Tempesta solare in arrivo venerdì 8 settembre

In soli quattro giorni sono avvenuti ben tre brillamenti nella stessa regione attiva del Sole. Due di questi nella giornata di mercoledì, si temono disturbi alle telecomunicazioni questo pomeriggio.

animation of SDO observations of Sept. 6, 2017, flares

Delle tre espulsioni di massa coronale, l’ultima è stata di eccezionale intensità. I due eventi sono stati ripresi dall’osservatorio solare SDO della NASA (si veda GIF qui sopra), e sono stati di intensità X2.2 e X9.3, rispettivamente. Le classi di intensità di questi eventi sono A, B, C, M ed X: la classe X indica le emissioni più intense, ed il numero che segue fornisce ulteriori informazioni sull’intensità, in maniera lineare (X9.3 è 9.3 volte più potente di X1).

Nel corso dell’attuale ciclo solare, questa è stata l’emissione più intensa. La precedente di tale intensità si è verificata nel 2006, alla fine del precedente ciclo undicinale.

Nelle prossime ore, si temono parziali disturbi alle telecomunicazioni a causa dell’arrivo della tempesta frutto di questa emissione.

Dal Giappone all'ISS: intervista a Marco Casolino, primo ricercatore all'INFN
Marco Casolino è un Fisico che opera presso l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, dove è Primo Ricercatore; tiene corsi sui raggi cosmici
Dodekatheon: ecco la copertina in esclusiva del 4° capitolo dell'Onniologo
Come annunciato da qualche settimana sulla nostra pagina Facebook, Cronache dal Silenzio è stato scelto per ospitare il Cover Reveal del quarto
Vita su Marte? No, non lo sappiamo ancora
Su Marte, la vita, c'è o c'è stata in passato? La verità è che nonostante tutto, continuiamo a non saperlo. La NASA ieri ha annunciato la scoperta di antichi depositi organici
Onde Gravitazionali: la prima volta di LIGO e VIRGO
Il 27 settembre 2017, la Collaborazione Virgo e la Collaborazione LIGO hanno annunciato la prima osservazione di onde gravitazionali ottenuta tramite il lavoro congiunto
N6946-BH1: storia di una supernova fallita
Dagli attuali modelli stellari risulta che le supernovae che osserviamo sono meno del previsto. Un nuovo studio, effettuato tramite Lbt, Hubble e Spitzer, potrebbe risolvere
Come funziona l'Atmosfera terrestre? - Parte II
Questo è il secondo di una serie di approfondimenti che vuole portarci a capire più a fondo il funzionamento dell’atmosfera terrestre: dalla composizione dell’aria che respiriamo
KELT-9b: il pianeta più caldo mai osservato
KELT-9b è il nome di un pianeta hot jupiter scoperto da poco nel sistema di KELT-9 che sfida qualunque pianeta finora osservato, avendo una temperatura di oltre 4600 K, maggiore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: