Rintracciata la sorgente di un neutrino cosmico

Per la prima volta è stata rintracciata la sorgente di un neutrino cosmico ad alte energie utilizzando l’esperimento IceCube in Antartide. Lo studio su Science.

I neutrini sono particelle subatomiche quasi senza massa e senza carica elettrica: ne segue che interagiscano di rado con la materia ordinaria e rilevarne la presenza e studiarli è un lavoro assai complesso.

La maggior parte dei neutrini ha origine solare, prodotti di scarto delle reazioni nucleari che tengono in vita la nostra stella evitandone il collasso. In un caso (Supernova 1987A), è stata rintracciata l’emissione di neutrini extrasolari.

Ma una percentuale di questi neutrini viene da sorgenti ignote site all’esterno del Sistema Solare, sorgenti cosmiche difficilmente rintracciabili. Eppure i ricercatori, utilizzando l’esperimento IceCube situato nel continente Antartico, sono riusciti a rintracciare la sorgente di uno di questi neutrini, sorgente risultata essere un blazar (una gigantesca galassia ellittica attiva il cui nucleo è costituito da un buco nero in rapida rotazione), nota sorgente di raggi gamma dal nome non molto user-friendly di TXS 0506+056. Anche il nome del neutrino è altrattanto criptico: IceCube-170922A è stato osservato il 22 settembre 2017. Come se non bastasse, la scoperta è resa ancora più interessante dall’osservazione che questi neutrini sono accompagnati da raggi cosmici, le particelle cariche che, venendo da sorgenti distanti dal Sistema Solare, lo bombardano di continuo.

Si sospetta quindi che i blazar possano essere le sorgenti per eccellenza dei neutrini ad alte energie che si osservano nel flusso di neutrini cosmici.

Una scoperta notevole, che fornisce un tassello in più per la conoscenza di queste piccolissime particelle che quotidianamente passano anche attraverso il nostro corpo senza recendercene conto.

Fonte: Science

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Tiangong-1: chi rompe paga? Le politiche internazionali sui danni spaziali
Ce lo stiamo chiedendo in molti: se la Tiangong-1 dovesse cadere in un centro abitato, chi risarcirà i danni? Esistono degli accordi internazionali
Le dune scure di Marte fotografate dall'MRO


Le macchie scure visibili nelle fotografie sono delle tipiche dune di sabbia marziana. La maggior parte della sabbia sulla Terra è composta del minerale noto come quarzo,
Il Nucleo Galattico Attivo di NGC 1448

NGC 1448 è una galassia dotata di un nucleo galattico attivo, ossia in cui il nucleo è la principale fonte di energia delle emissioni galattiche.
La galassia contiene un esempio
Guida ai più grandi satelliti di Saturno
Tra le più interessanti scoperte ottenute tramite la sonda Cassini, nei 20 anni che ci ha accompagnati, sicuramente molte hanno riguardato la possibilità di vedere da vicino le
Pint of Science 2018, ecco tutti gli appuntamenti
Anche quest'anno torna Pint of Science, l'iniziativa di comunicazione scientifica che porta i ricercatori nei locali a parlare di scienza, sorseggiando una bella birra.
Corona solare: il check-up completo degli ultimi 7 anni
Attraverso l'analisi di un'enorme quantità di dati ottenuti dall'SDO della NASA tra il 2010 ed il 2017, uno studio pubblicato su Science Magazine si pone l'obiettivo
Come funziona l'Atmosfera terrestre? - Parte I
Questo è il primo di una serie di approfondimenti che vuole portarci a capire più a fondo il funzionamento dell'atmosfera terrestre: dalla composizione dell'aria che respiriamo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: