Alla fine arriva GLAST

Sollevandosi da una nuvola di fumo fluttuante, il razzo spaziale Delta II ha lasciato la base di lancio 17-B della Stazione dell’Air Force di Cape Canaveral in Florida a mezzanotte e cinque minuti EDT l’11 giugno 2008.

Infilato nel ‘bagagliaio’ c’era GLAST (Gamma-ray Large Area Space Telescope), un grande telescopio in grado di rivelare i raggi gamma. La tecnologia di GLAST era stata sviluppata per gli acceleratori di particelle terrestri.

Nell’orbita GLAST può rivelare raggi gamma provenienti da ambienti spaziali estremi, come buchi neri supermassivi al centro di galassie attive distanti o sorgenti di potenti burst di raggi gamma. Questi acceleratori cosmici formidabili possono arrivare ad energie non raggiungibili nei laboratori terrestri.

Oggi GLAST è anche conosciuto come il telescopio spaziale Fermi per raggi gamma.

Crediti: NASA

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

OSIRIS-REx fotografa Giove e le sue lune

La PolyCam imager a bordo della sonda NASA OSIRIS-REx ha scattato questa fotografia alle 3:34 a.m. del 12 febbraio, che ritrae Giove e 3 dei 4 satelliti medicei: Callisto, Io
Il premio nobel per la Fisica 2017
Che il premio nobel 2016 per la Fisica andasse a LIGO per le onde gravitazionali sembrava quasi scontato, eppure così non è stato. In realtà alle onde gravitazionali non poteva proprio
I pianeti suonano e cantano?

La rete è piena di video sensazionalistici che propongono “i suoni del Sistema Solare” o simili, una serie di suoni eterei e mistici che vengono proposti come emessi dai pianeti, o dal Sole,
Come funziona l'anestesia?


Oggi tutti sappiamo che per subire un’operazione è necessario sottoporsi ad un trattamento anestesiologico onde evitare dolori eccessivi.

Ma come funziona esattamente? Per spiegare questo
Tre sonde nell'aurora

Il 2 marzo 2017 tre missili NASA sono stati lanciati in Alaska durante una spettacolare aurora boreale per lo studio delle interazioni del vento solare con l'alta atmosfera e ionosfera terrestre.
I
Un nuovo TNO ci dà nuovi indizi su Planet 9
Un team internazionale di astronomi ha rivelato la presenza di un nuovo oggetto trans-nettuniano la cui strana orbita potrebbe essere un'ulteriore evidenza della presenza di
Eclissi di Luna 27 luglio 2018: gallery fotografica
In questa galleria riportiamo tutte le foto pubblicate dagli utenti nella nostra Community su Facebook. Se non siete iscritti potete farlo qui.

Buona visione!

(Nella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: