11 giugno 2008.

Infilato nel ‘bagagliaio’ c’era GLAST (Gamma-ray Large Area Space Telescope), un grande telescopio in grado di rivelare i raggi gamma. La tecnologia di GLAST era stata sviluppata per gli acceleratori di particelle terrestri.

Nell’orbita GLAST può rivelare raggi gamma provenienti da ambienti spaziali estremi, come buchi neri supermassivi al centro di galassie attive distanti o sorgenti di potenti burst di raggi gamma. Questi acceleratori cosmici formidabili possono arrivare ad energie non raggiungibili nei laboratori terrestri.

Oggi GLAST è anche conosciuto come il telescopio spaziale Fermi per raggi gamma.

Crediti: NASA

Prima immagine della nascita di un pianeta
Per la prima volta, un team di astronomi è riuscito ad osservare direttamente un pianeta in formazione attorno ad una stella, confermando anche i modelli di formazione stellare
Giove, il gigante: introduzione
Il prossimo 4 luglio la sonda JUNO arriverà in orbita attorno a Giove. Durante l'attesa di questo avvenimento verranno pubblicati su questo blog una serie di approfondimenti riguardo il
Le più belle foto del mese - Dicembre 2016
Sono qui raccolte le più belle immagini di dicembre pubblicate quotidianamente sulla pagina facebook di questo blog. Cliccate sulle immagini per vederne la descrizione e mettete
Le ultime immagini di Opportunity
Queste immagini sono le ultime prese da Opportunity prima che la sua ultima tempesta di polvere globale oscurasse il cielo, portando alla perdita definitiva delle comunicazioni con il
SABRE Engine: dal Silbervogel allo Skylon, la ricerca per i velivoli SSTO
In precedenza abbiamo osservato come la SpaceX, spinta dall'obiettivo di colonizzare Marte, stia riuscendo a conseguire lanci con razzi riutilizzabili,
Guida ai Satelliti di Marte
Eccoci con il terzo appuntamento con le guide sui satelliti del Sistema Solare scritte dall’instancabile Alessandro Bologna, astrofilo divulgatore che si occupa della gestione della nostra
ʻOumuamua, l'ospite inatteso del Sistema Solare
Tra asteroidi e comete, si contano circa 750.000 corpi minori nel nostro Sistema Solare. Di questi, qualcuno potrebbe essersi formato in altri sistemi stellari, venendo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: