M86 nell’Ammasso della Vergine

C’è un ponte di gas che collega queste due grandi galassie? Molto probabilmente, ma è difficile esserne sicuri. In alto a sinistra c’è M86, si tratta di una gigantesca galassia ellittica vicino al centro del vicino ammasso di galassie della Vergine. La nostra Via Lattea sta cadendo verso l’Ammasso della Vergine, situato a circa 50 milioni di anni luce di distanza. In basso a destra di M86 c’è l’insolita galassia a spirale NGC 4438, che, insieme al vicino angolare NGC 4435, è nota con il nome di Galassie Occhi (anche Arp 120). Qui è descritta una delle immagini più profonde scattate nella regione, indicando che il gas rosso incandescente che circonda M86 apparentemente lo connette a NGC 4438. L’immagine si estende per circa la dimensione della luna piena. Tuttavia è anche noto che la nube molecolare nella nostra galassia è sovrapposta di fronte all’ammasso della Vergine. Per la somiglianza con i cirri terrestri queste nubi molecolari vengono anche chiamate cirri infrarossi, avendo tale morfologia nella lunghezza d’onda dell’infrarosso, e le osservazioni della bassa velocità di questo gas sembrano più coerenti con l’ipotesi che sia originato dalla Via Lattea e quindi che non sia un ponte di gas che collega queste due grandi galassie. Comunque una risposta definitiva potrebbe venire dalla ricerca futura, che potrebbe anche scoprire il modo in cui sono state create gli estesi bracci blu di NGC 4435.

Fonte: NASA

Credits: Mark Hanson

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Speciale 8 Marzo: perché la scienza ha bisogno delle donne
Su iniziativa del partito socialista americano, nel 1909 venne proposta l'istituzione di una giornata della donna con l'intento di promuovere la parità dei diritti
SpaceUp: la Non-Conferenza sbarca a Pisa il 5 e 6 Maggio
La prima SpaceUp ha avuto luogo a San Diego nel 2010, in italia c'è stata un'edizione a Roma nel 2015 ed una a Milano nel 2016. Ma che cos'è SpaceUp, e che cos'è
InSight - approfondimento sulla missione della NASA
InSight, la nuova missione marziana della NASA è in arrivo sul Pianeta Rosso. L'obiettivo? Studiare l'interno di Marte per capirne più a fondo i processi che lo hanno
Stephen Hawking: una riflessione sull'uomo
Ieri, 14 marzo 2018, è morto Stephen Hawking. Abbiamo letto messaggi, riflessioni e commemorazioni di tutti i tipi sul web, ad indicare quanto fosse una figura amata da molti.
La fine delle Opportunità
Era pensato per percorrere 1 km in 90 giorni marziani, ed invece è durato 45 km e 15 anni. Ma nonostante questo il mondo dell'astronautica è in lutto: Opportunity è definitivamente perduto.



La
Water Harvesting: una soluzione futuristica per la mancanza d’acqua?
Circa 4 miliardi di persone sulla terra hanno accesso limitato all’acqua e oltre 1.7 milioni persone all’anno muoiono per carenza di acqua o per la
AlphaZero: la nuova IA che apprende da sé stessa
Le intelligenze artificiali possono battere i giocatori umani in giochi sempre più complessi, come gli scacchi, il Go e lo shogi. Un gruppo di ricerca di Google DeepMind

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: