Campi magnetici galattici

Non solo i pianeti e le stelle, ma anche le intere galassie possiedono dei campi magnetici. Certo, si tratta di soggetti molto più complessi, deboli e diffusi, la cui misura è talvolta molto complicata.

Recentemente lo strumenti HAWC+ dell’osservatorio SOFIA ha con successo analizzato il campo magnetico di alcune galassie osservando la polarizzazione della luce riflessa dai grani di polvere. Questa è un parametro importante, al pari della frequenza e dell’ampiezza, che ci può dire molto sulla storia e sul comportamento della radiazione che stiamo osservando, ed è pertanto determinata anche da ciò che influenza i grani di polvere, come il campo magnetico in cui sono immersi.

L’immagine di copertina è M82, la Galassia Sigaro, sita a 12 milioni di anni luce nell’Orsa Maggiore, in cui è evidenziato il campo magnetico centrale, perpendicolare al disco e parallelo alla direzione dei forti venti galattici. Ciò implica anche che il campo magnetico ha probabilmente un ruolo nel trasporto di tali venti, che non sono altro che l’equivalente galattico dei venti stellari.

Fonte: NASA

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Muore Alan Bean, il 4° uomo sulla Luna
26 maggio 2018,  Houston: all'età di 86 anni muore Alan Bean, il quarto astronauta ad aver camminato sulla Luna.
Bean ha viaggiato due volte nello spazio per un totale di 69 giorni.
Come funziona l'anestesia?


Oggi tutti sappiamo che per subire un’operazione è necessario sottoporsi ad un trattamento anestesiologico onde evitare dolori eccessivi.

Ma come funziona esattamente? Per spiegare questo
Strumenti dal passato: la macchina di Anticitera
Vi siete mai chiesti quali strumenti venissero utilizzati nell'antichità per la misurazione delle fasi lunari o per il movimento dei pianeti? Se non avete mai letto niente
La stella di Scholz e le comete degli uomini di Neanderthal
Altro che "stelle fisse": le stelle si muovono, e anche molto, all'interno della propria galassia. La stella di Scholz passò a meno di un anno luce dal Sole
BOINC, il proprio pc al servizio della ricerca
Il Berkeley Open Infrastructure for Network Computing, per gli amici BOINC, è un software che permette di utilizzare le risorse non utilizzate del proprio computer per aiutare
NGC 6231, un ammasso di neonate nello Scorpione
NGC 6231, situato a circa 5200 anni luce dalla Terra, è un soggetto incredibilmente interessante per lo studio degli ammassi stellari. Si trova infatti alla fine della fase
Eureka! Quando l'ipotesi diventa teoria
Vi sarete accorti che molto spesso i termini "teoria" e "ipotesi" vengono spesso fraintesi dai "non addetti ai lavori". Vi è ormai una confusione di massa su questi due termini,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: