La scoperta della particella Omega

Cosa saranno mai tutte queste curve bianche concentriche su fondo nero? Che si tratti dei famigerati cerchi nel grano? Forse un messaggio da popolazioni aliene lontane anni luce da noi?

Ovviamente no!! Nella foto a sinistra potete vedere l’immagine della scoperta della particella Ω- in camera a bolle, avvenuta nel 1964 al Brookhaven National Laboratory.

La particella Ω- è una particella molto particolare perché è costituita da tre quark strange e la sua scoperta è stata essenziale per lo studio dei quark che sono le particelle fondamentali della materia.

Nella camera a bolle, che è un dispositivo cilindrico contenente idrogeno allo stato liquido, sono stati fatti scontrare un protone e un mesone K- per dare luogo alla particella Ω-. I mesoni sono una famiglia di particelle che svolgono la funzione di mediatori della forza forte, ovvero della forza che tiene uniti i protoni e i neutroni nel nucleo degli atomi.

Nell’immagine a destra è rappresentata la schematizzazione dell’interazione: il mesone K- interagisce con un protone nell’idrogeno liquido della camera a bolle e produce la particella Ω- , un K0 e un K+ che decadono in altre particelle.

Le particelle neutre non producono alcuna traccia nella camera a bolle e sono indicate con linee tratteggiate nello schema: le loro proprietà sono dedotte dall’analisi delle tracce lasciate dalle particelle cariche prodotte nel loro decadimento e dall’applicazione delle leggi di conservazione di massa e energia.

Crediti: FOTO

 

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

La curva di luce di TRAPPIST-1, ovvero: come funziona il metodo dei transiti?
Esistono diversi modi per scoprire un pianeta extrasolare e determinarne le proprietà di interesse. Uno di questi, e quello per ora più fruttuoso,
I 4 migliori obiettivi per il rover NASA del 2020
Nel 2020 la NASA lancerà un nuovo rover, e gli scienziati si sono pronunciati sui possibili luoghi di atterraggio di questa missione. Il cratere Jezero, il più accreditato
L'importanza della filosofia nella ricerca scientifica
Mi trovo spesso dentro discorsi dove si "disdegna" e si declassifica la filosofia nell'ambito scientifico, come se parlare di metafisica fosse un crimine contro l'umanità.
L'Angolo dei Paradossi: il paradosso di Anfibio
Cari utenti,
da oggi vorremmo presentarvi una nuova curiosa rubrica. Questa volta non parleremo di buchi nere, stelle di neutroni o asteroidi ma bensì dei paradossi.
Ma
Quelle molecole organiche su Cerere
Un recente studio spettroscopico effettuato da un team italiano grazie ai dati della sonda Dawn ha rivelato la presenza di composti alifatici sulla superficie di Cerere. La natura di
L'ombra nei crateri di Cerere


Ecco come l'illuminazione dell'emisfero nord di Cerere varia con la variazione dell'inclinazione dell'asse di rotazione, rispettivamente 2°, 12° e 20° nei tre fotogrammi della GIF, dove
20 ottobre, il picco delle Orionidi, i frammenti della cometa di Halley
In agosto stiamo quasi tutti con il naso all'insù a contare le stelle cadenti di San Lorenzo. Tuttavia quello non è l'unico sciame osservabile durante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: