La scoperta della particella Omega

Cosa saranno mai tutte queste curve bianche concentriche su fondo nero? Che si tratti dei famigerati cerchi nel grano? Forse un messaggio da popolazioni aliene lontane anni luce da noi?

Ovviamente no!! Nella foto a sinistra potete vedere l’immagine della scoperta della particella Ω- in camera a bolle, avvenuta nel 1964 al Brookhaven National Laboratory.

La particella Ω- è una particella molto particolare perché è costituita da tre quark strange e la sua scoperta è stata essenziale per lo studio dei quark che sono le particelle fondamentali della materia.

Nella camera a bolle, che è un dispositivo cilindrico contenente idrogeno allo stato liquido, sono stati fatti scontrare un protone e un mesone K- per dare luogo alla particella Ω-. I mesoni sono una famiglia di particelle che svolgono la funzione di mediatori della forza forte, ovvero della forza che tiene uniti i protoni e i neutroni nel nucleo degli atomi.

Nell’immagine a destra è rappresentata la schematizzazione dell’interazione: il mesone K- interagisce con un protone nell’idrogeno liquido della camera a bolle e produce la particella Ω- , un K0 e un K+ che decadono in altre particelle.

Le particelle neutre non producono alcuna traccia nella camera a bolle e sono indicate con linee tratteggiate nello schema: le loro proprietà sono dedotte dall’analisi delle tracce lasciate dalle particelle cariche prodotte nel loro decadimento e dall’applicazione delle leggi di conservazione di massa e energia.

Crediti: FOTO

 

Dal Giappone all'ISS: intervista a Marco Casolino, primo ricercatore all'INFN
Marco Casolino è un Fisico che opera presso l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, dove è Primo Ricercatore; tiene corsi sui raggi cosmici
L'importanza della filosofia nella ricerca scientifica
Mi trovo spesso dentro discorsi dove si "disdegna" e si declassifica la filosofia nell'ambito scientifico, come se parlare di metafisica fosse un crimine contro l'umanità.
Onde Gravitazionali: la prima volta di LIGO e VIRGO
Il 27 settembre 2017, la Collaborazione Virgo e la Collaborazione LIGO hanno annunciato la prima osservazione di onde gravitazionali ottenuta tramite il lavoro congiunto
Rømer e la scoperta della velocità della luce
Oggi diamo quasi per scontato che la velocità della luce sia finita, nonostante molto elevata (circa 300.000 km/s) ma in passato ci sono stati pareri discordanti, dovuti anche
Acqua liquida sotto la superficie di Marte

Lo strumento MARSIS a bordo della missione Mars Express dell'ESA ha rilevato la presenza di una riserva di acqua liquida al di sotto della regione polare sud di Marte. La scoperta
Ascensore spaziale: dalla fantascienza dell'Onniologo ad una possibilità reale
Uno dei maggiori problemi dell'esplorazione spaziale è che occorre utilizzare una grande massa (il carburante) che si perde poco dopo il lancio.
Un guscio di plasma per i rientri atmosferici
Viaggiare nello spazio non è così semplice come si è portati a pensare. La fantascienza ci offre spesso degli scenari molto idilliaci, in cui viaggiare da un pianeta all'altro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: